VIDEO

Essere Manutencoop #TRAILER

Persone
Massimo Cirri intervista Claudio Levorato - Essere Manutencoop #TRAILER

PLAY

PRONTI A RIPARTIRE

leggi la loro storia

Gente come noi i nostri veri testimonial
Sei in: webAmbiente / numero 1 - 2010 / Il bancone del bar

IL BANCONE DEL BAR

Nicolini

di MASSIMO CIRRI
biografia

due sorsi di confidenze
Mi fai un riassunto?


- Ma tu c’eri?
- Io c’ero.
- Com’è stato? Fammi un riassunto.
- Non è facile... Molte cose.
- Provaci.
- E se ti do un’immagine distorta, se ne esci con un’impressione falsata? Se ti confondo le idee?
- E se la fai finita e mi racconti?
- Vabbene. Allora: è l’undici maggio. Siamo a Bologna e c’è la prima riunione di quello che il Presidente Levorato ha chiamato“il gruppo dirigente allargato” di Manutencoop ...
- “Gruppo dirigente allargato”? E che vuol dire? O il gruppo è dirigente o è allargato.
- Non cominciare subito a fare questioni. Gruppo dirigente allargato vuol dire che ci sono tutti quelli che comandano. Quelli che comandano molto e quelli che comandano meno. Chiaro?
- Chiaro. Cos’ha detto Levorato?
- Che la condivisione è il valore più importante in un’impresa. E che più ce n’è meglio è.
- E noi ne abbiamo?
- Abbastanza. Ma se ne può trovare di più.
- E dove la si compra, la condivisone?
- Non c’è bisogno di comprarla perché ce l’abbiamo già in azienda. Quindi non costa nulla, si risparmia ma bisogna saperla tirare fuori.
- E poi?
- E poi Casagrande ha detto che bisogna cominciare a farsi il mazzo anche all’estero.
- E perché?
- Perché se non facciamo il mazzo ai concorrenti in Europa loro ci fanno un mazzo grande come l’Europa.
- Ha detto proprio così?
- Non proprio, ma lo spirito è questo. Lo ha detto anche Matteoli: “O facciamo il mazzo alla concorrenza già qui in Italia o la concorrenza ce lo fa a noi”.
- E la Lisa Cacciari cos’ha detto?
- Che in Manutencoop c’è gente che viene da molte aziende diverse. Che alcuni si sentono ancora un po’ troppo legati alle aziende di provenienza e che sai cosa gli farebbe lei a questi?
- Un mazzo grande così?
- Vedo che la conosci abbastanza bene.
- E Prodi?
- Prodi ha detto che il mondo è complicato. Che i cinesi lo riprenderanno in mano come hanno fatto per 17 secoli sugli ultimi 19. I cinesi sono sempre stati i primi, quelli più avanti di tutti. Questi ultimi due secoli, per loro, sono stati solo un incidente di percorso. Ma adesso si rimettono in carreggiata.
- Quindi non è che c’è da aver paura perché stanno arrivando i cinesi. C’è da aver paura perché stanno tornando!
- Esatto.
- E noi?
- Noi, ha detto Prodi, ci salviamo se sappiamo valorizzare il nostro capitale umano.
- Altrimenti?
- Altrimenti non li ferma neanche Lisa Cacciari
- Come si fa a valorizzare il capitale umano?
- Lo ha detto Dealessi: bisogna scegliere i migliori.
- E poi?
- E poi la Scalorbi ha detto che si comincia ascoltando le persone. Tutte. Anche se parlano lingue strane e sanno poco l’italiano. E così si costruisce una relazione. Per lavorare meglio e raggiungere gli obiettivi.
- Bisogna ascoltare tutti?
- Tutti. Da pari a pari. Rossi ha raccontato che a L’Aquila, quando abbiamo lavorato per il G8, lo ha chiamato Obama perché era rimasto senza luce in stanza.
- Obama. Il Presidente degli Stati Uniti ha chiamato Rossi? Aveva il suo numero di cellulare?
- Non proprio. Ma aveva un problema ed è andato Rossi. Così si sono trovati davanti: uno in mutande e canottiera – Obama – e l’altro in ciabatte da mare, Rossi.
- Un incontro tra due raffinatoni...
- Quello in ciabatte ha saputo ascoltare il problema di quello in mutande. Senza star lì a guardare l’abbigliamento.
- E com’è finita?
- Uno aveva un problema da risolvere, e l’altro glielo ha risolto. Poi ha salutato ed è tornato a dormire.
- L’altro è rimasto sveglio?
- Questo non lo sappiamo. Però la luce ce l’aveva di nuovo. Lo ha detto Scotto: bisogna sapere e saper fare. Non come uomini ma come squadra.
- E allora?
- E allora bisogna fare squadra, per ottenere i risultati. Questo lo ha detto Gozzi, con i numeri: l’azienda nel 2001 produceva ricavi per 35 milioni euro, oggi abbiamo chiuso il 2009 a 115 milioni di euro. Non so se mi spiego.
- Va bene. Adesso domande a risposta secca. Sei pronto?
- Vai.
- A vederli tutti insieme, si vede la differenza tra quelli di Manutencoop e quelli che vengono da Pirelli?
- Mica tanto.
- Gente che prendeva appunti?
- Molta.
- Gente che dormiva durante gli interventi?
- Direi nessuno.
- Gente appisolata durante gli interventi del dopo pranzo?
- Pochi.
- Menù del pranzo?
- Non mi ricordo. Che importanza ha?
- Se è primo, secondo, contorno dolce e cafè siamo in un contesto a forte connotazione emiliano-romagnola cooperativistica. Se c’è il piatto unico l’impronta è aziendal-milanese. Fa la sua differenza.
- La prima che hai detto. C’era anche l’antipasto.
- Foto di gruppo nel dopo pranzo?
- Alcune ma composte.
- Quanti uomini hanno cercato di baciare la sposa?
- Ma perché? Non era mica un matrimonio.
- Bene. Vuol dire che nessuno aveva esagerato con il vino. Donne?
- In che senso?
- Quante donne c’erano? Quante donne ci sono nel gruppo dirigente allargato?
- Un po’ poche. Ma toste.
- Percentuale di maschi in cravatta e senza cravatta?
- Direi un 90 a 10.
- Cravatta di Levorato?
- Grigia. Normale.
- Normale? Come “Normale”? Una cravatta di Levorato senza righe, righette, rombi strambi, bambi, bombi?
- Normale. Grigia.
- Di “Lo giuro”
- Lo giuro
- Incredibile. O sei te che non li sai fare i riassunti

Sostenibilità

Un Bilancio “straordinario”
Sostenibilità

notizia 1

di Giancarlo Strocchia e Sara Ghedini

L’insorgenza della pandemia ha inciso inevitabilmente su tutti i processi aziendali, anche quelli che investono la sostenibilità. Il nuovo Bilancio di sostenibilità 2020 del Gruppo Rekeep ne rende conto ma, allo stesso tempo, descrive i grandi passi avanti compiuti in base agli obiettivi.

LEGGI

Attualità

Un Gruppo sempre più internazionale
Attualità

notizia 2

di Chiara Filippi

Il 2020 e i primi mesi del 2021 si sono rivelati soddisfacenti in termini economici per rekeep. Prosegue la crescita all’estero che rimane il principale obiettivo anche in futuro.

LEGGI

Crescono in Rete i “fan” di Rekeep
Social

notizia 2

a cura della Redazione

Sembrava una sfida complessa ma si è trasformata in una bella scommessa vinta. Parliamo dell’apertura e dello sviluppo dei canali social di Rekeep e della diffusione di storie e post che raccontano le attività aziendali e l’impegno di ogni singolo operatore, anche e soprattutto in questo periodo di emergenza sanitaria.

LEGGI