YouGenio

Scopri YOUGENIO

VIDEO

Essere Manutencoop #TRAILER

Persone
Massimo Cirri intervista Claudio Levorato - Essere Manutencoop #TRAILER

PLAY

Festività 2016

Gruppo
Festività 2016
Gli auguri dei vertici del Gruppo Manutencoop PLAY

Bilancio Sociale 2014

Eventi
Presentazione Bilancio Sociale 2014

PLAY

SU IL SIPARIO SU REKEEP

leggi la loro storia

gente come noi i nostri veri testimonial
Sei in: webAmbiente / numero 3 - 2009 / Il bancone del bar

IL BANCONE DEL BAR

Nicolini

di MASSIMO CIRRI biografia

due sorsi di confidenze Vendere e comprare


- Allora, si vende? - Più che vendere, si è venduto. - Te sei più per vendere o più per comprare? - Ma che domanda è? Se c’è da vendere si vende. Se c’è da comprare si compra.
- Ma che risposta è? Ti sei venduto i lobi frontali?
- Volevo dire, raffinato intellettuale dei miei cabasisi, che vendere e comprare dipende dalle circostanze.
- Tutto dipende dalle circostanze.
- Giusto. Ma fai uno sforzo e seguimi nel ragionamento: tu sei di radice contadina, come famiglia. Vero?
- Vero. E anche fiero di esserlo. Nonno contadino, padre operaio, io diplomato.
- Io uguale. Come mezz’Italia che è passata dalla terra all’industria e poi ai servizi. Questo è il punto.
- E che c’entra? Facciamo uno Speciale Superquark sull’abbandono delle campagne nel dopoguerra?
- C’entra perché vendere e comprare noi ce l’abbiamo nell’antropologia.
- Dov’è che ce l’abbiamo? Spiegami bene, Pieroangela.
- Vuol dire che per te vendere è sempre un problema. Qualcosa che ti turba. è una questione mentale. Perché ti porti dentro un pensiero così.
- Dimmi, dimmi. Spiegami te quello che penso io. Ti manca il maglioncino celeste e poi sei uguale preciso a Paolo Crepet.
- Te invece mi sembri la Prestigiacomo da Floris, che sai solo interrompere.
- Piano con le parole. Continua.
- Allora noi ci portiamo dentro l’idea che vendere è sempre un problema. Perché allora, da contadini, si vendeva solo quando non se ne poteva fare a meno. Quando si aveva l’acqua alla gola. Se c’era difficoltà. Sennò si comprava. “Se le cose vanno bene si compra, se vanno male tocca vendere”, questo era il discorso.
- Una questione di mentalità?
- Si. Anche se poi non era mica sempre così. Mio nonno aveva venduto un podere, su in collina, per avere i soldi e comprarne un altro. Più vicino a casa e che rendeva di più.
- Un investimento per il futuro?
- Lui diceva così. Anche se futuro è una parola moderna. Lui lo chiamava domani.
- Come sei profondo.
- E ho preso un analcolico. Vedessi cosa ti tiro fuori dopo un Negroni.
- E per tornare a tuo nonno: il futuro? Ci sarà il futuro? Noi stiamo qui a discutere di vendere e comprare e se poi il mondo finisce nel 2012?
- L’hai visto in televisione, Voyager? Con quello là...
- Giacobbo. Secondo lui tiriamo il 2012 e poi morta lì: arriva la fine del mondo.
- Ma perché proprio il 2012? Non fa neanche cifra tonda.
- è il calendario Maya. Inciso su pietra migliaia di anni fa ma preciso al millimetro.

"Ci sarà il futuro? Noi stiamo qui a discutere di vendere e comprare e se poi il mondo finisce nel 2012?"

- Giacobbo è l’unico che in ufficio tiene appeso alla parete il calendario Maya invece di quello della Ferilli. Tu ce l’hai sempre la Ferilli
o sei passato alla Casalegno?
- Lascia perdere, che c’entra. Il calendario Maya mette la fine del mondo al 2012. E non è il solo. Devi sapere che sul 2012 convergono un numero impressionante di segnali. La costruzione delle piramidi di Giza e della Sfinge, così come quella di templi cambogiani e andini, oltre ovviamente alla piramide Maya di Kukalkán, sembrano legate da un misterioso filo rosso. Lo stesso filo che riemerge dalle letture esoteriche della Genesi o dell’I-Ching, dalla profezia dei teschi di cristallo e da quelle di Malachia e Nostradamus. Senza contare che le ultime scoperte scientifiche ci documentano che la terra sta rallentando la sua evoluzione, il suo campo magnetico si sta indebolendo, lo strato di ozono si sta assottigliando, l’intero Sistema solare si sta riscaldando. Questo dice in sintesi Roberto Giacobbo
- E allora?
- E allora: il mondo finisce il 21 dicembre 2012, anche se non si sa l’ora esatta. Questo porta con sé due cose. La prima: posso risparmiarmi i regali di Natale 2012, che sono sempre uno sbattimento.
- La seconda?
- Non sarà il caso di chiedere l’anticipo del Tfr e goderselo tutto da qui al 21 dicembre 2012, senza pensare al domani.
- E se fosse un pacco?
- Giacobbo o il Tfr?
- Più Giacobbo.
- Probabile. Ma anche il Tfr...
- E per tornare al vendere e al comprare: comprare abbiamo comprato parecchio, qua in cooperativa.
- Adesso però abbiamo venduto. La MSA.
- E ti dispiace?
- Un po’ si.
- Perché vendere vuol dire separarsi. Allora viene fuori un po’ di nostalgia.
- Senti, rimanendo in televisione: sul sito della cooperativa c’è il video del presidente Levorato che spiega la questione della MSA. L’hai visto?
- No. Com’è?
- Dice che per crescere bisogna concentrarsi su un settore specifico. Si vende per investire.
- Che effetto ti ha fatto?
- Rassicurante. Però...
- Però?
- Il presidente rassicurante. La sua cravatta invece non l’ho ancora capita.
- Com’è?
- Nera con i geroglifici bianchi. Di certo non mi ha lasciato indifferente. Casomai stasera me la riguardo.
- Non è che se la vede Giacobbo, una cravatta così, ci costruisce sopra tutta una sua teoria.
- Il rischio c’è.

Attualità

Un Gruppo che cambia

Attualità

notizia 1

di Chiara Filippi

Dopo lunghe e impegnative operazioni finanziarie, il 100% di Manutencoop Facility Management S.p.A. è tornato nelle mani di Manutencoop Società Cooperativa. La conclusione dell’iter è coincisa, inoltre, con la nomina di un nuovo consiglio di amministrazione e la riorganizzazione del management aziendale.

LEGGI

Welfare aziendale

Il valore torna in primo piano
Welfare aziendale

notizia 2

di Giancarlo Strocchia

Una grande affermazione ha caratterizzato anche l’ottava edizione della manifestazione “Un futuro di valore” che ogni anno assegna borse di studio in denaro agli studenti delle scuole superiori e delle università, figli di dipendenti delle società del gruppo. Complessivamente sono stati 280 i premi attribuiti.

LEGGI

Sostenibilità

Al S.Orsola-Malpighi una centrale del futuro
Sostenibilità

notizia 2

di Giancarlo Strocchia

Un intervento del valore di 37,4 milioni di euro, realizzato da Manutencoop Facility Management, ha consentito di dotare una delle principali strutture sanitare della regione, e del paese, di un impianto di trigenerazione energetica.

LEGGI