VIDEO

Essere Manutencoop #TRAILER

Persone
Massimo Cirri intervista Claudio Levorato - Essere Manutencoop #TRAILER

PLAY

PRONTI A RIPARTIRE

leggi la loro storia

Gente come noi i nostri veri testimonial
Sei in: webAmbiente / numero 1- 2021 / Il bancone del bar

IL BANCONE DEL BAR

Cirri Massimo

di MASSIMO CIRRI
biografia

due sorsi di confidenze
Per un sudoku in più

 

-Ho fatto i conti, li ho fatti precisi: mi succede due volte su tre. Due su tre, il 66% dei casi
-Due su tre cosa?
-Due volte su tre esco di casa, mi chiudo la porta alle spalle, prendo l’ascensore e tac, mi accorgo di essere uscito senza mascherina.
-Quindi?
-Quindi schiaccio il pulsante stop dell’ascensore, risalgo, rientro in casa, prendo la mascherina e riparto. Ma una volta su due...
-Non era due su tre?
-Due su tre mi dimentico la mascherina. Una su due schiaccio stop nell’ascensore
-Una su due?
-L’ascensore è vecchio. E allora penso: “Metti che il pulsante stop funzioni male e l’ascensore si blocca? Metti che resto chiuso dentro e deve venire il tecnico a liberarmi? E quanto tempo ci mette? E poi vede che sono senza mascherina e mi fa anche un cazziatone? Metti che mi denunzia al generale Figliuolo che irrompe con la tuta mimetica in una riunione di condominio e mi addita al pubblico disprezzo”
-Quindi?
-Quindi arrivo al piano terra e poi risalgo.
-Una volta su due?
-Si
-E l’altra?
-Corro il rischio. Chiudo gli occhi e pigio stop. Ho una mia parte alla Steve McQueen, cosa credi, voglio una vita spericolata. Hai presente? Vasco Rossi?
-Come no. Complimenti. Davvero una vita spericolata la tua, una vita come quelle dei film
-Comunque torno in casa, prendo la mascherina e riesco. Faccio veloce ma una volta su tre qualcuno mi ha fregato l’ascensore
-E allora?
-Allora scendo a piedi. Fare le scale a piedi fa anche bene alla salute. No?
-Sicuro. La salute fisica è importante. Ma io terrei sotto controllo anche quella mentale
-Dici?
-Mah...
-Ma quest’anno e passa di virus, pandemia, lockdown e tutto il resto, non ti ha cambiato? Non siamo tutti un po’ diversi?
-Si e no
-Detto meglio?
-Si, ci ha cambiati. Ma non so quanto. Ci siamo ancora un po’ dentro e non si capisce bene
-Siamo tutti più stanchi
-Si. È la fatica da pandemia.
-E quando eravamo stanchi, stanchissimi, ti ricordi, ma c’era quell’energia nervosa e si lavorava per tirar su reparti in ospedale e si facevano in venti ore cose che prima, a pensarci, si sarebbero fatte in due settimane. O anche tre...
-L’adrenalina?
-Quella roba lì. Ma anche la sensazione di essere in un’emergenza mai vista prima, mai. Come fosse una guerra e...
-Ma non era una guerra...
-No, certo, figurati. Però era una cosa mai capitata prima e talmente sconvolgente che non avevamo altre parole che quelle della guerra
-Le file per il pane...
-È vero. Abbiamo cominciato a fare la fila fuori dai negozi per comprare le cose. Le file per il pane. Da non crederci
-O la fila per il lievito
-Lunghissima, quella per il lievito. Quante torte di mele. Il lockdown un paio di chili in più me li ha lasciati di sicuro.
-E la paura di ammalarsi
-E quella sensazione che poteva capitare anche a te...
-Sentirsi vulnerabili. In una settimana o poco più siamo diventati di colpo “vulnerabili”.
-E i figli chiusi in casa che fanno scuola al computer
-E si adattano alla svelta e dopo una settimana sembra la cosa più naturale del mondo
-E il cane...
-Il cane?
-Il più contento di tutti: in casa c’era sempre qualcuno. Non stava mai da solo. Una pacchia. E poi la gara a portarlo fuori
-Col cane si poteva uscire, sempre.
-E ce l’avevi quella sensazione che tutto fosse legato?
-Cioè?
-Se io sto chiuso in casa, se non esco se non è proprio indispensabile, qualcuno non finisce ricoverato in una terapia intensiva.
-Perché se sto in casa il virus non circola. O circola meno. Si ce l’avevo: ci sentivamo tutti sulla stessa barca
-A me pareva di vederlo, quel filo che lega tutto. Qualcuno che in una grotta in una foresta pluviale della Cina dà fastidio a un pipistrello, il pipistrello che si struscia contro un pangolino, qualcuno che si mangia un pangolino crudo...
-Il pangolino si fa in carpaccio?
-Non lo so. Ma troppa carne fa male, è certo. E il virus che arriva dalla Cina fino a qua e da questa parte del filo ci sono io che posso solo stare chiuso in casa il più possibile. –O che vado a far funzionare un ospedale al meglio possibile...
-Questo siamo. Un reticolato di fili. E i due turchi? Ci sono anche loro nel filo
-I due turchi?
-I due ricercatori, quelli di BioNTech, marito e moglie. Quelli che hanno fatto il vaccino...
-I due figli di immigrati in Germania, loro?
-Loro. E lo hanno fatto, il vaccino, in un fine settimana
-Non lo sapevo che avessero fatto così alla svelta. Bravi davvero. Io, una volta, in un fine settimana ho ridipinto casa. Ma stavo in un bilocale. Fare un vaccino a RNA messaggero deve essere un filino più complicato
-Com’è venuta la casa?
-Qualche segno di pennello sul soffitto. Ma complessivamente non male. Si può sempre migliorare
-Effetti collaterali ne hai avuti?
-Mal di schiena. Niente di che
-E questa storia del visus, a pensarci, forse ci ha insegnato a lavorare ancora un po’ meglio. Hai visto Newsweek?
-Newscosa?
-Newsweek, la rivista americana. Qualche settimana fa aveva la classifica dei migliori ospedali italiani, la pubblica ogni anno...
-E?
-In cima ci sono il Gemelli di Roma, il Sant’Orsola di Bologna e il Niguarda di Milano. E in tutti e tre chi ci lavora?
-Noi di Rekeep?
-Esatto. E siamo in più della metà dei primi venti ospedali
-Ma tu leggi Newsweek? Ti ho sempre visto, al massimo, con la Gazzetta dello Sport
-L’ho letto su Facebook. Ma se dici Newsweek ci fai la tua bella figura
-Ma ce le ha le pagine di sport il Newsweek?
-Dovrebbe
-E il sudoku?
-Il sudoku?
-Una rivista senza sudoku io non la compro.

Giugno 2021

Gente come Noi

La nostra forza

Gente come Noi

notizia 1

di Chiara Filippi

In tre interviste gli ingredienti del successo di Rekeep: passione e responsabilità, voglia di riscatto ed orgoglio, competenza e senso di appartenenza.

LEGGI

Sostenibilità

Un Bilancio “straordinario”
Sostenibilità

notizia 2

di Giancarlo Strocchia e Sara Ghedini

L’insorgenza della pandemia ha inciso inevitabilmente su tutti i processi aziendali, anche quelli che investono la sostenibilità. Il nuovo Bilancio di sostenibilità 2020 del Gruppo Rekeep ne rende conto ma, allo stesso tempo, descrive i grandi passi avanti compiuti in base agli obiettivi.

LEGGI

Attualità

Un Gruppo sempre più internazionale
Attualità

notizia 2

di Chiara Filippi

Il 2020 e i primi mesi del 2021 si sono rivelati soddisfacenti in termini economici per rekeep. Prosegue la crescita all’estero che rimane il principale obiettivo anche in futuro.

LEGGI