VIDEO

Essere Manutencoop #TRAILER

Persone
Massimo Cirri intervista Claudio Levorato - Essere Manutencoop #TRAILER

PLAY

PRONTI A RIPARTIRE

leggi la loro storia

Gente come noi i nostri veri testimonial
Sei in: webAmbiente / numero 1- 2021 / Il bancone del bar

IL BANCONE DEL BAR

Cirri Massimo

di MASSIMO CIRRI
biografia

due sorsi di confidenze
Per un sudoku in più

 

-Ho fatto i conti, li ho fatti precisi: mi succede due volte su tre. Due su tre, il 66% dei casi
-Due su tre cosa?
-Due volte su tre esco di casa, mi chiudo la porta alle spalle, prendo l’ascensore e tac, mi accorgo di essere uscito senza mascherina.
-Quindi?
-Quindi schiaccio il pulsante stop dell’ascensore, risalgo, rientro in casa, prendo la mascherina e riparto. Ma una volta su due...
-Non era due su tre?
-Due su tre mi dimentico la mascherina. Una su due schiaccio stop nell’ascensore
-Una su due?
-L’ascensore è vecchio. E allora penso: “Metti che il pulsante stop funzioni male e l’ascensore si blocca? Metti che resto chiuso dentro e deve venire il tecnico a liberarmi? E quanto tempo ci mette? E poi vede che sono senza mascherina e mi fa anche un cazziatone? Metti che mi denunzia al generale Figliuolo che irrompe con la tuta mimetica in una riunione di condominio e mi addita al pubblico disprezzo”
-Quindi?
-Quindi arrivo al piano terra e poi risalgo.
-Una volta su due?
-Si
-E l’altra?
-Corro il rischio. Chiudo gli occhi e pigio stop. Ho una mia parte alla Steve McQueen, cosa credi, voglio una vita spericolata. Hai presente? Vasco Rossi?
-Come no. Complimenti. Davvero una vita spericolata la tua, una vita come quelle dei film
-Comunque torno in casa, prendo la mascherina e riesco. Faccio veloce ma una volta su tre qualcuno mi ha fregato l’ascensore
-E allora?
-Allora scendo a piedi. Fare le scale a piedi fa anche bene alla salute. No?
-Sicuro. La salute fisica è importante. Ma io terrei sotto controllo anche quella mentale
-Dici?
-Mah...
-Ma quest’anno e passa di virus, pandemia, lockdown e tutto il resto, non ti ha cambiato? Non siamo tutti un po’ diversi?
-Si e no
-Detto meglio?
-Si, ci ha cambiati. Ma non so quanto. Ci siamo ancora un po’ dentro e non si capisce bene
-Siamo tutti più stanchi
-Si. È la fatica da pandemia.
-E quando eravamo stanchi, stanchissimi, ti ricordi, ma c’era quell’energia nervosa e si lavorava per tirar su reparti in ospedale e si facevano in venti ore cose che prima, a pensarci, si sarebbero fatte in due settimane. O anche tre...
-L’adrenalina?
-Quella roba lì. Ma anche la sensazione di essere in un’emergenza mai vista prima, mai. Come fosse una guerra e...
-Ma non era una guerra...
-No, certo, figurati. Però era una cosa mai capitata prima e talmente sconvolgente che non avevamo altre parole che quelle della guerra
-Le file per il pane...
-È vero. Abbiamo cominciato a fare la fila fuori dai negozi per comprare le cose. Le file per il pane. Da non crederci
-O la fila per il lievito
-Lunghissima, quella per il lievito. Quante torte di mele. Il lockdown un paio di chili in più me li ha lasciati di sicuro.
-E la paura di ammalarsi
-E quella sensazione che poteva capitare anche a te...
-Sentirsi vulnerabili. In una settimana o poco più siamo diventati di colpo “vulnerabili”.
-E i figli chiusi in casa che fanno scuola al computer
-E si adattano alla svelta e dopo una settimana sembra la cosa più naturale del mondo
-E il cane...
-Il cane?
-Il più contento di tutti: in casa c’era sempre qualcuno. Non stava mai da solo. Una pacchia. E poi la gara a portarlo fuori
-Col cane si poteva uscire, sempre.
-E ce l’avevi quella sensazione che tutto fosse legato?
-Cioè?
-Se io sto chiuso in casa, se non esco se non è proprio indispensabile, qualcuno non finisce ricoverato in una terapia intensiva.
-Perché se sto in casa il virus non circola. O circola meno. Si ce l’avevo: ci sentivamo tutti sulla stessa barca
-A me pareva di vederlo, quel filo che lega tutto. Qualcuno che in una grotta in una foresta pluviale della Cina dà fastidio a un pipistrello, il pipistrello che si struscia contro un pangolino, qualcuno che si mangia un pangolino crudo...
-Il pangolino si fa in carpaccio?
-Non lo so. Ma troppa carne fa male, è certo. E il virus che arriva dalla Cina fino a qua e da questa parte del filo ci sono io che posso solo stare chiuso in casa il più possibile. –O che vado a far funzionare un ospedale al meglio possibile...
-Questo siamo. Un reticolato di fili. E i due turchi? Ci sono anche loro nel filo
-I due turchi?
-I due ricercatori, quelli di BioNTech, marito e moglie. Quelli che hanno fatto il vaccino...
-I due figli di immigrati in Germania, loro?
-Loro. E lo hanno fatto, il vaccino, in un fine settimana
-Non lo sapevo che avessero fatto così alla svelta. Bravi davvero. Io, una volta, in un fine settimana ho ridipinto casa. Ma stavo in un bilocale. Fare un vaccino a RNA messaggero deve essere un filino più complicato
-Com’è venuta la casa?
-Qualche segno di pennello sul soffitto. Ma complessivamente non male. Si può sempre migliorare
-Effetti collaterali ne hai avuti?
-Mal di schiena. Niente di che
-E questa storia del visus, a pensarci, forse ci ha insegnato a lavorare ancora un po’ meglio. Hai visto Newsweek?
-Newscosa?
-Newsweek, la rivista americana. Qualche settimana fa aveva la classifica dei migliori ospedali italiani, la pubblica ogni anno...
-E?
-In cima ci sono il Gemelli di Roma, il Sant’Orsola di Bologna e il Niguarda di Milano. E in tutti e tre chi ci lavora?
-Noi di Rekeep?
-Esatto. E siamo in più della metà dei primi venti ospedali
-Ma tu leggi Newsweek? Ti ho sempre visto, al massimo, con la Gazzetta dello Sport
-L’ho letto su Facebook. Ma se dici Newsweek ci fai la tua bella figura
-Ma ce le ha le pagine di sport il Newsweek?
-Dovrebbe
-E il sudoku?
-Il sudoku?
-Una rivista senza sudoku io non la compro.

Giugno 2021

Gente come Noi

La nostra forza

Gente come Noi

notizia 1

di Chiara Filippi

In tre interviste gli ingredienti del successo di Rekeep: passione e responsabilità, voglia di riscatto ed orgoglio, competenza e senso di appartenenza.

LEGGI

Welfare Aziendale

I giovani protagonisti del futuro
Welfare Aziendale

notizia 2

a cura della Redazione

Numeri da record per l’XI edizione di “Un futuro di valore”, che in questo anno di ripresa ha premiato con le tradizionali borse di studio 392 studenti delle scuole superiori e universitari, figli dei dipendenti delle società del Gruppo.

LEGGI

Attualità

Un Gruppo sempre più internazionale
Attualità

notizia 2

di Chiara Filippi

Il 2020 e i primi mesi del 2021 si sono rivelati soddisfacenti in termini economici per rekeep. Prosegue la crescita all’estero che rimane il principale obiettivo anche in futuro.

LEGGI