YouGenio

Scopri YOUGENIO

TUTTINGIRO

Torna più avventuroso che mai anche per l’estate 2019 il progetto “Tuttingiro” ovvero i campi residenziali estivi che il Gruppo Rekeep mette a disposizione gratuitamente in tutta Italia per i figli dei dipendenti con età compresa tra gli 11 ed i 14 anni.

Termine per presentare la domanda di partecipazione: 3 maggio 2019.

Scarica il catalogo dell’edizione 2019

VIDEO

Essere Manutencoop #TRAILER

Persone
Massimo Cirri intervista Claudio Levorato - Essere Manutencoop #TRAILER

PLAY

UN OMAGGIO DOPPIO

leggi la loro storia

gente come noi i nostri veri testimonial
Sei in: webAmbiente / numero 1 - 2009 / Consigli verdi / A casa tua. Orto in terrazza

CONSIGLI VERDI

A tu per tu con la natura A casa tua - orto in terrazza

Nicolini

di Gabriele Dall’Olio biografia

Non è necessario possedere un giardino per godere dei “frutti” del proprio lavoro. La soluzione è realizzare il proprio piccolo orto su un terrazzo, in modo limitato, ma proficuo, scegliendo le specie e le tecniche di coltivazione più adatte. Le tre specie che prendiamo in esame sono il Pomodoro, la Patata e le Fragole, anche se si potrebbe tranquillamente estendere le coltivazioni a molte altre specie.

Pomodoro

Pomodoro: Coltivare pomodori è relativamente semplice anche se si dispone di poco spazio, come un cortiletto o un balcone. Acquistate un sacco o un vaso e riempitelo semplicemente con torba e terriccio fertile. Inserite una piantina ogni 15 litri di terriccio (ad es. vaso diametro 36 cm = litri 30) e annaffiate accuratamente. Legate le piante ai loro sostegni non troppo strette, per non lesionare gli steli, e con legacci morbidi, continuando a legarle man mano che crescono. Un’ottima soluzione è sistemare lungo i bordi del vaso un cilindro di rete metallica così che le piante potranno arrampicarsi entro il cilindro. Togliete i piccoli germogli che spuntano all’ascella di ogni foglia per non avere una vegetazione troppo folta e pochi frutti. Non permettete alle piante di crescere troppo alte. Se il terreno è molto asciutto, il frutto si spacca: la soluzione migliore è annaffiare le piante con liquame preparato riempiendo un fusto, o un serbatoio, per metà con stallatico e per metà con acqua. I pomodori hanno bisogno di tenere le radici al caldo, quindi bisogna strappare le foglie inferiori e far crescere le piante quanto più erette possibile perché il sole possa riscaldare il terreno sopra le radici.

Patata

Patata. Su un terrazzo è persino possibile coltivare le patate, all’interno di un fusto o in un bidone. Basta riempire il fondo del fusto con uno strato modesto di terra e piantarvi una sola patata da “seme” o una pianticella comprata. Seguitare ad aggiungere terra man mano che la pianta cresce e si eleva: i tuberi si formeranno sempre più numerosi. Infine, la pianta verde spunterà oltre il bidone: aspettate che fiorisca e poi vuotate il bidone. Vi si troverà un numero enorme di patate. Si può adottare lo stesso metodo, con un risultato forse anche migliore, coricando sul terreno un vecchio pneumatico di automobile, autocarro o trattore, riempiendolo di terra e piantandovi uno o più pezzi di patate provvisti di qualche “occhio” oppure alcune giovani piantine. Quando le piante si saranno sviluppate, ma prima che fioriscano, aggiungete sopra un altro pneumatico uguale e riempitelo di terra. Lasciate che le piante crescano, aggiungendo sempre altri pneumatici, fino a che le patate saranno alte circa 1 metro e 20 cm. A questo punto smantellate la struttura ed eseguite il raccolto. Questo metodo è ancora migliore del precedente, perché le piante ricevono luce durante la crescita (ancora meglio se si dà una mano di bianco ai pneumatici!).

Fragola
foto

Fragola. Le fragole crescono bene in vasi e in fusti di ogni genere: un barile o un tino rappresentano i contenitori ideali. Basta praticarvi varie serie di fori (a distanza di circa 20 cm) larghi 8 cm e distanti circa 40 cm l'uno dall'altro. Praticate alcuni fori anche alla base, mettete sul fondo del recipiente uno strato di ghiaia e inserite al centro, verticalmente, un cilindro di rete metallica del diametro di 10 cm circa. Riempite il cilindro con ghiaia o ciottoli e il barile con terriccio da vasi sino alla prima serie di fori. In corrispondenza di questi, sistemate una pianta di fragola con le foglioline all'infuori. Ripetete l'operazione sino all'orlo del barile, annaffiando ogni strato man mano che si sale. Infine, sistemate quattro o cinque piantine in circolo sul bordo del recipiente.

Speciale Tour 80 anni

Una grande festa italiana
Speciale Tour 80 anni

notizia 1

di Chiara Filippi

Ieri Manutencoop, oggi Rekeep, ma senza abbandonare l’attenzione alle persone e alla loro crescita. Per festeggiare i suoi 80 anni l’azienda ha deciso di girare l’Italia presentando la propria nuova identità ma anche sottolineando l’importanza che riveste la cultura dell’integrazione attraverso l’iniziativa “Siedi, Leggi e Viaggia! La Biblioteca di Rekeep” che ha portato in alcune grandi città oltre 3.000 opere narrative donate alle biblioteche cittadine.

LEGGI

Speciale Tour 80 anni

Ottant'anni, ma non li dimostra
Speciale Tour 80 anni

notizia 2

di Giancarlo Strocchia

Si sa, il bon ton prevede che chiedere l’età ad una signora, soprattutto se non più giovanissima, risulti sconveniente. Ma in questo caso il dato anagrafico è utile per comprendere quanta strada, quante vicissitudini ma anche quante vittorie prima la “Cooperativa per le manovalanze ferroviarie”, poi la Manutencoop società cooperativa e Manutencoop Facility Management, e oggi Rekeep, hanno raccolto e superato nel lungo corso della propria storia imprenditoriale.

LEGGI

Speciale Tour 80 anni

Orgogliosi al traguardo

Speciale Tour 80 anni

notizia 2

di Chiara Filippi

A Bologna la tappa finale del tour itinerante “Siedi, Leggi e Viaggia! La Biblioteca di Rekeep”, ha trovato spazio nel cuore della città e della zona universitaria: il Foyer del Teatro Comunale. Dal 13 al 18 novembre la Biblioteca è stata ogni giorno animata da letture dei volumi e presentazioni di libri con alcuni importanti giornalisti e scrittori italiani, attirando un pubblico numerosissimo. Non sono mancati anche due appuntamenti legati particolarmente alla città di Bologna.

LEGGI