YouGenio

Scopri YOUGENIO
Facilita - Il welfare di Manutencoop
Noi No

VIDEO

Essere Manutencoop #TRAILER

Persone
Massimo Cirri intervista Claudio Levorato - Essere Manutencoop #TRAILER

PLAY

Festività 2016

Gruppo
Festività 2016
Gli auguri dei vertici del Gruppo Manutencoop PLAY

Bilancio Sociale 2014

Eventi
Presentazione Bilancio Sociale 2014

PLAY

IL TEAM DELL’ ADVANCED SERVICES CENTER

leggi la loro storia

gente come noi i nostri veri testimonial

comics

di LELE CORVI

vignetta

LEGGI

PICNIC

L'area riservata ai soci Manutencoop

PICNIC
Sei in: webAmbiente / numero 4 - 2009 / L'altro sport

L'ALTRO SPORT

Vite da campione Ottomila metri sopra il cielo

traduzione: eng | عربي

Nicolini

di Marco Tarozzi biografia

La forza che spinge Hans Kammerlander sulle vette più alte del mondo è l’amore per la montagna che lo accompagna sin dall’infanzia. Saggezza e conoscenza dei limiti fisici lo rendono prudente ma non hanno mai attenuato la sua innata intraprendenza. Oggi, dopo le conquiste più ardite, progetta di dedicarsi a cime meno elevate e, soprattutto, a veder crescere la figlia Tzara.

Quando ha raggiunto il traguardo dei suoi primi cinquant’anni, a Campo Tures, il paese che sta di guardia alla splendida Valle Aurina, gli hanno dedicato una piazza. “E il bello è che sono ancora qui ad attraversarla”, sorride. Come dire: non capita a tutti di ricevere un simile onore in vita. Ma Hans Kammerlander non è una persona qualunque. È uno dei grandi dell’alpinismo. Ha collezionato tredici dei quattordici Ottomila della terra. E poi, questa è casa sua. Il posto in cui torna sempre, dopo ogni viaggio. Per quanto ci si muova tranquillamente, con infinita naturalezza, qui lui è semplicemente una leggenda.

Kammerlander

“Sono nato e vivo ad Acereto. Meno di sette chilometri da qui. Papà aveva un vecchio maso e mi ha insegnato il valore della terra. Su queste cime è nata la passione che nel tempo mi ha portato su vette più lontane. Anche se ho girato il mondo, uno dei ricordi più belli della mia vita in montagna è legato al Moosstock, la cima sopra casa mia. È alta 3059 metri e l’avrò salita cinquecento volte, ma non dimentico mai la prima. Avevo appena otto anni, quella per me era la montagna. Marinai la scuola per andare lassù, e non dissi a nessuno di quella ‘conquista’. Non volevo che i miei genitori si preoccupassero”.

In un ufficio che è anche un piccolo museo delle sue imprese, questo gigante dell’alta quota ricorda senza enfasi conquiste dal valore inestimabile, e prova a dare un’idea di cosa significhi restare ore, giorni oltre il limite degli ottomila metri senza far ricorso, mai una volta, all’uso dell’ossigeno. Stile alpino, si chiama: niente bombole, pochissimi portatori.

“In certe situazioni conta l’esperienza, la testa. Guai se uno si mette a fare i conti sul ritmo degli altri. Quando sono solo in montagna, e magari in un’ora ho fatto solo cinquanta metri, non mi preoccupo di quanto viaggiano forte quelli che ho intorno. Penso: fa niente, ho ancore tante ore per fare la cima, recupererò. So quello che posso chiedere al mio fisico, le ore di allenamento spese durante la preparazione sono le mie certezze”.

La fatica è una compagna fedele. Non la cerca, Hans. Sa che prima o poi arriverà, e bisogna farne conto. Il titolo di uno dei suoi libri, “Malato di montagna”, è la chiave di lettura. La sua filosofia di vita.

“Nel ‘99, dopo aver rischiato l’amputazione delle dita dei piedi per un congelamento, ho passato una primavera a casa, senza poter progettare avventure. Stare a guardare mi faceva soffrire. Sì, sono un ‘malato’ consapevole: devi esserlo per affrontare gli ultimi trecento metri verso la cima dell’Everest senza l’aiuto dell’ossigeno. Quell’ultimo tratto non è affatto piacevole, mentre lo percorri forzi te stesso. Ma il bello, la magìa, arriva dopo. Quando guardo la foto di un Ottomila e so che sono salito lassù. È il ricordo di ciò che ho fatto a rendermi felice”.

LA SUA STORIA Hans Kammerlander è nato ad Acereto, in Val di Tures, il 6 dicembre 1956. Ha conquistato tredici dei quattordici Ottomila della Terra senza l’ausilio di ossigeno. Tra le sue imprese estreme, la salita dell’everest in meno di 17 ore, con successiva discesa con gli sci in prima assoluta, e la prima traversata di due Ottomila (Gasherbrum I e II, con Messner nel 1993). Il suo ultimo successo è del 2007: prima assoluta sullo Jasemba Peak (7350 metri), in Nepal, insieme a Karl Unterkircher.

Hans Kammerlander
Kammerlander

Ma Kammerlander rivolge lo sguardo altrove. Da anni ha rinunciato a completare la collezione delle grandi cime. Sul Manaslu, che gli ha dato dolore e tragedia, non tornerà più.

“Nel 2007 ho salito in prima assoluta lo Jasemba, un Settemila in Nepal, insieme a Karl Unterkircher, che se ne è andato tragicamente un anno fa sul Nanga Parbat. L’entusiasmo di Karl, lassù, mi accompagnerà sempre. Il futuro? Ho 53 anni, mia figlia Tzara che non ne ha neppure due mi ha cambiato la vita. Non salirò più a certe quote, anche per me inizia la curva discendente dell’esistenza. È naturale, l’accetto. Però i miei progetti sono sempre in montagna. Per esempio, ora che in tanti si buttano sulle Seven Summits, le cime più alte dei sette continenti, io provo a raggiungere le Second Seven. Seconde, ma spesso più difficili. È il mio nuovo obiettivo”

Dopo gli Ottomila, dopo i record di salita in velocità e le discese impossibili con gli sci da Everest e K2, Hans Kammerlander non ha perso la voglia di guardare lontano. Verso l’alto.

Sostenibilità

Il battesimo della sostenibilità firmata MFM
Sostenibilità

notizia 1

di Sara Ghedini

Manutencoop Facility Management ha pubblicato il proprio Bilancio di Sostenibilità. Un’opera prima che, però, eredita il lascito preziosissimo di esperienza ultraventennale della Cooperativa.

LEGGI

Innovazione

Assistenza ad alta integrazione, 24h su 24
Innovazione

notizia 2

di Chiara Filippi

È quella che garantisce il nuovo “Advanced Services Center” di Mestre che offre, da remoto e senza interruzione, assistenza e supporto a clienti e società del Gruppo.

LEGGI

Persone

And the winner is...Augusto-Renato!
Persone

notizia 2

di Giancarlo Strocchia

In questa intervista la vita di Augusto Amicucci e la sua passione per l’autore di tanti successi discografici.

LEGGI