VIDEO

Essere Manutencoop #TRAILER

Persone
Massimo Cirri intervista Claudio Levorato - Essere Manutencoop #TRAILER

PLAY

PRONTI A RIPARTIRE

leggi la loro storia

Gente come noi i nostri veri testimonial
Sei in: webAmbiente / numero 1- 2021 / Sandra, una storia di tenacia e passione

Gente come Noi

di Giancarlo Strocchia

traduzione: eng | عربي

Sandra, una storia di tenacia e passione

Dopo 44 anni di lavoro e una carriera in Servizi Ospedalieri Sandra Cavallini va in pensione: “partendo dal gradino più basso ho avuto modo di passare attraverso ogni genere di esperienza, conoscendo approfonditamente le dinamiche di questo mestiere per cui non esiste una scuola”.

C’è un fil rouge che attraversa ogni intervista. Nel caso di Sandra Cavallini il tema conduttore è quello dell’emozione. Quando parliamo è il suo primo vero giorno da pensionata. “Devo dire che ho provato un po’ di smarrimento e non vorrei ritrovarmi a fare i conti con la noia”. Si tratta ovviamente solo di quella inevitabile percezione di vuoto che segue 44 anni di lavoro, gli ultimi 15 vissuti presso lo stabilimento di Servizi Ospedalieri, a Ferrara, sua città natale, ma che presto sfumerà nei mille interessi che Sandra saprà crearsi. Un percorso professionale partito dal basso, intenso, tenace, governato dalla passione e dalla solidarietà con colleghi e colleghe, soprattutto nell’ultimo drammatico anno di pandemia.

“Io in pensione non ci sarei andata, ma il momento era propizio, e poi prima o poi bisogna decidersi, e ho fatto il grande salto”. Passaggio che è avvenuto nel più classico e suggestivo dei modi. “All’improvviso, l’ultimo giorno di lavoro è scattato l’allarme di evacuazione dello stabilimento. Io sono arrivata trafelata all’esterno dell’edificio e ho trovato tutti i colleghi a salutarmi e applaudire, un’emozione incredibile, ancora piango a pensarci”.

Sandra, come sei arrivata a lavorare in lavanderia?
Avevo 16 anni, ero molto ribelle e decisi che non avrei più continuato a studiare. Unica figlia femmina, suscitai le ire di mio padre che mi stava preparando la strada per un impiego comunale. Iniziai con un primo impiego stagionale di sei mesi, poi la moglie di un collega di mio padre mi invitò ad andare a lavorare con lei in una lavanderia allestita in un garage. Un vero incubo ma che mise alla prova la mia forza di volontà. Da qui sono passata ad una lavanderia più grande, la Altamira, e poi ancora alla Fleur che venne ad un certo punto assorbita dalla Copman, e infine l’arrivo provvidenziale di Manutencoop.

Qual è stato il tuo percorso professionale?
Lungo e fatto di tenacia e passione. Partendo dal gradino più basso ho avuto modo di passare attraverso ogni genere di esperienza, conoscendo approfonditamente le dinamiche di questo mestiere per cui non esiste una scuola. Per tutto questo devo ovviamente ringraziare la fiducia che molte persone hanno riposto nei miei confronti, innanzitutto Massimiliano De Marco, e poi tutti i colleghi di Servizi Ospedalieri, il management di Rekeep e, non ultima, Rossana Trenti che ha visto in me potenzialità che io stessa non riuscivo a percepire e grazie alla quale sono arrivata a coprire il ruolo di responsabile di organizzazione, capace di gestire i turni di tutti i dipendenti.
Sicuramente non avrei immaginato di arrivare a raggiungere certi risultati ma posso dire di averci messo il cuore in questo lavoro, che ho imparato ad apprezzare e di cui tuttora sono innamorata.

Cosa ha significato l’arrivo di Manutencoop?
Ha significato un salto di qualità aziendale eccezionale. Più organizzazione, più ordine, un’attività svolta in base ad obiettivi precisi, nuove tecnologie e maggiore professionalità. Quando l’azienda è arrivata noi eravamo in grado di lavorare non più di 100 quintali di materiale al giorno. Da qui, per passaggi successivi, siamo arrivati a lavorarne ben 430 Quintali in un solo turno. Certo, sono cambiate tante cose, in azienda sono entrati i computer, le mansioni si sono evolute, abbiamo iniziato a parlare di statistiche, programmazione, nuova managerialità, ma io ho sempre avuto gran voglia di lavorare e imparare, e questo atteggiamento è stata la mia fortuna. E poi mi piace ricordare un retroscena significativo. Quando comprai la casa in cui vivo tuttora dovetti chiedere un mutuo e fu proprio Manutencoop a farmi da garante. Non so quante altre aziende avrebbero fatto lo stesso.

E il rapporto con i colleghi?
Bellissimo, basato sulla lealtà ma soprattutto su una grande umanità. A me è stato insegnato che viene prima la persona del professionista. Anche quando umane, e anche molte, ho sempre fatto prevalere l’aspetto umano e un atteggiamento di comprensione e empatia. Figli o problemi familiari e di salute hanno sempre avuto la precedenza sul lavoro, e se c’era da aiutare qualcuno perché fuori dallo stabilimento la situazione era critica allora si pensava prima a risolvere il problema all’esterno e poi si proseguiva a lavorare con maggiore serenità.

Come hai conciliato vita professionale e famiglia?
Con tanta pazienza e l’aiuto di genitori ed ex suoceri quando serviva una mano per tenere mio figlio Mirko. Anche da parte sua ho ricevuto molta comprensione. Ricordo ancora il discorso che gli feci quando mi proposero il salto di carriera.
Lui aveva 15 anni, lo presi da una parte e gli spiegai che se avessi accettato avrei avuto sicuramente meno tempo da dedicare a lui ma che avremmo avuto una situazione economica migliore e quindi una maggiore sicurezza anche per lui. Fu molto bravo e devo anche a lui se ho potuto compiere il cammino professionale che ho fatto.

Ti ricordi un episodio particolare legato alla tua vita professionale?
Beh, in realtà si tratta di una vicenda che collega vita d’azienda e vita privata. Per molto tempo non sono riuscita a prendere la patente. Nonostante la mia forza di volontà e la mia caparbietà la guida della macchina mi creava molta ansia fino quasi a procurarmi veri e propri attacchi di panico. Fino a quando venni messa alle strette. Se volevo intraprendere la carriera che mi veniva prospettata avrei dovuto essere indipendente negli spostamenti, e quindi poter contare sulla possibilità di avere una macchina.
Bene, fu questa la molla giusta e alla fine anche la patente arrivò.

Sandra come hai vissuto questo ultimo anno così difficile?
Se devo essere sincera, ho più timore adesso che in occasione del primo lockdown. Da un punto di vista professionale, è stata molto dura.
Avevamo tutti molta paura ma nello stesso tempo eravamo consapevoli del fatto che anche il nostro contributo era fondamentale in un frangente drammatico come quello che abbiamo vissuto e che stiamo tuttora attraversando. C’è chi è stato male e noi, con le lacrime agli occhi, abbiamo continuato. E poi siamo stati molto seguiti e protetti dall’azienda.
Abbiamo ricevuto sin da subito i dispositivi di sicurezza, le postazioni di lavoro sono state distanziate e protette dai separatori in plexiglas, siamo stati tutti tamponati e anche molto attenti, ma quanta fatica!

Come immagini adesso il tuo futuro?
Per una persona attiva e dinamica come me l’ozio non è contemplato. E quindi, sperando che questa situazione di restrizioni passi presto, ho già pensato che vorrei iniziare una scuola di inglese e anche andare in palestra.
E poi, confesso, vorrei proprio godermi dei bei nipotini. Purtroppo, causa emergenza sanitaria, mio figlio e la sua fidanzata, infermiera in un reparto Covid, hanno già rimandato tre volte il proprio matrimonio, ma presto, sono sicura, coroneranno il loro sogno, e io quindi mi preparo con gioia a fare la nonna.

 

Continua la lettura

Giugno 2021

Attualità

Un Gruppo sempre più internazionale
Attualità

notizia 1

di Chiara Filippi

Il 2020 e i primi mesi del 2021 si sono rivelati soddisfacenti in termini economici per rekeep. Prosegue la crescita all’estero che rimane il principale obiettivo anche in futuro.

LEGGI

Welfare Aziendale

I giovani protagonisti del futuro
Welfare Aziendale

notizia 2

a cura della Redazione

Numeri da record per l’XI edizione di “Un futuro di valore”, che in questo anno di ripresa ha premiato con le tradizionali borse di studio 392 studenti delle scuole superiori e universitari, figli dei dipendenti delle società del Gruppo.

LEGGI

Gente come Noi

La nostra forza

Gente come Noi

notizia 2

di Chiara Filippi

In tre interviste gli ingredienti del successo di Rekeep: passione e responsabilità, voglia di riscatto ed orgoglio, competenza e senso di appartenenza.

LEGGI