VIDEO

Essere Manutencoop #TRAILER

Persone
Massimo Cirri intervista Claudio Levorato - Essere Manutencoop #TRAILER

PLAY

PRONTI A RIPARTIRE

leggi la loro storia

Gente come noi i nostri veri testimonial
Sei in: webAmbiente / numero 3 - 2011 / Certificati “bianchi” di risparmio / Approfondimento: La centrale a biomasse di Monchio delle Corti

Approfondimento

LA SOLUZIONE: La centrale a biomasse di Monchio delle Corti

Un comune di montagna, sparso su un territorio che si snoda tra i 700 e 1800 metri di altitudine, un clima caratterizzato da inverni lunghi e rigidi, abitato in prevalenza da persone anziane. Un paese in cui, come in tutti i paesi di montagna, riscaldare una abitazione ha costi notevoli: per famiglie monoreddito o pensionati soli il costo del riscaldamento con impianti a gasolio o gas liquido diventa spesso proibitivo. Stufe e caldaie a legna diventano una soluzione preferibile ma, a volte e specialmente per gli anziani, con sensibili disagi legati all’approvvigionamento e allo stoccaggio della legna da ardere. E allora Monchio delle Corti, è questo il Comune di cui stiamo parlando, in Provincia di Reggio Emilia ha pensato ad una soluzione: una centrale a biomassa, alimentata con scarti forestali (“cippato di legna vergine” per usare il termine corretto) proveniente dai territori circostanti in grado di produrre acqua calda sanitaria, attraverso una rete di teleriscaldamento che serve ad oggi larga parte degli edifici comunali e diverse abitazioni private.

A realizzare l’intervento è stata Manutencoop Facility Management. “Si tratta di una soluzione, ovviamente realizzabile solo in particolari contesti simili a quello di Monchio, dove esiste in loco ampia disponibilità di materiali per alimentare l’impianto, che garantisce – spiega Ivan Lagazzi, Energy Manager di Manutencoop, – attraverso l’impiego di fonti rinnovabili e di tecnologie aventi ottime prestazioni energetiche un significativo abbattimento dei costi di riscaldamento sia per i privati che per il pubblico con positive ricadute dal punto di vista sociale in realtà territoriali, come si diceva, caratterizzate da una popolazione residente in prevalenza anziana.

Il termine biomassa indica tutti quei materiali di origine agroforestale che non hanno subito alcun processo di fossilizzazione e sono utilizzati per la produzione di energia. Rientrano tra le fonti rinnovabili in quanto la CO2 emessa per la produzione di energia non rappresenta un incremento dell’anidride carbonica presente nell’ambiente, ma è la stessa che le piante hanno prima assorbito per svilupparsi e che alla morte di esse tornerebbe nell’atmosfera attraverso i normali processi degradativi della sostanza organica. L’utilizzo delle biomasse quindi accelera il ritorno della CO2 in atmosfera rendendola nuovamente disponibile alle piante. Sostanzialmente queste emissioni rientrano nel normale ciclo del carbonio e sono in equilibrio fra CO2 emessa e assorbita. La valorizzazione energetica dei materiali organici contribuisce, dunque, alla produzione di energia termica “contribuendo – aggiunge Lagazzi - a limitare le emissioni di anidride carbonica e quindi ad assolvere gli impegni del Protocollo di Kyoto”. E a Monchio il contributo è ancora più significativo: “La nuova centrale, infatti, - chiude Lagazzi – ha mandato anche in pensione le vecchie caldaie a gas liquido e gasolio: quando l’impianto sarà a pieno regime si avrà una riduzione di CO2 di oltre 2000 tonnellate l’anno”.

Attualità

Un Gruppo sempre più internazionale
Attualità

notizia 1

di Chiara Filippi

Il 2020 e i primi mesi del 2021 si sono rivelati soddisfacenti in termini economici per rekeep. Prosegue la crescita all’estero che rimane il principale obiettivo anche in futuro.

LEGGI

Crescono in Rete i “fan” di Rekeep
Social

notizia 2

a cura della Redazione

Sembrava una sfida complessa ma si è trasformata in una bella scommessa vinta. Parliamo dell’apertura e dello sviluppo dei canali social di Rekeep e della diffusione di storie e post che raccontano le attività aziendali e l’impegno di ogni singolo operatore, anche e soprattutto in questo periodo di emergenza sanitaria.

LEGGI

Welfare Aziendale

I giovani protagonisti del futuro
Welfare Aziendale

notizia 2

a cura della Redazione

Numeri da record per l’XI edizione di “Un futuro di valore”, che in questo anno di ripresa ha premiato con le tradizionali borse di studio 392 studenti delle scuole superiori e universitari, figli dei dipendenti delle società del Gruppo.

LEGGI