VIDEO

Essere Manutencoop #TRAILER

Persone
Massimo Cirri intervista Claudio Levorato - Essere Manutencoop #TRAILER

PLAY

PRONTI A RIPARTIRE

leggi la loro storia

Gente come noi i nostri veri testimonial
Sei in: webAmbiente / numero 4 - 2009 / Pronto soccorso sostenibile a Grosseto

Sanità

traduzione: eng | عربي

 

Pronto soccorso sostenibile a Grosseto

La nuova struttura, 3 mila metri quadrati per un investimento di circa 10 milioni di euro, inaugurata a marzo nel capoluogo toscano, è stata realizzata secondo i più moderni canoni di “umanizzazione” dei presidi sanitari. A questo risultato si è giunti grazie anche all’apporto progettuale dei tecnici toscani di MFM.

Un nuovo pronto soccorso per l’ospedale Misericordia di Grosseto: una struttura concepita secondo i più avanzati criteri di gestione dell’emergenza-urgenza, a partire dall’organizzazione degli spazi e dall’accorpamento - all’interno e nella aree adiacenti - delle attività diagnostiche e mediche di emergenza.

Pronto soccorso

 

Alla realizzazione del nuovo Pronto Soccorso, coordinata dal Responsabile dell’area Funzionale tecnica Ingegner Tancredi Cellesi e progettata nel suo layout (luci, materiali di finitura, colori, arredi attraversopiani del colore e studio delle “soft qualities”) dall’Architetto Alessandro Lenzi, responsabile delle Manutenzioni dell’Azienda Usl 9 di Grosseto, ha contribuito anche Manutencoop Facility Management, da anni fornitore dell’Asl per quanto riguarda i servizi tecnico – manutentivi: i tecnici toscani di MFM, guidati dall’ingegner Enrico Tacconi hanno infatti provveduto alla progettazione e realizzazione degli impianti tecnologici (riscaldamento, condizionamento, produzione acqua calda sanitaria, antincendio).

Strutturato per rispondere alle attuali esigenze (almeno 40 mila accessi all’anno, cui si aggiungono circa 17 mila bambini) e all’eventuale loro incremento, il nuovo Pronto Soccorso è stato realizzato su una superficie di oltre 3 mila metri quadrati per un investimento di circa 10 milioni di euro, comprensivi di arredi e apparecchiature.Sono inoltre previsti i futuri collegamenti con il nuovo padiglione ospedaliero progettato per intensità di cure, per l’area intensiva e subintensiva, per il blocco operatorio.

Pronto soccorso

 

La nuova struttura è stata inaugurata in marzo, alla presenza dell’allora assessore regionale alla Salute Enrico Rossi, della direzione aziendale della Asl 9, degli amministratori locali, delle autorità civili e militari, del vescovo di Grosseto, del mondo del volontariato, della dirigenza medica e amministrativa della Asl e degli operatori sanitari dell’emergenza-urgenza, oltre alle rappresentanze sindacali e di categoria.

“Il nuovo pronto soccorso – ha dichiarato il direttore generale della Asl 9, Fausto Mariotti ringraziando l’Area tecnica della Asl, i progettisti, il personale sanitario e tutti coloro che sono stati coinvolti in questa realizzazione – nasce secondo la logica dell’umanizzazione della sanità, su cui sta investendo da tempo la Regione Toscana. Il nostro impegno, adesso, è far funzionare bene questa struttura e, più in generale, il sistema territoriale, investendo anche sugli altri pronto soccorso del territorio e sul personale”.

Crescono in Rete i “fan” di Rekeep
Social

notizia 1

a cura della Redazione

Sembrava una sfida complessa ma si è trasformata in una bella scommessa vinta. Parliamo dell’apertura e dello sviluppo dei canali social di Rekeep e della diffusione di storie e post che raccontano le attività aziendali e l’impegno di ogni singolo operatore, anche e soprattutto in questo periodo di emergenza sanitaria.

LEGGI

Gente come Noi

La nostra forza

Gente come Noi

notizia 2

di Chiara Filippi

In tre interviste gli ingredienti del successo di Rekeep: passione e responsabilità, voglia di riscatto ed orgoglio, competenza e senso di appartenenza.

LEGGI

Attualità

Un Gruppo sempre più internazionale
Attualità

notizia 2

di Chiara Filippi

Il 2020 e i primi mesi del 2021 si sono rivelati soddisfacenti in termini economici per rekeep. Prosegue la crescita all’estero che rimane il principale obiettivo anche in futuro.

LEGGI