YouGenio

Scopri YOUGENIO

TUTTINGIRO

Torna più avventuroso che mai anche per l’estate 2019 il progetto “Tuttingiro” ovvero i campi residenziali estivi che il Gruppo Rekeep mette a disposizione gratuitamente in tutta Italia per i figli dei dipendenti con età compresa tra gli 11 ed i 14 anni.

Termine per presentare la domanda di partecipazione: 3 maggio 2019.

Scarica il catalogo dell’edizione 2019

VIDEO

Essere Manutencoop #TRAILER

Persone
Massimo Cirri intervista Claudio Levorato - Essere Manutencoop #TRAILER

PLAY

UN OMAGGIO DOPPIO

leggi la loro storia

gente come noi i nostri veri testimonial
Sei in: webAmbiente / numero 2 - 2012 / Un “diamante” dominicano

Passioni

di Giancarlo Strocchia

Un “diamante” dominicano

Una passione nata presto quella per il baseball di Gerardo Ledesma Santana, dipendente di Manutencoop dal 2008 e originario della Repubblica Dominicana. Nel paese caraibico il baseball gode dello stesso seguito che ha il calcio in italia, quindi è quasi fatale rimanerne coinvolti. oggi gerardo coltiva questa sua “attività” in due compagini bolognesi. e visto che le regole non sono sempre intuitive, abbiamo chiesto proprio a lui di aiutarci a capire qualcosa in più.

Innanzitutto raccontaci un po’ di te.
Di quale Paese sei originario, quando sei arrivato in Italia e da quando lavori in Manutencoop?

Mi chiamo Gerardo Ledesma Santana sono nato a Tamboril Santiago nella Repubblica Dominicana ho 42 anni e sono arrivato in Italia in dicembre del 2007. Dopo aver fatto alcuni lavori a tempo determinato sono stato assunto dalla Manutencoop il 20 agosto del 2008.

 

Da quanto tempo giochi a baseball e come hai avvicinato questo sport?

Il baseball è lo sport nazionale di Santo Domingo e là si comincia a giocarlo fin da bambini. Per questo ho iniziato a giocarlo verso i 10-11 anni nella squadra giovanile della mia città, e con questa squadra ho fatto i campionati nazionali giovanili. Anche in seguito ho sempre continuato a giocare perché è una mia passione come in Italia è considerato il gioco del calcio.

Una pratica sportiva piuttosto complicata.
Potresti in poche parole descrivere qual è la dinamica del gioco e quale lo scopo?

SE FOSSE
UN FILM...

“L’uomo dei sogni”” (1989)

di Phil Alden Robinson,
con Kevin Costner e
Ray Liotta

La favola di Ray Kinsella, agricoltore dello Iowa che costruisce un campo di baseball seguendo una voce dall’aldilà

Una squadra in campo è composta da 9 giocatori a cui si aggiungono un numero variabile di giocatori che durante la partita possono sostituire i giocatori in campo. Il gioco si svolge fra due squadre che si alternano in attacco e in difesa. La squadra degli ospiti è la prima a giocare in attacco.
Il campo da gioco è costituito da tre basi e una casa base disposte secondo una forma che richiama un diamante e si chiama appunto “diamante”. All’interno è collocato un piccolo rialzo “il monte di lancio”.
La squadra che gioca in difesa dispone in campo 7 giocatori a difesa delle basi, un lanciatore e un ricevitore. La squadra in attacco dispone i battitori in ordine da uno a nove. Il lanciatore lancia la palla al ricevitore, il battitore di turno della squadra attaccante deve intercettare la palla e occupare le varie basi fino a raggiungere la casa base per segnare il punto.

Hai una tua squadra con cui ti alleni a Bologna?

Si, gioco nella squadra Bologna Athletics e Virtus Ozzano con cui ho fatto i campionati nazionali di serie B nel 2008, 2009 e 2010, nel 2011 serie A federale e nel 2012 serie C.

In Italia la tradizione del baseball è piuttosto circoscritta quasi esclusivamente ad alcune zone, come il Veneto e il Lazio. Riesci a seguire le partite del campionato?

Dal momento che finora ho giocato non riesco a seguire il campionato come spettatore, certamente seguo i risultati delle altre squadre.

Anche al lavoro il concetto di “squadra” è importante.
Cosa riporti del tuo sport anche nella tua attività professionale?

Giocare per tanto tempo in una squadra sviluppa la capacità di relazionarsi con i tuoi compagni in modo armonioso, cosa necessaria per lavorare assieme, ciascuno nel proprio ruolo, e raggiungere l’obiettivo. Direi che questo è il principale contributo che il mio sport mi ha fornito e che cerco di riportare e di trasmettere nel mio ambiente di lavoro.

Speciale Tour 80 anni

Orgogliosi al traguardo

Speciale Tour 80 anni

notizia 1

di Chiara Filippi

A Bologna la tappa finale del tour itinerante “Siedi, Leggi e Viaggia! La Biblioteca di Rekeep”, ha trovato spazio nel cuore della città e della zona universitaria: il Foyer del Teatro Comunale. Dal 13 al 18 novembre la Biblioteca è stata ogni giorno animata da letture dei volumi e presentazioni di libri con alcuni importanti giornalisti e scrittori italiani, attirando un pubblico numerosissimo. Non sono mancati anche due appuntamenti legati particolarmente alla città di Bologna.

LEGGI

Speciale Tour 80 anni

Una grande festa italiana
Speciale Tour 80 anni

notizia 2

di Chiara Filippi

Ieri Manutencoop, oggi Rekeep, ma senza abbandonare l’attenzione alle persone e alla loro crescita. Per festeggiare i suoi 80 anni l’azienda ha deciso di girare l’Italia presentando la propria nuova identità ma anche sottolineando l’importanza che riveste la cultura dell’integrazione attraverso l’iniziativa “Siedi, Leggi e Viaggia! La Biblioteca di Rekeep” che ha portato in alcune grandi città oltre 3.000 opere narrative donate alle biblioteche cittadine.

LEGGI

Speciale Tour 80 anni

Ottant'anni, ma non li dimostra
Speciale Tour 80 anni

notizia 2

di Giancarlo Strocchia

Si sa, il bon ton prevede che chiedere l’età ad una signora, soprattutto se non più giovanissima, risulti sconveniente. Ma in questo caso il dato anagrafico è utile per comprendere quanta strada, quante vicissitudini ma anche quante vittorie prima la “Cooperativa per le manovalanze ferroviarie”, poi la Manutencoop società cooperativa e Manutencoop Facility Management, e oggi Rekeep, hanno raccolto e superato nel lungo corso della propria storia imprenditoriale.

LEGGI