YouGenio

Scopri YOUGENIO

TUTTINGIRO

Torna più avventuroso che mai anche per l’estate 2019 il progetto “Tuttingiro” ovvero i campi residenziali estivi che il Gruppo Rekeep mette a disposizione gratuitamente in tutta Italia per i figli dei dipendenti con età compresa tra gli 11 ed i 14 anni.

Termine per presentare la domanda di partecipazione: 3 maggio 2019.

Scarica il catalogo dell’edizione 2019

VIDEO

Essere Manutencoop #TRAILER

Persone
Massimo Cirri intervista Claudio Levorato - Essere Manutencoop #TRAILER

PLAY

UN OMAGGIO DOPPIO

leggi la loro storia

gente come noi i nostri veri testimonial
Sei in: webAmbiente / numero 2 - 2011 / A vele “ben spiegate”

Passioni

traduzione: eng | عربي

di Giancarlo Strocchia

A vele “ben spiegate”

Un incontro casuale, quello tra Maurizio Massanelli e la vela, che si è  trasformato negli anni in una grande passione. Oggi il responsabile della direzione tecnico-commerciale di Manutencoop può vantare un discreto numero di miglia consumate in mari nostrani e non, d’estate e d’inverno, a volte con qualche emozione di troppo, come quando quella volta, tra Malta e la Sicilia...

Vento d’estate. Quello che gonfia le vele e trasporta i naviganti verso sponde sconosciute. Un’immagine forse troppo romantica, ma neanche tanto lontana dal vero, se si pensa che lo spirito con cui si affronta una traversata in mare ha sempre qualcosa a che vedere con il desiderio di “evasione” e di ignoto. La stessa sensazione di libertà che confessa al nostro giornale Maurizio Massanelli, di professione ingegnere, responsabile della direzione tecnico-commerciale di Manutencoop, e velista per scelta. “A sedici anni un mio compagno di liceo mi dice: stasera vieni con me da mio cugino che sta restaurando una barca a vela ed ha bisogno di braccia per spostarla? – ci racconta - quella barchetta in legno di 5 metri diventò per me il più bel passatempo, e poi... negli anni settanta, a Pesaro, mia città d’origine, arrivare in spiaggia veleggiando migliorava decisamente le possibilità di relazione con le ragazze”.

Maurizio Massanelli in traversata

Libertà, avventura, distacco. Quale di queste sensazioni pensa di poter maggiormente identificare con la vela? Se nessuna delle tre, quale altra le viene in mente e perchè.

Quella di libertà è sicuramente una delle principali sensazioni che si provano a vela, allontanarsi dalla costa senza il disturbo di un motore e sentire il rumore della città che lascia rapidamente il posto allo sciacquio delle onde ed al soffio del vento ti dà la percezione di abbandonare anche gli impegni più pressanti. La sensazione di avventura l’ho provata frequentemente negli anni ottanta e novanta quando partecipavo a regate d’altura e si stava in mare senza sosta anche per settimane intere, affrontando le condizioni meteo mano a mano che si manifestavano e cercando di avere sempre la massima velocità della barca. E poi la vela è tecnica, dalla fluidodinamica all’intuizione anticipata della direzione del vento sempre in continue regolazioni millimetriche delle vele, se ci “caschi” ti prende moltissimo.

Ci racconta una traversata o una vicissitudine particolare vissuta in barca?

A ventiquattro anni mi era stato affidato dagli armatori il comando di un tredici metri da portare da Pesaro a Malta da dove poi saremmo partiti per la regata d’altura più bella alla quale io abbia mai partecipato: la “Malta Middle Sea Race”, seicento miglia senza sosta attorno alle isole del mediterraneo centrale.

“Allontanarsi dalla costa senza il disturbo di un motore mentre il rumore della città lascia il posto allo sciabordio dell’acqua”

Il giorno prima della partenza andò in tilt la strumentazione di bordo, per avere la scheda elettronica di ricambio servivano alcuni giorni e non avremmo più avuto il tempo necessario per raggiungere Malta in tempo per la regata (circa sei giorni). Partimmo ugualmente con a disposizione solo bussola e carte nautiche, praticamente come duecento anni prima. Fu entusiasmante, compreso una burrasca fortissima nell’ultima tratta, tra Sicilia e Malta, durante la quale subimmo un paio di avarie fortunatamente risolte. Fu questa l’unica occasione nella quale ho provato seriamente paura in barca. Arrivammo in porto a La Valletta alle sette di mattina del giorno di partenza della regata, prevista per le 18. Ci classificammo primi di classe ed il nome della barca fu inciso sul “boccale del Mediterraneo” custodito presso il Royal Yacht Club di Malta.

Tutto il mare è uguale per un velista o ci sono posti che meglio si prestano ad accogliere una vela?

Direi che la scelta è molto soggettiva, c’è chi ama il mare aperto, non gli basta il Mediterraneo e cerca l’oceano, per chi sta in Adriatico ci sono le isole dalmate che si prestano a crociere indimenticabili, per chi ha poco tempo e ne ha già viste parecchie, può bastare quello specchio d’acqua antistante il parco naturale del Colle San Bartolo, tra Cattolica e Pesaro, qualche ora, la domenica, anche in inverno.

Quali consigli darebbe a chi volesse intraprendere la stessa attività sportiva?

Prima di tutto di non prendersi troppo sul serio, per me la vela deve essere relax e divertimento, per cui non bisogna imitare chi urla e impreca all’equipaggio per un errore di manovra, esasperare l’acquisto di accessori o modifiche alla barca nel tentativo di battere in velocità il vicino di ormeggio. Bisogna osservare i comportamenti dei più esperti, imparare da loro il rispetto del mare, non temerlo, ma essere sempre pronti ad affrontare i suoi mutamenti esercitandosi anche in simulazioni di recupero o manovre di fortuna. Insomma privilegiare l’aspetto “marino” rispetto a quello “modaiolo” del regatante della domenica. Si dice poi che i momenti più belli che ti regala la barca a vela sono due, quando la compri e... quando la vendi! Il secondo momento non l’ho ancora provato!

Speciale Tour 80 anni

Ottant'anni, ma non li dimostra
Speciale Tour 80 anni

notizia 1

di Giancarlo Strocchia

Si sa, il bon ton prevede che chiedere l’età ad una signora, soprattutto se non più giovanissima, risulti sconveniente. Ma in questo caso il dato anagrafico è utile per comprendere quanta strada, quante vicissitudini ma anche quante vittorie prima la “Cooperativa per le manovalanze ferroviarie”, poi la Manutencoop società cooperativa e Manutencoop Facility Management, e oggi Rekeep, hanno raccolto e superato nel lungo corso della propria storia imprenditoriale.

LEGGI

Speciale Tour 80 anni

Una grande festa italiana
Speciale Tour 80 anni

notizia 2

di Chiara Filippi

Ieri Manutencoop, oggi Rekeep, ma senza abbandonare l’attenzione alle persone e alla loro crescita. Per festeggiare i suoi 80 anni l’azienda ha deciso di girare l’Italia presentando la propria nuova identità ma anche sottolineando l’importanza che riveste la cultura dell’integrazione attraverso l’iniziativa “Siedi, Leggi e Viaggia! La Biblioteca di Rekeep” che ha portato in alcune grandi città oltre 3.000 opere narrative donate alle biblioteche cittadine.

LEGGI

Speciale Tour 80 anni

Orgogliosi al traguardo

Speciale Tour 80 anni

notizia 2

di Chiara Filippi

A Bologna la tappa finale del tour itinerante “Siedi, Leggi e Viaggia! La Biblioteca di Rekeep”, ha trovato spazio nel cuore della città e della zona universitaria: il Foyer del Teatro Comunale. Dal 13 al 18 novembre la Biblioteca è stata ogni giorno animata da letture dei volumi e presentazioni di libri con alcuni importanti giornalisti e scrittori italiani, attirando un pubblico numerosissimo. Non sono mancati anche due appuntamenti legati particolarmente alla città di Bologna.

LEGGI