YouGenio

Scopri YOUGENIO

VIDEO

Essere Manutencoop #TRAILER

Persone
Massimo Cirri intervista Claudio Levorato - Essere Manutencoop #TRAILER

PLAY

UN OMAGGIO DOPPIO

leggi la loro storia

gente come noi i nostri veri testimonial
Sei in: webAmbiente / numero 1 - 2016 / Onde di orgoglio

Attualità

di Andrea M. Campo

Onde di orgoglio

Mentre la scienza compie un passo storico confermando la presenza delle onde gravitazionali, anticipate molti anni fa dalle teorie di Einstein, anche Barbara, Isabella e Majlinda, le tre operatrici di Manutencoop che si occupano del servizio di cleaning presso l’European Gravitational Observatory di Pisa, si sentono parte di questo straordinario progresso per l’umanità.

La notizia, all’inizio di febbraio, ha fatto il giro del mondo: cento anni dopo la teoria formulata da Einstein, è stata dimostrata l’esistenza delle onde gravitazionali. L’annuncio è stato dato alla comunità scientifica e al mondo intero contemporaneamente dagli Stati Uniti e dall’European Gravitational Observatory (Ego) di Cascina (Pisa). Le onde gravitazionali “ascoltate” per la prima volta all’EGO aprono ora un nuovo capitolo per la fisica mondiale e un nuovo punto di partenza per conoscere l’universo.

Ci piace pensare che al raggiungimento di questo successo anche Manutencoop abbia, nel suo piccolo, contribuito: da qualche anno, infatti, l’Area Operations Centro si occupa del cleaning all’interno di EGO. Sono tre le dipendenti che lavorano presso l’osservatorio pisano occupandosi del servizio di pulizie dei laboratori dove è avvenuta la scoperta. Un piccolo contributo che ha reso orgogliose Barbara Vannucci, Isabella Luciani, Majlinda Duka, e tutti i colleghi toscani.

Racconta la coordinatrice del gruppo Barbara Vannucci: “Collaboravamo già con l’Istituto nazionale di fisica nucleare e ci è arrivata una chiamata dal responsabile di Pisa. Dopo un periodo di prova di quattro mesi hanno confermato l’incarico. È un lavoro che richiede estrema cura e attenzione, ad esempio se le saldature non sono perfettamente pulite non aderiscono come dovrebbero, inoltre abbiamo a che fare con attrezzature che valgono migliaia di euro”.

Un mondo di grande delicatezza
“Nelle camere bianche (ambienti sterili n.d.r.) - prosegue Barbara - dobbiamo portare cuffie, soprascarpe, guanti, maschere affinché l’ambiente rimanga pulito. In alcuni casi dobbiamo proteggerci noi: ad esempio con gli occhiali quando ci sono le apparecchiature laser. Anche l’attrezzatura che utilizziamo è particolare. I secchi devono essere di metallo e non di materiali porosi, il mop è di un tessuto particolare che non perde fibre, gli aspiratori hanno doppi filtri oppure sono centralizzati, insomma tutto deve essere rigorosamente controllato e non deve contaminare l’ambiente di lavoro degli scienziati. Gli strumenti vengono lavati in autoclave e poi restituiti sigillati”.

Barbara, poi, racconta di quell’undici febbraio, giorno dell’annuncio alla stampa della scoperta: “Avevo intuito che fosse successo qualcosa ma è una scoperta inimmaginabile. Tutto ciò che ci dissero fu di tornare a casa, accendere la televisione e guardare la diretta. Siamo rimaste molto contente e fra i colleghi ancora oggi ci scherziamo sopra. Alcuni amici, addirittura, mi hanno chiesto di venire a vedere i laboratori ma ovviamente non è possibile. In fondo non è cambiato nulla da quel giorno. Erano tutti molto professionali allora e lo sono anche adesso. E tutte noi siamo contentissime del lavoro che abbiamo fatto”.

L’entusiasmo di Barbara è condiviso da tutto il Gruppo Manutencoop e anche la Direzione Aziendale, con una lettera inviata ai referenti del laboratorio, ha voluto congratularsi con tutto il gruppo di lavoro impegnato presso l’ European Gravitational Observatory di Cascina “per l’importante traguardo scientifico che avete contribuito a raggiungere”.

“Siamo sempre stati orgogliosi di poter offrire i nostri servizi ad un centro di eccellenza qual è il Vostro – ha scritto il presidente Levorato - L’importante risultato annunciato in questi giorni ci rende ancora più fieri sia del nostro lavoro, sia, come italiani, della prestigiosa tradizione del nostro Paese nel campo della fisica. Vi auguriamo ora di ricevere i riconoscimenti internazionali che meritate e che questa fondamentale scoperta possa aprire la strada a nuovi scenari sulla conoscenza dell’Universo. Noi, nel nostro piccolo, continueremo ad essere al Vostro fianco per rendere il più confortevole possibile i Vostri laboratori e il Vostro ambiente di lavoro”.

Aprile 2016

Dipendenti

Talent Development, imparare è un’ esperienza
Dipendenti

notizia 1

di Chiara Filippi

Si legge talent, si traduce come un percorso formativo un po’ speciale di oltre 2000 ore basato più sull’esperienza e sulla personalizzazione dell’offerta che sulle nozioni e cha ha avuto la missione di condurre un gruppo di dipendenti del Gruppo Rekeep allo sviluppo di competenze che hanno spaziato dalle capacità relazionali alle attività di project interface, dalla leadership, al middle management.

LEGGI

Eventi

45 anni di grande passione
Eventi

notizia 2

 

Esattamente il 7 maggio 1974 Lisa Cacciari, storica e inossidabile responsabile della segreteria di presidenza e, più recentemente, deux ex machina di tutte le sedi del Gruppo, faceva il suo ingresso in Manutencoop. 45 anni dopo, Rekeep ha voluto festeggiarla affidando allo scrittore Maurizio Garuti il racconto della sua storia in azienda.

LEGGI

Attualità

Rekeep protagonista agli Innovations Days
Attualità

notizia 2

di Chiara Filippi

È partita da Milano la rassegna promossa dal Gruppo Sole 24 Ore che percorrerà lo stivale presentando esperienze imprenditoriali di innovazione. nel primo appuntamento milanese il Gruppo Rekeep, premium partner dell’iniziativa, ha illustrato, per voce del Presidente di Manutencoop Claudio Levorato, le nuove soluzioni di facility management urbano.

LEGGI