YouGenio

Scopri YOUGENIO

TUTTINGIRO

Torna più avventuroso che mai anche per l’estate 2019 il progetto “Tuttingiro” ovvero i campi residenziali estivi che il Gruppo Rekeep mette a disposizione gratuitamente in tutta Italia per i figli dei dipendenti con età compresa tra gli 11 ed i 14 anni.

Termine per presentare la domanda di partecipazione: 3 maggio 2019.

Scarica il catalogo dell’edizione 2019

VIDEO

Essere Manutencoop #TRAILER

Persone
Massimo Cirri intervista Claudio Levorato - Essere Manutencoop #TRAILER

PLAY

UN OMAGGIO DOPPIO

leggi la loro storia

gente come noi i nostri veri testimonial
Sei in: webAmbiente / numero 3 - 2015 / Cambiare per crescere

Speciale organizzazione

traduzione: eng | عربي

di Claudio Levorato

Cambiare per crescere

Una riorganizzazione per cambiare, per innovare ma anche per aggiornare ai tempi che evolvono quella stessa capacità di cogliere le trasformazioni sociali e commerciali che ha caratterizzato l’inizio della storia imprenditoriale di Manutencoop. Così il presidente Claudio Levorato, presidente di Manutencoop, introduce e spiega la nuova organizzazione aziendale, un volano per affrontare le sfide del futuro con slancio e determinazione.

Manutencoop è sempre stata un’azienda capace di fare scelte innovative e coraggiose. Pronta a reinventarsi per trasformare le difficoltà in opportunità. Abile nell’anticipare le richieste del mercato o nel rispondere rapidamente a nuovi bisogni emergenti. In questa nostra capacità di cambiare sta, sicuramente, parte della nostra forza.

“L’espansione all’estero è la nostra grande scommessa per il futuro.
E il nuovo modello organizzativo darà testa e gambe alla nostra strategia.”

La riorganizzazione dell’azienda che presentiamo in queste pagine di “Ambiente” e che, nelle scorse settimane, abbiamo illustrato con incontri in tutta Italia, costituisce oggi un’ennesima radicale svolta. Paragonabile, per certi versi, al cambiamento che 30 anni fa generò quella cultura d’impresa, indipendente e autonoma dai passati condizionamenti politici, che è stata alla base della nostra leadership. Allora operavamo in un contesto economico in grande espansione, oggi attraversiamo una dura e lunga crisi economica ma siamo più forti dal punto di vista finanziario, ora come allora dobbiamo fare delle scelte difficili e innovarci profondamente per riprendere a crescere.

Veniamo da 7 anni complicati per il mercato del facility management, un settore caratterizzato da cambiamenti e contrazioni nella domanda, da una fortissima competizione focalizzata troppo spesso sul prezzo e paralizzata da interminabili contenziosi legali. Nell’ultimo periodo abbiamo efficientato profondamente la nostra struttura dei costi chiudendo tante “falle” che producevano perdite, riorganizzando i servizi, contenendo i costi del personale e i costi generali.

Ora la nostra situazione, da un punto di vista economico e finanziario, è sicuramente più equilibrata di qualche anno fa e ci rende pronti per affrontare nuove sfide. Prima fra tutte la crescita internazionale: l’espansione all’estero è la nostra grande scommessa per il futuro. E il nuovo modello organizzativo che abbiamo definito darà testa e gambe alla nostra strategia.

Una generazione di nuovi manager
Una strategia che punta, innanzitutto, sul ricambio generazionale, facendo leva sulla crescita di risorse interne: giovani donne e uomini cresciuti in Manutencoop ricopriranno incarichi importanti e di responsabilità.

Del resto, il modello organizzativo è nato proprio dai Gruppi di lavoro, composti in prevalenza da Under 40, a cui abbiamo affidato, nei mesi scorsi, il compito di revisione critica dell’organizzazione aziendale e della responsabilità sociale d’impresa. Dal lavoro di analisi condotto sono emerse criticità e opportunità a cui il modello organizzativo punta a dare risposta attraverso alcune, principali, scelte strategiche. Innanzitutto, è stata costituita una “Divisione Mercato Internazionale”, affidata a Danilo Bernardi, che sarà il braccio operativo per la crescita all’estero: dovrà promuovere l’azienda oltre confine e ricercare opportunità di sviluppo.

Verrà, inoltre, rafforzato l’orientamento al cliente: nel nuovo modello il cliente sarà al centro delle nostra attenzione anche grazie all’introduzione della figura del Key Account Manager, unico punto di contatto per qualsiasi esigenza.

È stata poi costituita una struttura dedicata al marketing: deve aiutarci a “leggere”, in modo più puntuale, le esigenze del mercato e supportarci nella ricerca di nuove risposte. Sono stati definiti processi e funzioni che favoriranno l’innovazione e il miglioramento continuo: per essere sempre più competitivi dobbiamo essere capaci di mettere a fattore comune le best practice che sperimentiamo nella quotidiana erogazione dei servizi. Parallelamente, i nostri obiettivi economici e finanziari dovranno essere sempre più “integrati” con l’attività operativa: per questo abbiamo dato vita alla nuova unità “Pianificazione strategica e Business Development”.

Una nuova “macchina” per crescere ad un punto di svolta decisivo
Non ultimo, abbiamo introdotto il ruolo del Chief Operating Officer affidato ad Andrea Gozzi: sarà responsabile del coordinamento e dell’ottimizzazione di tutte le attività commerciali, progettuali ed operative del Gruppo in Italia così come sono state ridefinite. I dettagli del nuovo modello organizzativo sono in corso di elaborazione: sarà necessario ridisegnare, a cascata, ruoli e procedure a tutti i livelli.

Sarà l’attività che ci vedrà impegnati nei prossimi mesi. Poi, una volta assemblata e messa a punto la macchina, dovremmo guidarla al meglio e farla funzionare. Credo che il “mezzo”, così come lo abbiamo modificato e rinnovato, abbia grandi potenzialità.

Sono convinto che anche la guida, con le nuove nomine, sia in buone mani. Sono certo che possiamo contare su “componenti” e “ingranaggi” tra i migliori sul mercato. Ora ci serve il carburante che da sempre ci alimenta e ci fa andare avanti: la passione, il senso di responsabilità, la voglia di “fare le cose per bene” per noi stessi e per le generazioni future. Sapremo, non ho dubbi, anche questa volta, vincere la sfida.

Dicembre 2015

Speciale Tour 80 anni

Orgogliosi al traguardo

Speciale Tour 80 anni

notizia 1

di Chiara Filippi

A Bologna la tappa finale del tour itinerante “Siedi, Leggi e Viaggia! La Biblioteca di Rekeep”, ha trovato spazio nel cuore della città e della zona universitaria: il Foyer del Teatro Comunale. Dal 13 al 18 novembre la Biblioteca è stata ogni giorno animata da letture dei volumi e presentazioni di libri con alcuni importanti giornalisti e scrittori italiani, attirando un pubblico numerosissimo. Non sono mancati anche due appuntamenti legati particolarmente alla città di Bologna.

LEGGI

Speciale Tour 80 anni

Una grande festa italiana
Speciale Tour 80 anni

notizia 2

di Chiara Filippi

Ieri Manutencoop, oggi Rekeep, ma senza abbandonare l’attenzione alle persone e alla loro crescita. Per festeggiare i suoi 80 anni l’azienda ha deciso di girare l’Italia presentando la propria nuova identità ma anche sottolineando l’importanza che riveste la cultura dell’integrazione attraverso l’iniziativa “Siedi, Leggi e Viaggia! La Biblioteca di Rekeep” che ha portato in alcune grandi città oltre 3.000 opere narrative donate alle biblioteche cittadine.

LEGGI

Speciale Tour 80 anni

Ottant'anni, ma non li dimostra
Speciale Tour 80 anni

notizia 2

di Giancarlo Strocchia

Si sa, il bon ton prevede che chiedere l’età ad una signora, soprattutto se non più giovanissima, risulti sconveniente. Ma in questo caso il dato anagrafico è utile per comprendere quanta strada, quante vicissitudini ma anche quante vittorie prima la “Cooperativa per le manovalanze ferroviarie”, poi la Manutencoop società cooperativa e Manutencoop Facility Management, e oggi Rekeep, hanno raccolto e superato nel lungo corso della propria storia imprenditoriale.

LEGGI