YouGenio

Scopri YOUGENIO

TUTTINGIRO

Torna più avventuroso che mai anche per l’estate 2019 il progetto “Tuttingiro” ovvero i campi residenziali estivi che il Gruppo Rekeep mette a disposizione gratuitamente in tutta Italia per i figli dei dipendenti con età compresa tra gli 11 ed i 14 anni.

Termine per presentare la domanda di partecipazione: 3 maggio 2019.

Scarica il catalogo dell’edizione 2019

VIDEO

Essere Manutencoop #TRAILER

Persone
Massimo Cirri intervista Claudio Levorato - Essere Manutencoop #TRAILER

PLAY

UN OMAGGIO DOPPIO

leggi la loro storia

gente come noi i nostri veri testimonial
Sei in: webAmbiente / numero 2 - 2015 / Un’oasi di colture biologiche sull’Appennino

Speciale Nugareto

traduzione: eng | عربي

di Gabriele Dall’Olio

Un’oasi di colture biologiche sull’Appennino

15 ettari di vigneti, 1.100 ulivi che presto daranno un olio biologico d’eccellenza, e poi alberi da frutta e aree dove passeggiare e riappropriarsi di un rapporto diretto con la natura. L’Azienda Agricola Nugareto, alle porte di Bologna, sta diventando sempre più una ricchezza non solo per Manutencoop ma per tutta la comunità locale.

Sulle pagine di Ambiente abbiamo più volte “parlato” di Nugareto, l’Azienda Agricola del Gruppo Manutencoop sulle colline di Sasso Marconi, in provincia di Bologna. Abbiamo presentato e promosso i vini che vengono prodotti e raccontato la storia della proprietà, ora vogliamo conoscere meglio gli aspetti agronomici e naturalistici dell’area. A farci da guida è una “vecchia” conoscenza di “Ambiente”: il nostro collaboratore Gabriele Dall’Olio, agronomo di Manutencoop Facility Management e dispensatore, su queste pagine, dei suoi puntuali “Consigli Verdi”. Per questo numero abbandona le pagine verdi della rubrica per accompagnarci sui colli di Bologna.

La storia del podere Nugareto ha radici profonde. Il nucleo centrale dell’azienda agricola fu acquisito e coltivato dalla cooperazione bolognese negli anni ’70 (Cooperativa Agricola Marzolini). A seguito di unificazioni, alla fine degli anni ’80, il podere passò alla Cooperativa Agricoover e, dopo la fusione fra quest’ultima e Manutencoop nel 1996, i terreni divennero proprietà di Manutencoop.

Fra i tanti terreni agricoli acquisiti dopo la fusione di Agricoover (circa un migliaio di ettari), Nugareto è l’unico che Manutencoop ha deciso di mantenere e riqualificare. La posizione privilegiata sulle colline che guardano Bologna, e la sua vocazione vitivinicola, hanno senz’altro contribuito affinché questa decisione venisse presa.

SE FOSSE
UNA CANZONE...

“Montagne verdi” (1972)

di Marcella Bella

Lato A del 45 giri Montagne verdi/Tu insieme scritta da Giancarlo Bigazzi e Gianni Bella con oltre mezzo milione di copie vendute all’esordio.

Il podere è posizionato sulle colline bolognesi, nel comune di Sasso Marconi. In linea d’aria dista pochi chilometri dalla sede di Manutencoop a Zola Predosa.

Inizialmente la superficie si estendeva su circa 90 ettari. Nel 2011 sono stati acquistati 20 ettari di terreni confinanti, comprensivi di 5 ettari di vigneti e di un lago da 2.000 mc.

Attualmente l’estensione aziendale complessiva è di circa 110 ettari, suddivisa in 50 ettari di boschi, 15 ettari di seminativi, prati e pascoli, 15 ettari di viti, 2 ettari di olivi, ettari incolti o dedicati alla viabilità interna e i restanti 13 ettari occupati da aree fabbricabili, un lago ed altri spazi. Dalla metà degli anni 2000 si è cominciato a recuperare le situazioni più degradate a livello idrogeologico, come alcune grosse frane che compromettevano la stabilità di interi versanti. Ogni qualvolta possibile, le tecniche utilizzate sono state quelle previste nei manuali di ingegneria naturalistica, seguendo una filosofia che si è sempre più rafforzata nel tempo: quella dell’esecuzione di interventi a basso impatto ambientale.

Anche a livello agronomico e naturalistico si è lavorato affinché non andassero completamente perdute alcune colture e le aree boscate. Sono stati avviati importanti operazioni di pulizia dei boschi, in totale abbandono da decenni, e sono state riqualificate tantissime alberature. In particolare si è lavorato per il miglioramento dello stato vegetativo della grande Quercia (Quercus pubescens), di quasi 300 anni, la Roverella simbolo dell’azienda agricola. Oltre a questo si è ripreso a curare le vigne ancora produttive, in attesa di impiantarne altre.

Oggi Nugareto è un’Azienda Agricola di tipo Biologico, dove si coltivano soprattutto viti. Proprio per questa ragione una delle sfide più difficili è mantenere al meglio i 15 ettari di vigne, per ricavarne 50.000 bottiglie di buon vino ogni anno.

Oltre a questo sono stati piantati 1.100 olivi, che entreranno in produzione fra qualche anno, e che produrranno una ristretta ma, si spera eccellente, produzione di olio extravergine di oliva (biologico). Sono stati messi a dimora un centinaio di alberi da frutto di svariate specie (ciliegi, prugni, albicocchi, sorbole, rusticani, peri, mandorli, etc. Si spera, nel giro di qualche anno, di avere buone produzioni, che ci permettano di avere un prodotto fresco, ma anche di trasformare parte della frutta in prodotti lavorati biologici (ad esempio marmellate).

In un angolo del podere, al riparo di un boschetto, esiste da tempo un apiario, dove sono collocate una ventina di arnie che ospitano una colonia di Api (Apis mellifera). Questo ci da la possibilità di produrre miele, propoli, pappa reale e polline, anche se – attualmente – questa attività è “subappaltata” ad uno specialista locale.

Per finire l’elencazione non bisogna dimenticare le vaste superfici coperte da foraggere (Erba medica e Prato stabile), nonché da boschi di Querce, Carpini, Noci, Sorbi, Ciliegi, etc.

Per quanto importante ed impegnativa si può dire, estremizzando, che la funzione agricola produttiva sia solo un “contorno”. Nugareto è nata per diventare uno spazio a disposizione del gruppo Manutencoop e un grande investimento socialmente responsabile. Oltre al settore agricolo, viene data grande importanza alla riqualificazione del territorio, nel senso più ampio del termine. Sono stati realizzati percorsi pedonali nel verde e ricostruita la viabilità carrabile interna all’azienda. Sono stati ripuliti i percorsi CAI che attraversano il podere e realizzate aree di accoglienza all’aperto. Si è provveduto a risistemare e mettere in sicurezza il lago, impiantato del verde ornamentale, costruito il punto vendita e ristoro.

Tutto questo fa sì che si possa senz’altro dire che si è lavorato moltissimo per riqualificare tutti quegli aspetti che aumentano la fruibilità del podere. Nugareto è, infatti, principalmente, una storia di riqualificazione di un territorio meraviglioso, da anni in abbandono. Attraverso un lavoro di recupero idrogeologico ed agronomico, complesso e faticoso, si sta facendo rinascere una vasta porzione collinare, riportandola alla sua vocazione originaria. Ancora oggi questo lavoro è in corso e i risultati sono evidenti e sotto gli occhi di tutti.

La vineria

LA VINERIA

Spazio alla tradizione contadina e vista su San Luca

A Nugareto l’attenzione alla valorizzazione del territorio e alla riscoperta della tradizione agricola bolognese è evidente anche all’interno della vineria, il primo degli immobili dell’area restaurato e oggi utilizzato per eventi aziendali, degustazioni e workshop.

L’intervento di restauro è stato progettato dall’architetto Ivanoe Castori mentre gli arredi ed il layout interno sono frutto dell’estro dell’Architetto Giorgio Pastori coadiuvato da Lisa Cacciari, responsabile gestione sedi e da Ivan Lagazzi, Energy Manager di Manutencoop.

Antichi attrezzi agricoli, stoviglie e mobili tipici della tradizione contadina fanno da contorno alla splendida vista dei Colli Bolognesi e del Santuario di San Luca che si può godere dalle ampie vetrate.

LINEE DI INTERVENTO

Sistemazione idrogeologica

 

  • PULIZIA E IMPERMEABILIZZAZIONE DEL LAGO
  • FORMAZIONE DRENAGGI, SCOLINE E PALIFICATE PER LA TENUTA DEI VERSANTI

  • REALIZZAZIONE VASCA DI DECANTAZIONE E CONVOGLIAMENTO
    ACQUE NEL LAGO
  • POSA DI MASSI CICLOPICI PER LA TENUTA DEL VERSANTE DELL’ALVEO
  • SFIORATORE DI «TROPPO PIENO» DEL LAGO
  • FORMAZIONE DI PALIFICATE A DOPPIA PARETE PER IL CONTENIMENTO DELLE FRANE

 

Recupero agronomico

 

  • IMPIANTO DI NUOVE COLTURE PRODUTTIVE: OLIVETI
  • MESSA A DIMORA DI SPECIE ORNAMENTALI AUTOCTONE
  • TAGLIO SELETTIVO DEL BOSCO CON RECUPERO DELLE SPECIE PREGIATE
  • IMPIANTO DI NUOVE COLTURE PRODUTTIVE: VIGNETI

 

Costruzione infrastrutture

 

  • REALIZZAZIONE DELLA VINERIA
  • IMPIANTISTICA IRRIGUA E RETE DI ADDUZIONE ACQUA DEL LAGO
  • RECINZIONI PER LA PROTEZIONE DAGLI UNGULATI
  • VIABILITÀ INTERNA ALL’AZIENDA

 

Luglio 2015

Speciale Tour 80 anni

Una grande festa italiana
Speciale Tour 80 anni

notizia 1

di Chiara Filippi

Ieri Manutencoop, oggi Rekeep, ma senza abbandonare l’attenzione alle persone e alla loro crescita. Per festeggiare i suoi 80 anni l’azienda ha deciso di girare l’Italia presentando la propria nuova identità ma anche sottolineando l’importanza che riveste la cultura dell’integrazione attraverso l’iniziativa “Siedi, Leggi e Viaggia! La Biblioteca di Rekeep” che ha portato in alcune grandi città oltre 3.000 opere narrative donate alle biblioteche cittadine.

LEGGI

Speciale Tour 80 anni

Ottant'anni, ma non li dimostra
Speciale Tour 80 anni

notizia 2

di Giancarlo Strocchia

Si sa, il bon ton prevede che chiedere l’età ad una signora, soprattutto se non più giovanissima, risulti sconveniente. Ma in questo caso il dato anagrafico è utile per comprendere quanta strada, quante vicissitudini ma anche quante vittorie prima la “Cooperativa per le manovalanze ferroviarie”, poi la Manutencoop società cooperativa e Manutencoop Facility Management, e oggi Rekeep, hanno raccolto e superato nel lungo corso della propria storia imprenditoriale.

LEGGI

Speciale Tour 80 anni

Orgogliosi al traguardo

Speciale Tour 80 anni

notizia 2

di Chiara Filippi

A Bologna la tappa finale del tour itinerante “Siedi, Leggi e Viaggia! La Biblioteca di Rekeep”, ha trovato spazio nel cuore della città e della zona universitaria: il Foyer del Teatro Comunale. Dal 13 al 18 novembre la Biblioteca è stata ogni giorno animata da letture dei volumi e presentazioni di libri con alcuni importanti giornalisti e scrittori italiani, attirando un pubblico numerosissimo. Non sono mancati anche due appuntamenti legati particolarmente alla città di Bologna.

LEGGI