YouGenio

Scopri YOUGENIO

TUTTINGIRO

Torna più avventuroso che mai anche per l’estate 2019 il progetto “Tuttingiro” ovvero i campi residenziali estivi che il Gruppo Rekeep mette a disposizione gratuitamente in tutta Italia per i figli dei dipendenti con età compresa tra gli 11 ed i 14 anni.

Termine per presentare la domanda di partecipazione: 3 maggio 2019.

Scarica il catalogo dell’edizione 2019

VIDEO

Essere Manutencoop #TRAILER

Persone
Massimo Cirri intervista Claudio Levorato - Essere Manutencoop #TRAILER

PLAY

UN OMAGGIO DOPPIO

leggi la loro storia

gente come noi i nostri veri testimonial
Sei in: webAmbiente / numero 2 - 2015 / Golosità

Golosità

I Menù di Ambiente
Amore a prima vista

Golosità

Una parentesi golosa questa che apriamo sul nostro giornale. Un menù proposto da un “uno di noi” che in cucina esprime il proprio estro.Golosità

Sono arrivata dall’Ungheria nel 2002 grazie ad una borsa di studio, ed è stato colpo di fulmine”.

Così descrive Amicarella Salamon Csilla il suo approdo in Italia, che oggi lavora nella Segreteria dell’Area Nord Est di Manutencoop.

Mi sono laureata in economia dell’Industria Alberghiera e Turismo, un corso di laurea che, oltre alle materie economiche, prevedeva anche esami da chef ed enologia, la ragione da cui trae origine la mia passione per la cucina.” “Con mio marito, di origine abruzzese e il mio bambino di due anni – racconta Csilla – amiamo molto viaggiare, scoprire nuove culture e confrontarci con abitudini culinarie differenti.”

Il menù che Csilla presenta prevede un antipasto a base di carne, tipico della parte est dell’Ungheria, come primo piatto la zuppa Gulyàs (“voi lo conoscete come Gulash – specifica Csilla – e spesso viene confuso con lo spezzatino”), e alla fine un dessert a base di papavero, ingrediente molto usato per i dolci ungheresi.

Per noi la zuppa è un piatto immancabile, un po’ come la pasta per gli italiani. Le zuppe ungheresi sono ricche di carne, patate, gnocchetti e spesso fungono da piatto unico, da cui si passa direttamente al dolce.”

CRESPELLE ALL’HORTOBÁGY
(Crespelle ripiene di carne)

Per lo stufato:

  • olio di girasole
  • 350 g di carne di pollo
  • 1 cipolla
  • 325 ml acqua
  • 2 cucchiaini di paprika dolce in polvere
  • sale e pepe

Per la salsa

  • 100 ml di panna acida (yoghurt greco Total 2%)
  • 30 g farina

Per le crespelle:

  • 90 g farina
  • 150 ml di latte
  • 30 ml di acqua frizzante
  • 1 uovo
  • 1 cucchiaio di olio di girasole
  • sale

Procedimento:
Tagliate la cipolla in piccoli pezzetti. Mettete l’olio in una pentola, quando è bollente, aggiungete la cipolla e fatela soffriggere. Quando la cipolla è ben dorata, togliete la pentola dal fuoco e aggiungete la paprika con un po’ di acqua. (State attenti, perché se mettete la paprika nell’olio bollente, diventerà amara). Mettete la carne tagliata a cubetti nella pentola, fatela sbiancare, e poi aggiungete l’acqua e stufatela. Macinate solo la carne dello stufato con un frullatore, e il suo sugo mettetelo a parte. Riempite le crespelle con lo stufato macinato e arrotolatele. Preparate la salsa di paprika. Riscaldate il sugo della carne in una pentola e intanto mettete la farina e la panna acida in una ciottola. Aggiungete un po’ di sugo caldo. Mescolatela bene e quando non ci sono più grumi, aggiungetela al sugo, fatela bollire e lasciatela ritirare. Mescolate tutti gli ingredienti per le crespelle e riscaldate la padella x crepes con un po’ di olio di girasole. Versate circa un mestolo della pasta liquida alla volta, stendetelo e friggete per qualche minuto e poi giratelo. Mettete le crespelle ripiene di carne in una pirofila, versate la salsa sopra e mettetele in forno. Servitele calde con la salsa alla paprika e la panna acida.

ZUPPA DI GULYÁS

  • olio di girasole
  • 1 cipolla
  • 3 cucchiaini di paprika dolce in polvere
  • 1 spicchio di aglio
  • 500 g di carne (stinco di manzo)
  • 1 pomodoro
  • 1 peperoncino dolce
  • 700 g di patate
  • 5 carote
  • 2 pastinache (radice bianca di prezzemolo)
  • 1 radice di sedano rapa
  • 1 cucchiaino di cumino macinato
  • sale
  • pepe
  • 2 foglie di alloro secco
  • acqua

Procedimento:
Tagliate la cipolla in piccoli pezzetti. Mettete l’olio in una pentola, quando è bollente, aggiungete la cipolla e fatelo soffriggere. Intanto sbucciate e tagliate a cubetti le patate, le pastinache, la radice del sedano rapa e la carne mentre le carote vanno tagliate a rondelle. Quando la cipolla è ben dorata, togliete la pentola dal fuoco e aggiungete la paprika con un po’ di acqua. (State attenti, perché se mettete la paprika nell’olio bollente, diventerà amara). Mettete la carne nella pentola, fatela sbiancare, e poi aggiungete il pomodoro e il peperoncino tagliato a pezzettini, aggiungete l’acqua e stufatela. Quando la carne si ammorbidisce un po’, aggiungete le verdure, le carote, le pastinache, le patate e la radice del sedano rapa. Condite a piacimento con sale, pepe, cumino macinato ed alloro. Allungate la base di zuppa con l’acqua e cuocetela. Quando la zuppa è pronta, potete aggiungere anche della pasta chiamata “csipetke”. Per preparare la “csipetke” ci vuole un uovo, un po’di farina e un pizzico di sale. Mettete l’uovo in un piattino (sia l’albume che il tuorlo), aggiungete un po’di sale e della farina (quanto basta per preparare una pasta abbastanza densa). Amalgamate bene gli ingredienti e con un cucchiaio staccate pezzettini di impasto nella zuppa bollente.

MÀKOSGUBA

  • 4 panini al latte a forma di mezza luna
  • 1 bastoncino di vaniglia
  • 300 ml di latte
  • 50 g di zucchero a velo
  • 50 g di semi di papavero macinato
  • 250 g di burro
  • 2,5 cucchiaio di miele
  • scorza di limone
  • chiodi di garofano in polvere

Procedimento:
Accendete il forno a 180 gradi. Intanto tagliate i panini a rondelle di 2 cm, e mettetele in una ciotola grande. In una pentola riscaldate il latte, il burro, il miele e il bastoncino di vaniglia. Una volta che bolle, togliete la vaniglia e versate sulle rondelle di panini. Mescolate piano fino a quando tutti i pezzi diventano molli. In un piatto mescolate i semi di papavero macinati, lo zucchero di velo, un po’ di scorza di limone grattugiato, e un pizzico di chiodi di garofano in polvere. Versate tutto sui panini bagnati di latte. Girate ancora con molta cura, in modo da distribuire bene i semi di papavero dappertutto. Stendete tutto in una teglia imburrata e mettete in forno preriscaldato per circa 15 minuti. Dopo la cottura al forno si può
condire con la salsa di vaniglia.

Speciale Tour 80 anni

Ottant'anni, ma non li dimostra
Speciale Tour 80 anni

notizia 1

di Giancarlo Strocchia

Si sa, il bon ton prevede che chiedere l’età ad una signora, soprattutto se non più giovanissima, risulti sconveniente. Ma in questo caso il dato anagrafico è utile per comprendere quanta strada, quante vicissitudini ma anche quante vittorie prima la “Cooperativa per le manovalanze ferroviarie”, poi la Manutencoop società cooperativa e Manutencoop Facility Management, e oggi Rekeep, hanno raccolto e superato nel lungo corso della propria storia imprenditoriale.

LEGGI

Speciale Tour 80 anni

Orgogliosi al traguardo

Speciale Tour 80 anni

notizia 2

di Chiara Filippi

A Bologna la tappa finale del tour itinerante “Siedi, Leggi e Viaggia! La Biblioteca di Rekeep”, ha trovato spazio nel cuore della città e della zona universitaria: il Foyer del Teatro Comunale. Dal 13 al 18 novembre la Biblioteca è stata ogni giorno animata da letture dei volumi e presentazioni di libri con alcuni importanti giornalisti e scrittori italiani, attirando un pubblico numerosissimo. Non sono mancati anche due appuntamenti legati particolarmente alla città di Bologna.

LEGGI

Speciale Tour 80 anni

Una grande festa italiana
Speciale Tour 80 anni

notizia 2

di Chiara Filippi

Ieri Manutencoop, oggi Rekeep, ma senza abbandonare l’attenzione alle persone e alla loro crescita. Per festeggiare i suoi 80 anni l’azienda ha deciso di girare l’Italia presentando la propria nuova identità ma anche sottolineando l’importanza che riveste la cultura dell’integrazione attraverso l’iniziativa “Siedi, Leggi e Viaggia! La Biblioteca di Rekeep” che ha portato in alcune grandi città oltre 3.000 opere narrative donate alle biblioteche cittadine.

LEGGI