YouGenio

Scopri YOUGENIO

VIDEO

Essere Manutencoop #TRAILER

Persone
Massimo Cirri intervista Claudio Levorato - Essere Manutencoop #TRAILER

PLAY

Festività 2016

Gruppo
Festività 2016
Gli auguri dei vertici del Gruppo Manutencoop PLAY

Bilancio Sociale 2014

Eventi
Presentazione Bilancio Sociale 2014

PLAY

SU IL SIPARIO SU REKEEP

leggi la loro storia

gente come noi i nostri veri testimonial
Sei in: webAmbiente / numero 2 - 2015 / L'altro sport

L'ALTRO SPORT

Vite da campione
La nobile arte di Valentina

Rubrica Tarozzi

di Marco Tarozzi
biografia

Una corsa verso la normalità

Questione di carattere. Perché c’è sempre una prima volta, e quella di Valentina Alberti, con il pugilato, è stata da “dentro o fuori”. Girare i tacchi e andarsene o farsi coinvolgere per sempre. Non è un ricordo sbiadito, basta andare indietro di appena cinque anni.

Era il 2010, non facevo sport da un po’ e avevo preso qualche chilo. Ero arrivata a pesarne ottanta. In Bolognina, il mio quartiere, c’è la palestra Tranvieri che è un pezzo di storia dello sport cittadino. Sapevo che lì dentro si tirava di boxe, una disciplina che in qualche modo mi affascinava. Beh, per farla breve: entro in questo ambiente non certo enorme e quindici ragazzi si voltano a fissarmi. Ho detto: bene, vado avanti. Chissà: ci fossero state una decina di ragazze pronte ad accogliermi con un sorriso, magari avrei salutato e sarei tornata a casa”.

È fatta così, Valentina. Ama le sfide. Altrimenti non si spiegherebbe la scelta di salire su un ring a sedici anni, una decisione talmente sua che per qualche tempo non ne ha messo al corrente nemmeno la famiglia.

Mamma mi vedeva tornare con la borsa e pensava andassi a fare ginnastica. Prima di tutto l’ho detto a lei, quando sono stata certa di aver trovato la mia strada. Poi a papà, la cui idea di pugilato erano i film di Rocky, quelli dove ci si picchia “senza futuro” per quindici riprese, e dunque era spaventatissimo. Un po’ alla volta gli ho fatto capire che le cose stavano molto diversamente”.

La nobile arte di Valentina

Resta il fatto che passare da uno sport di squadra a una disciplina in cui sei davvero solo con i tuoi pensieri e le tue strategie, in mezzo al quadrato, è un bel cambio di visuale.

Ho giocato a basket per dieci anni, prima in Fortitudo poi a Castel San Pietro. Bello, ma nel pugilato ho imparato a fare squadra molto più che tra i canestri. Sono fatta così. Non mi sento mai sola, in palestra. Lì quelli che hai intorno sono sempre dalla tua parte, e tu ti batti anche per loro. Ogni vittoria è una vittoria di tutti”.

Soprattutto di quelli che hanno visto Valentina arrivare in palestra, e poi l’hanno aiutata a crescere e a diventare una delle migliori in Italia. Là, dentro alla mitica “Tranvieri”, qualcuno ha avuto la vista lunga.

Devo dire grazie al maestro Sergio Rosa, che è un’istituzione per la boxe bolognese. E poi a Sergio Di Tullio, che mi ha allenata e un giorno, dopo il mio primo combattimento, mi ha detto “devi continuare, tu farai strada”. Aveva ragione”.

Poi Valentina ci ha messo del suo. Perché questo sport non fa regali, non offre scorciatoie. Devi allenarti, per arrivare. E sodo.

Ho avuto fortuna. Oggi faccio parte dell’Esercito, e questo mi dà sicurezze in più per il futuro. Perché non è facile, con questi ritmi, andare avanti come uno vorrebbe fuori dal ring. La scuola, ad esempio: mi ero iscritta a Scienze Internazionali e diplomatiche, a Forlì, ma ora sono al Centro Nazionale Federale di Assisi quasi tutto il tempo, torno a Bologna due giorni al mese. E qui faccio anche tre sedute al giorno. Non è facile tenere tutto in equilibrio. Ma questa è la mia scelta, e il pugilato è uno sport che non ti regala niente, non prevede scorciatoie. Se vuoi ottenere qualcosa, devi sacrificarti”.

La nobile arte di Valentina

Anche mentalmente. Perché la boxe è tattica, studio dell’avversario, concentrazione, capacità di interpretare il match e di trovarne la soluzione.

È uno sport di situazione. C’è un momento in cui capisci come può finire, in cui devi essere capace di prendere in mano la situazione. Trovare il ritmo giusto, il colpo che lascia il segno anche su chi deve giudicarti a bordo ring…Se non cogli l’attimo, è finita”.

Al pugilato non sono arrivata vedendo la tv, così mi ispiro alle mie compagne di nazionale, che hanno fatto la storia della boxe femminile in Italia.

Ancora otto, nove anni, assicura. C’è tempo per pensare anche alle Olimpiadi. Un sogno che neppure accarezzava, quel giorno in cui si affacciò alla Tranvieri. Cresciuto nel tempo, e oggi diventato forse qualcosa di più. Perché questa ragazza ha la faccia decisa di chi vuole ancora progredire. E migliorare, a questo punto, significa assicurarsi un posto ai vertici.

Sì, credo che se continuo a lavorare così un’Olimpiade potrebbe essere alla mia portata, in futuro. Teniamo conto che non sto parlando di Rio, dove la mia categoria, i superleggeri, non è prevista. Bisogna puntare a Tokio 2020, e a quel punto avrò ventisei anni, sarò nel pieno della maturità atletica. Devo, voglio provarci. Poi, se davvero Roma portasse a casa l’edizione del 2024, beh, allora dovrei combattere di sicuro fino a trent’anni.”

VALENTINA ALBERTI

Nata a Bologna nel 1994. Dopo aver praticato la pallacanestro per una decina d’anni, si è avvicinata alla boxe nel 2010, scegliendo la Pugilistica Tranvieri di Sergio Rosa, e seguendo gli insegnamenti di Sergio Di Tullio. Da quasi tre anni nel giro della Nazionale, ha conquistato il bronzo un anno fa nella terza edizione della Nations Cup, e lo scorso 23 giugno l’argento ai Giochi Europei di Baku. Veste i colori dell’Esercito. Il suo ruolino di marcia parla di 41 incontri disputati, dei quali 26 vinti, con 12 sconfitte e 3 verdetti di parità.

La nobile arte di Valentina

Va avanti così, Valentina Alberti. Un po’ di nostalgia per la sua città, che è stata una culla della “noble art”, così appassionata da costruire un palasport intorno alle imprese di Checco Cavicchi che trascinava le folle. Per la sua famiglia, che adesso ha capito che il pugilato non è la faccia sanguinante di Rocky Balboa.

Pochi esempi da seguire, “perché a questa disciplina non sono arrivata vedendo incontri in tv, così mi ispiro semplicemente alle mie compagne di Nazionale, che hanno fatto la storia della boxe femminile in Italia”. E la voglia di non mollare, di non arretrare mai di un passo. La “cazzimma”, come si dice. Roba per pochi.

Bisogna crederci, in questo sport. Se mi chiedi di descriverlo, mi basta usare tre parole. Testa, gambe, cuore. Con le prime due cresci tecnicamente, ma senza il cuore non diventerai mai vincente”.

Sostenibilità

Al S.Orsola-Malpighi una centrale del futuro
Sostenibilità

notizia 1

di Giancarlo Strocchia

Un intervento del valore di 37,4 milioni di euro, realizzato da Manutencoop Facility Management, ha consentito di dotare una delle principali strutture sanitare della regione, e del paese, di un impianto di trigenerazione energetica.

LEGGI

Formazione

Il nostro talent show

Formazione

notizia 2

di Chiara Filippi

Al via un ricco programma di nuovi progetti e iniziative che interesseranno trasversalmente dalla formazione al potenziamento dei canali di selezione passando per eventi e collaborazioni con le università.

LEGGI

Attualità

Un Gruppo che cambia

Attualità

notizia 2

di Chiara Filippi

Dopo lunghe e impegnative operazioni finanziarie, il 100% di Manutencoop Facility Management S.p.A. è tornato nelle mani di Manutencoop Società Cooperativa. La conclusione dell’iter è coincisa, inoltre, con la nomina di un nuovo consiglio di amministrazione e la riorganizzazione del management aziendale.

LEGGI

La nobile arte di Valentina