YouGenio

Scopri YOUGENIO
Facilita - Il welfare di Manutencoop
Noi No

VIDEO

Essere Manutencoop #TRAILER

Persone
Massimo Cirri intervista Claudio Levorato - Essere Manutencoop #TRAILER

PLAY

Festività 2016

Gruppo
Festività 2016
Gli auguri dei vertici del Gruppo Manutencoop PLAY

Bilancio Sociale 2014

Eventi
Presentazione Bilancio Sociale 2014

PLAY

IL TEAM DELL’ ADVANCED SERVICES CENTER

leggi la loro storia

gente come noi i nostri veri testimonial

comics

di LELE CORVI

vignetta

LEGGI

PICNIC

L'area riservata ai soci Manutencoop

PICNIC
Sei in: webAmbiente / numero 3 - 2014 / Il bancone del bar

IL BANCONE DEL BAR

Cirri Massimo

di MASSIMO CIRRI
biografia

due sorsi di confidenze
Nobili per sostenibilità


- Cosa ne sai tu di araldica?
- Ara...che?
- Araldica.
- Non è quella cosa che... si, tu lavori nel campo con il trattore e rivolti la terra, ari. "Sto facendo un lavoro di araldica". Poi ripassi con la sarchiatura e poi alla fine semini. Il grano, l’avena, il mais. Ma se non c’è un’araldica ben fatta il raccolto...
- Il raccolto?
- Il raccolto non sarà mai... No?
- Quella è l’aratura.
- Aratura... Ma si può dire anche araldica... È un termine più elegante, raffinato. Certo che se tu preferisci un linguaggio più terra terra... L’hai capita, ehhh?
- Ehhh?
- È una battuta, dai. Cosa fa il trattore? Ara, o araldica, e che cosa? La terra... terra terra? Non l’hai capita... vabbè
- Lascia perdere. Tu sei blasonato?
- Blasonato? ... No. Un po’ stanco si, ho fatto l’influenza, ho ancora un po’ di catarro... ma blasonato non direi.
- Non diresti?
- Non direi. E direi anche basta: che cos’è? Giochiamo al Sapientino? Facciamo a chi ne sa di più? Allora adesso interrogo io: dimmi i confini dell’Umbria.
- Lascia perdere l’Umbria. Ti chiedevo dell’araldica per un motivo preciso. L’araldica è la scienza degli stemmi. Hai presente lo stemma?
- Quello delle famiglie nobili? Quello con il leone rampante, il cervo, l’aquila reale? Lo stemma di casa Savoia...
- Quello. Se ce l’hai sei blasonato: capito adesso?
- Capito. Il blasone non ce l’ho e non ce l’hai neanche tu. Quindi cambiamo discorso...
- No. Appunto perché non ce l’hai dobbiamo farcene uno...
- Io e te? Adesso, qui, dopo il lavoro, prima di cena, ci facciamo lo stemma?
- Esatto. Seguimi...
- Come no. Ci facciamo lo stemma e se facciamo tardi lo dico a casa: “Scusami cara, sono in ritardo ma sto arrivando e adesso siamo blasonati. Anticipalo tu ai bambini”. Ma dai...
- Aspetta: lo stemma non rappresenta soltanto i duchi e i conti. Rappresenta anche il lavoro e chi lo fa.
- Cioè?
- Nel medioevo, quando nascono tutti gli stemmi, c’erano le corporazioni che riunivano tutti quelli che facevano lo stesso lavoro. C’era la corporazione dei notai, quella dei medici e degli speziali, quella dei fabbri. Quella dei fornai, quella dei legnaioli, adesso si direbbe falegnami, poi quella dei macellai, i tessitori, eccetera eccetera. E ogni corporazione aveva uno stemma, un simbolo che la rappresentava.
- E allora?
- Allora i fabbri avevano nello stemma una tenaglia, i macellai una capra, i falegnami un albero o un’ascia e via dicendo. Tutti con il proprio stemma
- I notai che stemma avevano?
- Adesso mi sfugge. Ma ce l’avevano anche loro.
- Sarà stata la penna? La marca da bollo? Il mutuo?
- Lascia perdere lo stemma dei notai del medioevo. Pensa piuttosto che dobbiamo trovarne uno anche noi.
- Noi di Manutencoop?
- Noi.
- Ma ce l’abbiamo già. È quello con i tre vortici, le sei pennellate, cinque blu e una verde, e la scritta: Manutencoop. Bella, no?
- Bella. Ma si chiama logo, è un’altra cosa.
- Cioè?
- Cioè noi qui giochiamo a trovare lo stemma di Manutencoop. Quello che racconta il lavoro che facciamo.
- Ma qui c’è il problema. Perché noi, qui a Manutencoop, facciamo moltissime cose e molto diverse tra loro. Gestiamo gli impianti e gli edifici, facciamo il cleaning, la manutenzione del verde, gestiamo l’illuminazione pubblica. Poi c’è tutto il lavoro negli ospedali, poi ci sono gli ascensori, l’archiviazione dei documenti e qualcos’altro che adesso mi dimentico. Sono un mucchio di cose: come fai a metterle tutte sul tuo stemma? Le miniaturizziamo e non si vede nulla o ci serve uno stemma grande come un campo da tennis. Che diventa un problema portarlo in giro. Pensa appenderlo al bavero della giacca.
- È questo il gioco: trovare la sintesi, quella che le racconta tutte. E metterla sullo stemma.
- Ma come ti è venuta in mente questa cosa?
- A Ecomondo. Hai presente?
- Come no: è quello di novembre alla Fiera di Rimini, il salone della green economy. C’era il nostro stand.
- Esatto. L’ho visitato.
- Com’era?
- Bello, verde e bianco. Aperto. Ci sono passato dentro e ho avuto l’illuminazione per la sintesi definitiva.
- Quella per lo stemma?
- Quella. Pensaci: noi facciamo molti lavori, anche diversi, ma non è un caso se andiamo sempre a Ecomondo.
- Perché ci teniamo all’ambiente?
- Esatto. Quindi due elementi: lavoro, perché noi lavoriamo, e sostenibilità, perché ci interessa lo sviluppo sostenibile
- E allora?
- Allora nello stand di Ecomondo ho visto il nostro stemma. Era appeso lì.
- E cos’era?
- Il caschetto bianco, hai presente?
- Quello antinfortunistico?
- Quello. È il simbolo del lavoro, perché lo indossa chi lavora e sta attento agli infortuni. Nello stand ce n’erano molti con dentro una bella piantina aromatica, che rappresenta la natura, la sostenibilità, il mondo pulito e profumato che vogliamo. E la bellezza.
- Quindi sul nostro stemma c’è il caschetto da lavoro usato come fosse un vaso da fiori con dentro una pianta aromatica?
- Esatto. Quello dello stand di Ecomondo. E ora lo mettiamo nello stemma...
- Che pianta? Lavanda? Salvia? Rosmarino?
- Son democratico: scegli tu.
- Rosmarino, che mi da anche l’idea dell’arrosto?
- Rosmarino sia. Abbiamo lo stemma: caschetto bianco e pianta di rosmarino. Affare fatto?
- Affare fatto. Ci mancano solo i confini dell’Umbria.
- Toscana, Lazio e Marche.
- Emilia-Romagna?
- No.
- Abruzzo.
- No.
- Aperitivo?
- Si.
- L’Umbria confina con l’aperitivo?

Persone

And the winner is...Augusto-Renato!
Persone

notizia 1

di Giancarlo Strocchia

In questa intervista la vita di Augusto Amicucci e la sua passione per l’autore di tanti successi discografici.

LEGGI

Sostenibilità

Il battesimo della sostenibilità firmata MFM
Sostenibilità

notizia 2

di Sara Ghedini

Manutencoop Facility Management ha pubblicato il proprio Bilancio di Sostenibilità. Un’opera prima che, però, eredita il lascito preziosissimo di esperienza ultraventennale della Cooperativa.

LEGGI

Innovazione

Assistenza ad alta integrazione, 24h su 24
Innovazione

notizia 2

di Chiara Filippi

È quella che garantisce il nuovo “Advanced Services Center” di Mestre che offre, da remoto e senza interruzione, assistenza e supporto a clienti e società del Gruppo.

LEGGI