YouGenio

Scopri YOUGENIO

TUTTINGIRO

Torna più avventuroso che mai anche per l’estate 2019 il progetto “Tuttingiro” ovvero i campi residenziali estivi che il Gruppo Rekeep mette a disposizione gratuitamente in tutta Italia per i figli dei dipendenti con età compresa tra gli 11 ed i 14 anni.

Termine per presentare la domanda di partecipazione: 3 maggio 2019.

Scarica il catalogo dell’edizione 2019

VIDEO

Essere Manutencoop #TRAILER

Persone
Massimo Cirri intervista Claudio Levorato - Essere Manutencoop #TRAILER

PLAY

UN OMAGGIO DOPPIO

leggi la loro storia

gente come noi i nostri veri testimonial
Sei in: webAmbiente / numero 3 - 2014 / Il bancone del bar

IL BANCONE DEL BAR

Cirri Massimo

di MASSIMO CIRRI
biografia

due sorsi di confidenze
Nobili per sostenibilità


- Cosa ne sai tu di araldica?
- Ara...che?
- Araldica.
- Non è quella cosa che... si, tu lavori nel campo con il trattore e rivolti la terra, ari. "Sto facendo un lavoro di araldica". Poi ripassi con la sarchiatura e poi alla fine semini. Il grano, l’avena, il mais. Ma se non c’è un’araldica ben fatta il raccolto...
- Il raccolto?
- Il raccolto non sarà mai... No?
- Quella è l’aratura.
- Aratura... Ma si può dire anche araldica... È un termine più elegante, raffinato. Certo che se tu preferisci un linguaggio più terra terra... L’hai capita, ehhh?
- Ehhh?
- È una battuta, dai. Cosa fa il trattore? Ara, o araldica, e che cosa? La terra... terra terra? Non l’hai capita... vabbè
- Lascia perdere. Tu sei blasonato?
- Blasonato? ... No. Un po’ stanco si, ho fatto l’influenza, ho ancora un po’ di catarro... ma blasonato non direi.
- Non diresti?
- Non direi. E direi anche basta: che cos’è? Giochiamo al Sapientino? Facciamo a chi ne sa di più? Allora adesso interrogo io: dimmi i confini dell’Umbria.
- Lascia perdere l’Umbria. Ti chiedevo dell’araldica per un motivo preciso. L’araldica è la scienza degli stemmi. Hai presente lo stemma?
- Quello delle famiglie nobili? Quello con il leone rampante, il cervo, l’aquila reale? Lo stemma di casa Savoia...
- Quello. Se ce l’hai sei blasonato: capito adesso?
- Capito. Il blasone non ce l’ho e non ce l’hai neanche tu. Quindi cambiamo discorso...
- No. Appunto perché non ce l’hai dobbiamo farcene uno...
- Io e te? Adesso, qui, dopo il lavoro, prima di cena, ci facciamo lo stemma?
- Esatto. Seguimi...
- Come no. Ci facciamo lo stemma e se facciamo tardi lo dico a casa: “Scusami cara, sono in ritardo ma sto arrivando e adesso siamo blasonati. Anticipalo tu ai bambini”. Ma dai...
- Aspetta: lo stemma non rappresenta soltanto i duchi e i conti. Rappresenta anche il lavoro e chi lo fa.
- Cioè?
- Nel medioevo, quando nascono tutti gli stemmi, c’erano le corporazioni che riunivano tutti quelli che facevano lo stesso lavoro. C’era la corporazione dei notai, quella dei medici e degli speziali, quella dei fabbri. Quella dei fornai, quella dei legnaioli, adesso si direbbe falegnami, poi quella dei macellai, i tessitori, eccetera eccetera. E ogni corporazione aveva uno stemma, un simbolo che la rappresentava.
- E allora?
- Allora i fabbri avevano nello stemma una tenaglia, i macellai una capra, i falegnami un albero o un’ascia e via dicendo. Tutti con il proprio stemma
- I notai che stemma avevano?
- Adesso mi sfugge. Ma ce l’avevano anche loro.
- Sarà stata la penna? La marca da bollo? Il mutuo?
- Lascia perdere lo stemma dei notai del medioevo. Pensa piuttosto che dobbiamo trovarne uno anche noi.
- Noi di Manutencoop?
- Noi.
- Ma ce l’abbiamo già. È quello con i tre vortici, le sei pennellate, cinque blu e una verde, e la scritta: Manutencoop. Bella, no?
- Bella. Ma si chiama logo, è un’altra cosa.
- Cioè?
- Cioè noi qui giochiamo a trovare lo stemma di Manutencoop. Quello che racconta il lavoro che facciamo.
- Ma qui c’è il problema. Perché noi, qui a Manutencoop, facciamo moltissime cose e molto diverse tra loro. Gestiamo gli impianti e gli edifici, facciamo il cleaning, la manutenzione del verde, gestiamo l’illuminazione pubblica. Poi c’è tutto il lavoro negli ospedali, poi ci sono gli ascensori, l’archiviazione dei documenti e qualcos’altro che adesso mi dimentico. Sono un mucchio di cose: come fai a metterle tutte sul tuo stemma? Le miniaturizziamo e non si vede nulla o ci serve uno stemma grande come un campo da tennis. Che diventa un problema portarlo in giro. Pensa appenderlo al bavero della giacca.
- È questo il gioco: trovare la sintesi, quella che le racconta tutte. E metterla sullo stemma.
- Ma come ti è venuta in mente questa cosa?
- A Ecomondo. Hai presente?
- Come no: è quello di novembre alla Fiera di Rimini, il salone della green economy. C’era il nostro stand.
- Esatto. L’ho visitato.
- Com’era?
- Bello, verde e bianco. Aperto. Ci sono passato dentro e ho avuto l’illuminazione per la sintesi definitiva.
- Quella per lo stemma?
- Quella. Pensaci: noi facciamo molti lavori, anche diversi, ma non è un caso se andiamo sempre a Ecomondo.
- Perché ci teniamo all’ambiente?
- Esatto. Quindi due elementi: lavoro, perché noi lavoriamo, e sostenibilità, perché ci interessa lo sviluppo sostenibile
- E allora?
- Allora nello stand di Ecomondo ho visto il nostro stemma. Era appeso lì.
- E cos’era?
- Il caschetto bianco, hai presente?
- Quello antinfortunistico?
- Quello. È il simbolo del lavoro, perché lo indossa chi lavora e sta attento agli infortuni. Nello stand ce n’erano molti con dentro una bella piantina aromatica, che rappresenta la natura, la sostenibilità, il mondo pulito e profumato che vogliamo. E la bellezza.
- Quindi sul nostro stemma c’è il caschetto da lavoro usato come fosse un vaso da fiori con dentro una pianta aromatica?
- Esatto. Quello dello stand di Ecomondo. E ora lo mettiamo nello stemma...
- Che pianta? Lavanda? Salvia? Rosmarino?
- Son democratico: scegli tu.
- Rosmarino, che mi da anche l’idea dell’arrosto?
- Rosmarino sia. Abbiamo lo stemma: caschetto bianco e pianta di rosmarino. Affare fatto?
- Affare fatto. Ci mancano solo i confini dell’Umbria.
- Toscana, Lazio e Marche.
- Emilia-Romagna?
- No.
- Abruzzo.
- No.
- Aperitivo?
- Si.
- L’Umbria confina con l’aperitivo?

Speciale Tour 80 anni

Una grande festa italiana
Speciale Tour 80 anni

notizia 1

di Chiara Filippi

Ieri Manutencoop, oggi Rekeep, ma senza abbandonare l’attenzione alle persone e alla loro crescita. Per festeggiare i suoi 80 anni l’azienda ha deciso di girare l’Italia presentando la propria nuova identità ma anche sottolineando l’importanza che riveste la cultura dell’integrazione attraverso l’iniziativa “Siedi, Leggi e Viaggia! La Biblioteca di Rekeep” che ha portato in alcune grandi città oltre 3.000 opere narrative donate alle biblioteche cittadine.

LEGGI

Speciale Tour 80 anni

Ottant'anni, ma non li dimostra
Speciale Tour 80 anni

notizia 2

di Giancarlo Strocchia

Si sa, il bon ton prevede che chiedere l’età ad una signora, soprattutto se non più giovanissima, risulti sconveniente. Ma in questo caso il dato anagrafico è utile per comprendere quanta strada, quante vicissitudini ma anche quante vittorie prima la “Cooperativa per le manovalanze ferroviarie”, poi la Manutencoop società cooperativa e Manutencoop Facility Management, e oggi Rekeep, hanno raccolto e superato nel lungo corso della propria storia imprenditoriale.

LEGGI

Speciale Tour 80 anni

Orgogliosi al traguardo

Speciale Tour 80 anni

notizia 2

di Chiara Filippi

A Bologna la tappa finale del tour itinerante “Siedi, Leggi e Viaggia! La Biblioteca di Rekeep”, ha trovato spazio nel cuore della città e della zona universitaria: il Foyer del Teatro Comunale. Dal 13 al 18 novembre la Biblioteca è stata ogni giorno animata da letture dei volumi e presentazioni di libri con alcuni importanti giornalisti e scrittori italiani, attirando un pubblico numerosissimo. Non sono mancati anche due appuntamenti legati particolarmente alla città di Bologna.

LEGGI