YouGenio

Scopri YOUGENIO

VIDEO

Essere Manutencoop #TRAILER

Persone
Massimo Cirri intervista Claudio Levorato - Essere Manutencoop #TRAILER

PLAY

Festività 2016

Gruppo
Festività 2016
Gli auguri dei vertici del Gruppo Manutencoop PLAY

Bilancio Sociale 2014

Eventi
Presentazione Bilancio Sociale 2014

PLAY

SU IL SIPARIO SU REKEEP

leggi la loro storia

gente come noi i nostri veri testimonial
Sei in: webAmbiente / numero 3 - 2014 / Appuntamento al Cafè Racer

Dipendenti con passione

traduzione: eng | عربي

di Andrea Campo

Appuntamento al Cafè Racer

Il mito delle due ruote, libertà e spregiudicatezza, ma con moderazione. Sulle tracce di Easy Rider, emulo degli affezionati centauri che negli anni ’60 maghi della modifica, Antonio Mendo, che lavora nel Gruppo Sicura, è partito dalla “ricostruzione” di una vespa 125 d’annata per carambolare sulle moto di alta cilindrata. Una passione che si traduce in grandi escursioni e nella conquista della targa d’oro.

In origine erano motociclisti, appassionati di corse clandestine, che modificavano i loro mezzi per migliorane le prestazioni. Si riunivano davanti ai Cafè di Londra, il più famoso era l’Ace Cafè, per scambiarsi consigli, idee e per gareggiare su percorsi cittadini. Un fenomeno culturale che, alla fine degli anni ’60, aveva già valicato i confini britannici per sbarcare in Germania e in Italia. I cultori del Cafè Racer, oggi diffusi in tutta Italia, utilizzano motociclette da strada di media e grossa cilindrata ma c’è chi, omaggiando l’italianità, ha voluto cominciare da uno dei celebri simboli del Belpaese: la Vespa.

Antonio Mendo

Antonio Mendo, Responsabile divisione sicurezza macchine e delle linee vita del Gruppo Sicura, racconta una passione nata solo quattro anni fa ma già ricca di soddisfazioni.

“Tutto è cominciato con la Vespa di mio padre, una 125 VL Struzzo del 1955. Era abbandonata in una cascina con carrozzeria e motore messi veramente male, il motore era senza candela e si era riempito d’acqua e arrugginito. Avevo deciso di rimetterla a nuovo ma non avevo le giuste conoscenze così ho cominciato a documentarmi, studiando i disegni tecnici e le parti meccaniche. Dopo averla smontata tutta ho cominciato la sistemazione cercando i pezzi da sostituire tra i vari mercatini di scambio usato, non ero capace di sistemare il motore cosi ho contattato un mio amico e con una ricerca su internet siamo riusciti a trovare un blocco motore uguale e alcune componenti: da due motori ne abbiamo fatto uno. Poi ho smontato e fatto riverniciare la carrozzeria da un carrozziere e sostituito tutte le componenti rovinate ma c’era un problema: il serbatoio aveva un foro abbastanza grande ed era impossibile trovarne un altro nei mercatini usato o nuovo perciò ho realizzato la parte sotto del serbatoio e poi l’ho fatta saldare. Il risultato è stato ottimo perciò ho deciso di iscrivere la Vespa al Registro Storico della Federazione Motociclistica Italiana ottenendo così la Targa d’oro”.

Per ottenere la targa d’oro, come stabilisce la Federazione, è necessario che i motoveicoli, abbiano compiuto i 20 anni di età, calcolati dalla data della loro costruzione o dalla prima immatricolazione e l’iscrizione è subordinata, però, alla decisione di una Commissione che ha la facoltà di non iscrivere i mezzi che non risultino completamente conformi all’originale o che non siano ben restaurati.

Antonio, modestamente, ammette di non essere un esperto di meccanica ma di avere una forte passione accompagnata da una buona manualità.

A dimostrarlo le altre due Targhe d’oro che gli sono state riconosciute.

SE FOSSE
UN FILM...

“Easy Rider”(1969)

di Dennis Hopper

L’on the road per antonomasia racconta un’epoca di cambiamento e rivoluzioni con tre icone del cinema americano: Dennis Hopper, Peter Fonda e Jack Nicholson..

“Un po’ di tempo fa ho trovato un’occasione, una Vespa VNB1 T del 1960, in realtà era del ’59 ma è stata immatricolata nel 1960. Il motore era a posto ma ho deciso di riverniciarla. Così l’ho smontata completamente, l’ho verniciata e ho realizzato un forno con due piccole lampade per l’asciugatura. Tutto questo con l’aiuto di mio fratello, che ai tempi della scuola ha lavorato presso una carrozzeria. Dopo questa ho comprato e messo a posto una Vespa Gtr 125 del ’72, e il prossimo anno risistemerò anche la Vespa di quando ero ragazzo: una Primavera del 1974”.

Nonostante l’indubbio valore, le quattro Vespe non rimangono relegate in garage ma, a turno, accompagnano Antonio, che abita nel vicentino, lungo i suoi viaggi.

“Sono iscritto al Vespa Club e una o due volte al mese organizzano una scampagnata. D’estate mi piace girare in Vespa e quando il tempo e il lavoro me lo permettono, faccio viaggi più lunghi con gli amici. Sono andato fino a Caorle, fino a Trento e per tre giorni ho girato con un amico l’Emilia e il Veneto in Vespa passando attraverso Bologna, Ferrara, Mantova e Verona”.

Antonio oggi è passato alle motociclette di grossa cilindrata e sta lavorando su una Honda.

“Dall’inizio di quest’anno ho cominciato ad appassionarmi alle Cafè racer che si prestano alla personalizzazione come la Bonneville della Triumph o come l’Honda Four, da lì ho deciso di imbarcarmi in una nuova avventura con una Honda NTV 650 Revere. A giugno l’ho comprata e quest’inverno comincerò a smontarla e a trasformarla, mi è venuta l’idea di applicare lateralmente una delle vecchie taniche di benzina color verde militare che si vedono sulle jeep così da realizzare un comodo bauletto”.

L’amore per i motori è forte e Antonio non vuole certo fermarsi qui.

“Le modifiche possono riguardare i manubri, la strumentazione e la sella e nella parte meccanica i carburatori, le sospensioni e il telaio. Molti scelgono di farla sistemare da un professionista ma la mia è una vera passione. Il bello di tutto questo non è semplicemente avere una moto nuova ma cercare i pezzi giusti, provare qualcosa di nuovo, riuscire a realizzare ciò che si ha in mente e vedere ciò che si è creato. Il mio prossimo progetto riguarda una BMW K75. È un modello del 1988 che si presta benissimo alle trasformazioni”.

Sostenibilità

Al S.Orsola-Malpighi una centrale del futuro
Sostenibilità

notizia 1

di Giancarlo Strocchia

Un intervento del valore di 37,4 milioni di euro, realizzato da Manutencoop Facility Management, ha consentito di dotare una delle principali strutture sanitare della regione, e del paese, di un impianto di trigenerazione energetica.

LEGGI

Welfare aziendale

Il valore torna in primo piano
Welfare aziendale

notizia 2

di Giancarlo Strocchia

Una grande affermazione ha caratterizzato anche l’ottava edizione della manifestazione “Un futuro di valore” che ogni anno assegna borse di studio in denaro agli studenti delle scuole superiori e delle università, figli di dipendenti delle società del gruppo. Complessivamente sono stati 280 i premi attribuiti.

LEGGI

Attualità

Un Gruppo che cambia

Attualità

notizia 2

di Chiara Filippi

Dopo lunghe e impegnative operazioni finanziarie, il 100% di Manutencoop Facility Management S.p.A. è tornato nelle mani di Manutencoop Società Cooperativa. La conclusione dell’iter è coincisa, inoltre, con la nomina di un nuovo consiglio di amministrazione e la riorganizzazione del management aziendale.

LEGGI