YouGenio

Scopri YOUGENIO

VIDEO

Essere Manutencoop #TRAILER

Persone
Massimo Cirri intervista Claudio Levorato - Essere Manutencoop #TRAILER

PLAY

Festività 2016

Gruppo
Festività 2016
Gli auguri dei vertici del Gruppo Manutencoop PLAY

Bilancio Sociale 2014

Eventi
Presentazione Bilancio Sociale 2014

PLAY

SU IL SIPARIO SU REKEEP

leggi la loro storia

gente come noi i nostri veri testimonial
Sei in: webAmbiente / numero 2 - 2014 / Il bancone del bar

IL BANCONE DEL BAR

Cirri Massimo

di MASSIMO CIRRI
biografia

due sorsi di confidenze
Alta fedeltà


- Facciamo ancora una sfida?
- Solito gioco di parole?
- Esatto: una tira l’altra e tra le due deve esserci un collegamento logico. Vince chi ne ha di più e chi perde paga da bere...
- E com’è che alla fine perdo sempre io?
- Perché perdi? Non lo so. Forse perché sei meno bravo? Forse perché sei meno brillante?
- O forse, altra ipotesi, tu fai il furbo...
- Cioè?
- Tu ti prepari prima. Tu stai chiuso in casa per delle settimane a studiare questa cavolata di giochetto di parole. Ti ci applichi come un killer. Poi arrivi qui e mi fai l’attore consumato: “Dai: cosa facciamo? Andiamo a pescare dei pesci siluro da mezza tonnellata sul Po o facciamo un bel giochetto di parole? Te che dici? Secondo me, visto che son le sette e mezzo di sera e ad arrivare al fiume un po’ ci si mette... E poi toccherebbe passare a casa a prendere le canne... Allora facciamo questo bel giochetto di parole”. Come no!
- Allora scegli tu. Così la facciamo finita
- Scelgo cosa? Se andare a pescare pesci siluri o fare il giochetto? Se fossi uscito di casa con gli stivaloni all’inguine ci potevo anche pensare. Ma mi son messo i sandali, e quindi...
- Scegli la parola. Scegli te, dai!
- Ah.
- Paura, è? Vuoi preparati un po’? Ripasso tra un paio di settimane?
- No. Fatto: fedeltà. La parola è “fedeltà”?
- Comincio io. Fedeltà coniugale.
- Quella che vacilla se passi da casa e dici a tua moglie: “Cara vado una mezz’oretta a pescare pesci siluri con un amico sull’argine”?
- Giusto.
- Ok. Io dico: fedeltà alla patria.
- Io dico: uomo di provata fedeltà.
- Uomo di dubbia fedeltà.
- Ma questo è giocare di rimbalzo. Non vale.
- Vale. Si dice: “Quello è un uomo di dubbia fedeltà”. Quindi vale.
- Io dico: uomo di media fedeltà.
- Uomo di media fedeltà? Che significa?
- Niente. Ci ho provato. Cancella. Alta fedeltà.
- Uomo di alta fedeltà? Ma non significa nulla neanche questo.
- Non uomo: alta fedeltà e basta. Nel senso di Hi-Fi, lo stereo, quando ascolti la musica e senti bene.
- Come? Non sento bene, pronto?
- Facciamo le battute?
- No, figurati. Dico: giurare fedeltà.
- Giusto. Io dico: giurare eterna fedeltà.
- Vabbé, ma questa è pesca al traino. Non vale.
- Giurare eterna fedeltà si dice. Vale.
- Te la passo, sono un uomo generoso. Fedeltà storica.
- Che significa? Non ha tradito tua moglie per almeno 35 anni ed è fedeltà storica? Non vale.
- Fedeltà storica nel senso di aderenza al vero: narrare i fatti con assoluta fedeltà storica.
- Allora si, vale. Allora dico: un ritratto fedele.
- Una copia fedele.
- Una traduzione fedele.
- Nei secoli fedele.
- Eh?
- “Nei secoli fedele”, il motto dei Carabinieri.
- Ma la parola è fedeltà. Non divaghiamo.
- È il concetto che conta: fedele è colui che esprime fedeltà. E poi quest’anno i Carabinieri festeggiano il compleanno.
- Ma il compleanno si festeggia ogni anno.
- Ma i Carabinieri quest’anno ne fanno 200. Cifra tonda. Quindi vale.
- Allora io dico: Fedele Confalonieri.
- Fedele cosa?
- Confalonieri, quello di Mediaset, il collega di Berlusconi. Ti ricordi? Suonavano sulle navi da crociera, poi hanno fatto altro. Ma sempre insieme.
- Ma è un nome.
- Però gli è sempre stato fedele. Vale.
- Emilio Fede.
- Emilio Fede? Che c’entra? Non vale.
- Allora: “Fedele come un cane al suo padrone”.
Vale.
- C’entra con Emilio Fede?
- Forse. Ma vale. Tocca a te.
- Fedele Pugliatelli.
- Chi è?
- Compagno di classe alle medie. Vale.
- Non lo conosce nessuno. Non vale.
- Fedele.
- Fedele? Fedele cosa? Fedele Trugliatelli? Dillo che sei alla frutta.
- Pugliatelli, non Trugliatelli. Se gli storci il cognome è certo che poi non lo conosce nessuno.
- Frutta. Sei alla frutta.
- No: fedele. Fedele nel senso di quello che ha fede, religione. Esempio: “La campana chiama i fedeli alla messa”. Vale.
- “È l’alba. Il muezzin chiama i fedeli alla preghiera”. Vale anche questa.
- Me è uguale. Non vale.
- Va bene, non vale. Allora io dico: i fedelissimi.
- È uguale anche questa: copi. Non vale.
- Un po’ è uguale, un po’ no: i fedelissimi del Milan. Vale.
- Fedeli alla linea.
- Fedeli a che?
- I CCCP Fedeli alla linea, gruppo punk rock, anni ottanta, Reggio Emilia. Giovanni Lindo Ferretti. Dei grandi. Vale.
- Vale. Ma solo per Lindo Ferretti. E poi qui stiamo divagando: la parola è fedeltà, vietato allargarsi. Ok?
- Ok, fedeltà. Allora io dico Lisetta Cacciari.
- Lisetta Cacciari? La Lisa?
- Lei.
- La segretaria del Presidente Levorato? Quella che un po’ la ami e un po’ ti fa paura? E non capisci mai il confine tra una cosa e l’altra?
- Lei.
- Che c’entra?
- C’entra. La Lisa è arrivata in Manutencoop,
che allora non si chiamava neanche così, il 7 maggio del 1974. È venuta in bicicletta, aveva una Graziella rosa, e – lo racconta lei – si portava la merenda nel cestino e...
- Cosa mangiava di merenda una con il carattere della Lisa: una tartare di cinghiale?
- Certo. E ci beveva su un mezzo bicchiere di napalm gelato. Il punto è un altro...
- Cioè?
- Da quel 7 maggio 1974 Lisa è rimasta qua. E ha attraversato tutta la storia di Manutencoop, da quando erano in pochi ad adesso che siamo in tanti.
- Sono quarant’anni.
- Esatto. E come la chiamiamo questa?
- Fedeltà al lavoro?
- Fedeltà al lavoro e a tutto quello che c’è dentro il lavoro: dignità, voglia, partecipazione, solidarietà, futuro, cooperazione.
- Allora brindisi: alla salute di Lisa.
- Alla salute di Lisa. Ma chi ha vinto?
- Ma chi se ne frega: alla salute di Lisa.

Welfare aziendale

L’estate ha il segno del divertimento
Welfare aziendale

notizia 1

a cura della Redazione

I centri estivi promossi da Manutencoop hanno attratto anche lo scorso anno un piccolo contingente di quasi 300 bambini e ragazzi, figli dei dipendenti delle società del gruppo, che hanno così condiviso l’esperienza di trascorrere insieme momenti di svago.

LEGGI

Attualità

Un Gruppo che cambia

Attualità

notizia 2

di Chiara Filippi

Dopo lunghe e impegnative operazioni finanziarie, il 100% di Manutencoop Facility Management S.p.A. è tornato nelle mani di Manutencoop Società Cooperativa. La conclusione dell’iter è coincisa, inoltre, con la nomina di un nuovo consiglio di amministrazione e la riorganizzazione del management aziendale.

LEGGI

Welfare aziendale

Il valore torna in primo piano
Welfare aziendale

notizia 2

di Giancarlo Strocchia

Una grande affermazione ha caratterizzato anche l’ottava edizione della manifestazione “Un futuro di valore” che ogni anno assegna borse di studio in denaro agli studenti delle scuole superiori e delle università, figli di dipendenti delle società del gruppo. Complessivamente sono stati 280 i premi attribuiti.

LEGGI