YouGenio

Scopri YOUGENIO

TUTTINGIRO

Torna più avventuroso che mai anche per l’estate 2019 il progetto “Tuttingiro” ovvero i campi residenziali estivi che il Gruppo Rekeep mette a disposizione gratuitamente in tutta Italia per i figli dei dipendenti con età compresa tra gli 11 ed i 14 anni.

Termine per presentare la domanda di partecipazione: 3 maggio 2019.

Scarica il catalogo dell’edizione 2019

VIDEO

Essere Manutencoop #TRAILER

Persone
Massimo Cirri intervista Claudio Levorato - Essere Manutencoop #TRAILER

PLAY

UN OMAGGIO DOPPIO

leggi la loro storia

gente come noi i nostri veri testimonial
Sei in: webAmbiente / numero 2 - 2014 / Il bancone del bar

IL BANCONE DEL BAR

Cirri Massimo

di MASSIMO CIRRI
biografia

due sorsi di confidenze
Alta fedeltà


- Facciamo ancora una sfida?
- Solito gioco di parole?
- Esatto: una tira l’altra e tra le due deve esserci un collegamento logico. Vince chi ne ha di più e chi perde paga da bere...
- E com’è che alla fine perdo sempre io?
- Perché perdi? Non lo so. Forse perché sei meno bravo? Forse perché sei meno brillante?
- O forse, altra ipotesi, tu fai il furbo...
- Cioè?
- Tu ti prepari prima. Tu stai chiuso in casa per delle settimane a studiare questa cavolata di giochetto di parole. Ti ci applichi come un killer. Poi arrivi qui e mi fai l’attore consumato: “Dai: cosa facciamo? Andiamo a pescare dei pesci siluro da mezza tonnellata sul Po o facciamo un bel giochetto di parole? Te che dici? Secondo me, visto che son le sette e mezzo di sera e ad arrivare al fiume un po’ ci si mette... E poi toccherebbe passare a casa a prendere le canne... Allora facciamo questo bel giochetto di parole”. Come no!
- Allora scegli tu. Così la facciamo finita
- Scelgo cosa? Se andare a pescare pesci siluri o fare il giochetto? Se fossi uscito di casa con gli stivaloni all’inguine ci potevo anche pensare. Ma mi son messo i sandali, e quindi...
- Scegli la parola. Scegli te, dai!
- Ah.
- Paura, è? Vuoi preparati un po’? Ripasso tra un paio di settimane?
- No. Fatto: fedeltà. La parola è “fedeltà”?
- Comincio io. Fedeltà coniugale.
- Quella che vacilla se passi da casa e dici a tua moglie: “Cara vado una mezz’oretta a pescare pesci siluri con un amico sull’argine”?
- Giusto.
- Ok. Io dico: fedeltà alla patria.
- Io dico: uomo di provata fedeltà.
- Uomo di dubbia fedeltà.
- Ma questo è giocare di rimbalzo. Non vale.
- Vale. Si dice: “Quello è un uomo di dubbia fedeltà”. Quindi vale.
- Io dico: uomo di media fedeltà.
- Uomo di media fedeltà? Che significa?
- Niente. Ci ho provato. Cancella. Alta fedeltà.
- Uomo di alta fedeltà? Ma non significa nulla neanche questo.
- Non uomo: alta fedeltà e basta. Nel senso di Hi-Fi, lo stereo, quando ascolti la musica e senti bene.
- Come? Non sento bene, pronto?
- Facciamo le battute?
- No, figurati. Dico: giurare fedeltà.
- Giusto. Io dico: giurare eterna fedeltà.
- Vabbé, ma questa è pesca al traino. Non vale.
- Giurare eterna fedeltà si dice. Vale.
- Te la passo, sono un uomo generoso. Fedeltà storica.
- Che significa? Non ha tradito tua moglie per almeno 35 anni ed è fedeltà storica? Non vale.
- Fedeltà storica nel senso di aderenza al vero: narrare i fatti con assoluta fedeltà storica.
- Allora si, vale. Allora dico: un ritratto fedele.
- Una copia fedele.
- Una traduzione fedele.
- Nei secoli fedele.
- Eh?
- “Nei secoli fedele”, il motto dei Carabinieri.
- Ma la parola è fedeltà. Non divaghiamo.
- È il concetto che conta: fedele è colui che esprime fedeltà. E poi quest’anno i Carabinieri festeggiano il compleanno.
- Ma il compleanno si festeggia ogni anno.
- Ma i Carabinieri quest’anno ne fanno 200. Cifra tonda. Quindi vale.
- Allora io dico: Fedele Confalonieri.
- Fedele cosa?
- Confalonieri, quello di Mediaset, il collega di Berlusconi. Ti ricordi? Suonavano sulle navi da crociera, poi hanno fatto altro. Ma sempre insieme.
- Ma è un nome.
- Però gli è sempre stato fedele. Vale.
- Emilio Fede.
- Emilio Fede? Che c’entra? Non vale.
- Allora: “Fedele come un cane al suo padrone”.
Vale.
- C’entra con Emilio Fede?
- Forse. Ma vale. Tocca a te.
- Fedele Pugliatelli.
- Chi è?
- Compagno di classe alle medie. Vale.
- Non lo conosce nessuno. Non vale.
- Fedele.
- Fedele? Fedele cosa? Fedele Trugliatelli? Dillo che sei alla frutta.
- Pugliatelli, non Trugliatelli. Se gli storci il cognome è certo che poi non lo conosce nessuno.
- Frutta. Sei alla frutta.
- No: fedele. Fedele nel senso di quello che ha fede, religione. Esempio: “La campana chiama i fedeli alla messa”. Vale.
- “È l’alba. Il muezzin chiama i fedeli alla preghiera”. Vale anche questa.
- Me è uguale. Non vale.
- Va bene, non vale. Allora io dico: i fedelissimi.
- È uguale anche questa: copi. Non vale.
- Un po’ è uguale, un po’ no: i fedelissimi del Milan. Vale.
- Fedeli alla linea.
- Fedeli a che?
- I CCCP Fedeli alla linea, gruppo punk rock, anni ottanta, Reggio Emilia. Giovanni Lindo Ferretti. Dei grandi. Vale.
- Vale. Ma solo per Lindo Ferretti. E poi qui stiamo divagando: la parola è fedeltà, vietato allargarsi. Ok?
- Ok, fedeltà. Allora io dico Lisetta Cacciari.
- Lisetta Cacciari? La Lisa?
- Lei.
- La segretaria del Presidente Levorato? Quella che un po’ la ami e un po’ ti fa paura? E non capisci mai il confine tra una cosa e l’altra?
- Lei.
- Che c’entra?
- C’entra. La Lisa è arrivata in Manutencoop,
che allora non si chiamava neanche così, il 7 maggio del 1974. È venuta in bicicletta, aveva una Graziella rosa, e – lo racconta lei – si portava la merenda nel cestino e...
- Cosa mangiava di merenda una con il carattere della Lisa: una tartare di cinghiale?
- Certo. E ci beveva su un mezzo bicchiere di napalm gelato. Il punto è un altro...
- Cioè?
- Da quel 7 maggio 1974 Lisa è rimasta qua. E ha attraversato tutta la storia di Manutencoop, da quando erano in pochi ad adesso che siamo in tanti.
- Sono quarant’anni.
- Esatto. E come la chiamiamo questa?
- Fedeltà al lavoro?
- Fedeltà al lavoro e a tutto quello che c’è dentro il lavoro: dignità, voglia, partecipazione, solidarietà, futuro, cooperazione.
- Allora brindisi: alla salute di Lisa.
- Alla salute di Lisa. Ma chi ha vinto?
- Ma chi se ne frega: alla salute di Lisa.

Speciale Tour 80 anni

Orgogliosi al traguardo

Speciale Tour 80 anni

notizia 1

di Chiara Filippi

A Bologna la tappa finale del tour itinerante “Siedi, Leggi e Viaggia! La Biblioteca di Rekeep”, ha trovato spazio nel cuore della città e della zona universitaria: il Foyer del Teatro Comunale. Dal 13 al 18 novembre la Biblioteca è stata ogni giorno animata da letture dei volumi e presentazioni di libri con alcuni importanti giornalisti e scrittori italiani, attirando un pubblico numerosissimo. Non sono mancati anche due appuntamenti legati particolarmente alla città di Bologna.

LEGGI

Speciale Tour 80 anni

Ottant'anni, ma non li dimostra
Speciale Tour 80 anni

notizia 2

di Giancarlo Strocchia

Si sa, il bon ton prevede che chiedere l’età ad una signora, soprattutto se non più giovanissima, risulti sconveniente. Ma in questo caso il dato anagrafico è utile per comprendere quanta strada, quante vicissitudini ma anche quante vittorie prima la “Cooperativa per le manovalanze ferroviarie”, poi la Manutencoop società cooperativa e Manutencoop Facility Management, e oggi Rekeep, hanno raccolto e superato nel lungo corso della propria storia imprenditoriale.

LEGGI

Speciale Tour 80 anni

Una grande festa italiana
Speciale Tour 80 anni

notizia 2

di Chiara Filippi

Ieri Manutencoop, oggi Rekeep, ma senza abbandonare l’attenzione alle persone e alla loro crescita. Per festeggiare i suoi 80 anni l’azienda ha deciso di girare l’Italia presentando la propria nuova identità ma anche sottolineando l’importanza che riveste la cultura dell’integrazione attraverso l’iniziativa “Siedi, Leggi e Viaggia! La Biblioteca di Rekeep” che ha portato in alcune grandi città oltre 3.000 opere narrative donate alle biblioteche cittadine.

LEGGI