YouGenio

Scopri YOUGENIO
Facilita - Il welfare di Manutencoop
Noi No

VIDEO

Essere Manutencoop #TRAILER

Persone
Massimo Cirri intervista Claudio Levorato - Essere Manutencoop #TRAILER

PLAY

Festività 2016

Gruppo
Festività 2016
Gli auguri dei vertici del Gruppo Manutencoop PLAY

Bilancio Sociale 2014

Eventi
Presentazione Bilancio Sociale 2014

PLAY

IL TEAM DELL’ ADVANCED SERVICES CENTER

leggi la loro storia

gente come noi i nostri veri testimonial

comics

di LELE CORVI

vignetta

LEGGI

PICNIC

L'area riservata ai soci Manutencoop

PICNIC
Sei in: webAmbiente / numero 2 - 2014 / Golosità

Golosità

I Menù di Ambiente
Incontro di sapori

Golosità

Una parentesi golosa questa che apriamo sul nostro giornale. Un menù proposto da un “uno di noi” che in cucina esprime il proprio estro.Golosità

SARA ANDRIOLO

Nonostante i natali veneti, Sara Andriolo, responsabile dell’Ufficio Crediti di Sicura Spa, artefice della proposta di menù di questo numero di Ambiente, conserva un legame molto stretto con il centro Italia, soprattutto l’Umbria. “Un vincolo quasi di sangue – spiega Sara - che si collega alla storia della mia famiglia. Infatti, mia nonna materna ha gestito per 35 anni il Ristorante “Da Nina”, a Bevagna, piccolo borgo medievale in provincia di Perugia. Mi dicono essere stato, ai tempi, uno dei primi veri ristoranti della regione”.

Sara in realtà è nata ad Arzignano, in provincia di Vicenza, dove vive con il marito e la loro bambina di 3 anni. “Mi sono laureata in Giurisprudenza all’Università di Padova e sono avvocato dal 2010 – racconta - lavoro in Sicura Spa, sede principale di Vicenza, dal settembre 2012, dove coordino l’Ufficio Recupero Crediti.

SE FOSSE
UN LIBRO...

“Mangia Prega Ama” (2006)

scritto da Elizabeth Gilbert

Libro autobiografico da cui è stato tratto l’omonimo film, è il viaggio di una donna alla ricerca di se stessa attraverso il cibo, la preghiera e l’amore

Nel tempo libero mi piace leggere, andare al cinema e cucinare”. Una passione, come detto, ereditata dal ramo materno della famiglia. “Sono cresciuta con una fortissima influenza della cucina umbra e con le tante ricette inventate dalla nonna, con contaminazioni provenienti da altre regioni italiane, Lazio in primis. Dato il grande affetto che mi lega a Bevagna – specifica Sara - ho scelto di celebrare proprio lì il mio matrimonio, nel 2009, e almeno una volta l’anno trascorro le vacanze con la famiglia in Umbria, tornando a casa con la macchina sempre carica di vino, salumi, tartufo, pane e tante altre bontà enogastronomiche che fanno contenti noi e i nostri amici”.

PICCIONI
IN SALMÌ

Ingredienti per 4 persone:

  • 2 piccioni
  • 1 cipolla
  • 1 costa di sedano
  • 1 carota
  • 2 alici
  • 3 fettine limone
  • Aglio
  • Rosmarino
  • Salvia e alloro
  • Un cucchiaino di capperi
  • Fegatini di pollo
  • Olio evo
  • Un bicchiere di vino bianco più due dita di aceto

Procedimento:
Tagliare grossolanamente cipolla, carota e sedano. Mettere tutto in un tegame con l’olio, l’aglio, gli odori legati in un mazzetto, e aggiungere i piccioni, privati delle interiora. Far rosolare bene, poi sfumare con un bicchiere di vino bianco a cui è stato aggiunto un po’ di aceto. Aggiungere le interiora dei piccioni, e alcuni fegatini di pollo. Salare e pepare. Aggiungere anche i capperi, le alici e le fettine di limone, e proseguire la cottura per circa un’ora, aggiungendo un pò d’acqua se necessario. Quando i piccioni sono cotti, metterli da parte, togliere gli odori e passare il resto con un passaverdura. Servire i piccioni con la salsa ottenuta, adagiandoli su fette di pane tostato.

PASTARELLE
DI SAN NICOLÒ


  • 1 kg farina
  • 2 etti fecola di patate
  • 2 buste lievito vanigliato
  • 100 gr anice verde
  • 1 tazza scarsa zucchero
    (CIRCA 300 GR)
  • 1 tazza scarsa olio di semi
    di mais (CIRCA 300 ML)
  • 1 tazza colma di vino bianco dolce (CIRCA 400 ML)
    Se il vino non è dolce, aumentare un pò la dose dello zucchero

Procedimento:
Le pastarelle sono preparate secondo un’antica tradizione per il 6 dicembre, festa di San Nicolò, che passa la notte tra il 5 e il 6 dicembre distribuendo doni ai bambini.
Per prima cosa pulire l’anice verde, strofinandolo tra le mani e separando i piccioli dai semi veri e propri; in alternativa, comprare i semi di anice già puliti. Sistemare la farina su una spianatoia con un buco al centro. Versare per primo l’olio, poi la fecola e il lievito, e iniziare ad impastare; aggiungere lo zucchero, ed infine il vino. Quando il tutto è impastato abbastanza bene, aggiungere l’anice.
Accendere il forno a 200°C/210°C.
Preparare li biscotti con la forma preferita (ciambelline, rombi, etc) e sistemarle sulla teglia ricoperta di carta forno, ben distanziate in quanto l’impasto lievita molto. Cuocere fino a quando non iniziano a prendere colore.

PANZANELLA

Ingredienti per 4 persone:

  • 6 fette spesse di pane casereccio (o cotto a legna, senza sale, o altro pane molto compatto, meglio se raffermo)
  • 4 pomodori San Marzano
  • 4 coste di sedano
  • 1 cipolla di Cannara
    (oppure 1 cipolla rossa)
  • 1 cetriolo
  • Mezzo cespo di lattuga
  • Basilico
  • Origano
  • Olio evo
  • Aceto
  • Sale e pepe

Procedimento:
La panzanella può essere mangiata come antipasto o contorno, oppure come piatto unico aggiungendo ad esempio una mozzarella. Ce ne sono molte versioni, io la faccio così. Immergere le fette di pane in acqua e aceto per una decina di minuti.
A seconda di quanto è raffermo il pane, sarà necessario tenerlo più o meno a lungo; dovrà essere ben inzuppato, ma non sfatto. Nel frattempo, lavare e tagliare le verdure.
Strizzare il pane e sbriciolarlo nella ciotola delle verdure, e condire con sale, olio, pepe, aceto e origano. Lasciare riposare un pò, meglio se in frigorifero.

Assemblea Soci

La forza della partecipazione
Assemblea Soci

notizia 1

di Chiara Filippi

Tenere insieme diritti, sostenibilità e redditività. L’ultima Assemblea dei Soci del Gruppo Manutencoop, che si è svolta lo scorso 27 maggio a Zola Predosa (BO).

LEGGI

Sostenibilità

Il battesimo della sostenibilità firmata MFM
Sostenibilità

notizia 2

di Sara Ghedini

Manutencoop Facility Management ha pubblicato il proprio Bilancio di Sostenibilità. Un’opera prima che, però, eredita il lascito preziosissimo di esperienza ultraventennale della Cooperativa.

LEGGI

Innovazione

Assistenza ad alta integrazione, 24h su 24
Innovazione

notizia 2

di Chiara Filippi

È quella che garantisce il nuovo “Advanced Services Center” di Mestre che offre, da remoto e senza interruzione, assistenza e supporto a clienti e società del Gruppo.

LEGGI