YouGenio

Scopri YOUGENIO

TUTTINGIRO

Torna più avventuroso che mai anche per l’estate 2019 il progetto “Tuttingiro” ovvero i campi residenziali estivi che il Gruppo Rekeep mette a disposizione gratuitamente in tutta Italia per i figli dei dipendenti con età compresa tra gli 11 ed i 14 anni.

Termine per presentare la domanda di partecipazione: 3 maggio 2019.

Scarica il catalogo dell’edizione 2019

VIDEO

Essere Manutencoop #TRAILER

Persone
Massimo Cirri intervista Claudio Levorato - Essere Manutencoop #TRAILER

PLAY

UN OMAGGIO DOPPIO

leggi la loro storia

gente come noi i nostri veri testimonial
Sei in: webAmbiente / numero 1 - 2014 / Il bancone del bar

IL BANCONE DEL BAR

Cirri Massimo

di MASSIMO CIRRI
biografia

due sorsi di confidenze
Ragazzi


> Facciamo un gioco? Chi perde paga da bere.
> Facciamolo. Che gioco?
> Io ti dico una cosa sui ragazzi e tu me ne dici un’altra. Perde chi resta senza niente da dire.
> Ma una cosa cosa? E su quali ragazzi, i tuoi? I miei?
> Tutti.
> Tutti?
> Tutti. Tu dimmi una parola, un aggettivo, un modo di dire, qualcosa del linguaggio che vada insieme con la parola ragazzi. Comincia tu.
> No comincia tu, fammi un esempio.
> I nostri ragazzi.
> Giusto.
> Giusto cosa?
> Boh, che ne so? L’hai detto tu?
> Ma tu lo sai chi sono “I nostri ragazzi”?
> I nostri figli che non sono più bambini ma non sono ancora uomini.
> Giusto. Adesso tocca a me. Te ne dico una io: i nostri ragazzi.
> È uguale, l’ho appena detta io.
> Non è uguale. Suona uguale ma è diversa: i nostri ragazzi, ma in senso generale. Come generazione. Ti faccio un esempio, un titolo del giornale di ieri: “Ascoltiamo le richieste d’aiuto dei nostri ragazzi”.
> Non l’ho letto. Ma ho capito. Te ne dico un’altro io.
> Spara.
> I nostri ragazzi.
> ?
> Stupito, eh? Titolone della Gazzetta dello Sport, quattro colonne: “Domami i nostri ragazzi contro la Germania per le qualificazioni”. I nostri ragazzi nel senso della Nazionale.
> Giusto, bravo. Ora tocca a me: i nostri ragazzi nel senso dei militari delle missioni internazionali.
> È vero, li chiamano così, sempre i giornali.
> E i politici. Casomai hanno 40 anni, ma li chiamiamo ancora “ragazzi”. Soprattutto quando ne muore qualcuno.
> A loro farà piacere essere chiamati così?
> Non lo so. Un po’ è affettuoso, un po’ è retorica. Ma ci sto prendendo gusto, tocca a te.
> Quelli del Grande Fratello o di altre trasmissioni di quel tipo là, dove c’è un gruppo di persone un po’ improbabili rinchiusi in un recinto di telecamere.
> Nostri ragazzi?
> No, ragazzi e basta. La conduttrice li chiama sempre così. A volte allunga: “ragaaaaazzi”. Tocca a te.
> Ragazzi di vita. Una cosa triste
> Ragazzo di strada, idem.
> Ragazzo da marciapiede. Uguale.
> Ragazzo padre.
> Ma non era ragazza madre?
> Tutte e due.
> Il ragazzo del fornaio. Nel senso dell’aiutante, il garzone, l’apprendista.
> Giusto. I ragazzi del ‘99. Hai presente?
> Si. No. Chi erano di preciso?
> Quelli della prima guerra mondiale. Nel 1917 compivano diciotto anni e così li potevano mandare in trincea, a morire.
> Sempre storia: i ragazzi di via Panisperna. Quel gruppo di fisici, giovanissimi, che negli anni ‘30, iniziarono le ricerche sui neutroni... o i neutrini. Insomma l’atomo... Quelle ricerche che poi si arrivò all’atomica. Fermi.
> Nel senso che non si muovevano?
> No. Enrico Fermi. C’era anche lui. Era il capo.
> Ragazzo come fidanzato, moroso. “Il ragazzo di mia figlia”, “Ma tue ce l’hai il ragazzo?”
> Giusto. “Comportarsi da ragazzo”: un’adulto che non è capace di fare l’adulto. Beccati questo.
> “Ragazzata”. Fare una ragazzata. Una cosa mica tanto bella ma fatta senza malizia, una leggerezza.
> “Ragazzate”: non dire ragazzate, non dire scemate.
> Ma è uguale. Adesso fai i plurali? Non vale
> Vale. Tocca a te.
> Ragazza copertina
> Che vuol dire?
> Di preciso non lo so: tipo fotomodella. Ma vale.
> Va bene. Ragazza di vita
> Già detto. Al maschile. Sei fuori.
> Ragazza squillo. Non detto. Tocca a te.
> Ragazzi Italiani.
> Troppo vago. Non vale.
> Vale. Erano un gruppo musicale. Di dieci, quindici anni fa. Gruppo non memorabile, nella storia della musica i Rolling Stones sono stati leggermente più significativi, importanti. Ma i Ragazzi Italiani c’erano. Fidati, vale.
> Ragazzo triste.
> Che cos’è?
> Il primo 45 giri di Patty Pravo. Anni ‘60, siamo al Piper. “Ragazzo triste come me ah ah, che sogni sempre come me ah ah”. Continuo?
> Fermati. Va bene così.
> Basta citazioni musicali. D’accordo?
> Peccato. Avrei in canna Ragazzo Inadeguato, Max Pezzalli, gli 883. Ricordi? Cito a memoria: “Non sono mai cambiato, sono un ragazzo inadeguato, anche se son cresciuto, sono rimasto un po’ sfasato”.
> Mi arrendo. Basta musica. Adesso letteratura: I ragazzi della via Paal.
> I ragazzi dello Zoo di Berlino
> I ragazzi della Terza C. Era una serie tivù. Non chiedermi quando.
> Brave ragazze, un programma radio. Tocca a te.
> Aspetta.
> Ti arrendi?
> Un attimo. Sto pensando.
> Conto fino a tre e poi ho vinto. Uno, due...
> Vale Bersani.
> Bersani?
> Bersani: “Oh, ragazzi, siam mica qui a cotonare i Pooh!”
> Non vale.
> “Oh ragazzi, siam mica qui a fare il parmigiano con il latte di soia”. Questo vale.
> Non vale.
> “Oh ragazzi, siam mica qui a cambiare gli infissi al Colosseo”? Non so se l’hai caputa: gli infissi, le finestre, il Colosseo?
> L’ho capita. Ma non vale. Hai perso.
> Ho perso. Però fa ridere. Poi ha perso anche lui, Bersani. Vabbé, pago da bere. Ma che gioco è? E perché l’abbiamo fatto?
> È un gioco per capire quante cose ci sono dentro a questa parola: ragazzi. Quanti rischi, quante possibilità. Tu ci pensi a quanto è difficile essere ragazzi oggi?
> Ci penso. E penso anche a che futuro avranno i nostri ragazzi. E sono molto preoccupato. Essere ragazzi è un lavoro complicato.
> Giusto. Visto che bel gioco?
> Un gioco da ragazzi.
> Un gioco da ragazzi, è vero.
> Quindi?
> Quindi cosa?
> Quindi ho vinto io. O te ne viene in mente un’altro o paghi te da bere.
> Pago. Alla salute dei ragazzi.
> E a noi. A quando eravamo ragazzi.

Speciale Tour 80 anni

Una grande festa italiana
Speciale Tour 80 anni

notizia 1

di Chiara Filippi

Ieri Manutencoop, oggi Rekeep, ma senza abbandonare l’attenzione alle persone e alla loro crescita. Per festeggiare i suoi 80 anni l’azienda ha deciso di girare l’Italia presentando la propria nuova identità ma anche sottolineando l’importanza che riveste la cultura dell’integrazione attraverso l’iniziativa “Siedi, Leggi e Viaggia! La Biblioteca di Rekeep” che ha portato in alcune grandi città oltre 3.000 opere narrative donate alle biblioteche cittadine.

LEGGI

Speciale Tour 80 anni

Ottant'anni, ma non li dimostra
Speciale Tour 80 anni

notizia 2

di Giancarlo Strocchia

Si sa, il bon ton prevede che chiedere l’età ad una signora, soprattutto se non più giovanissima, risulti sconveniente. Ma in questo caso il dato anagrafico è utile per comprendere quanta strada, quante vicissitudini ma anche quante vittorie prima la “Cooperativa per le manovalanze ferroviarie”, poi la Manutencoop società cooperativa e Manutencoop Facility Management, e oggi Rekeep, hanno raccolto e superato nel lungo corso della propria storia imprenditoriale.

LEGGI

Speciale Tour 80 anni

Orgogliosi al traguardo

Speciale Tour 80 anni

notizia 2

di Chiara Filippi

A Bologna la tappa finale del tour itinerante “Siedi, Leggi e Viaggia! La Biblioteca di Rekeep”, ha trovato spazio nel cuore della città e della zona universitaria: il Foyer del Teatro Comunale. Dal 13 al 18 novembre la Biblioteca è stata ogni giorno animata da letture dei volumi e presentazioni di libri con alcuni importanti giornalisti e scrittori italiani, attirando un pubblico numerosissimo. Non sono mancati anche due appuntamenti legati particolarmente alla città di Bologna.

LEGGI