YouGenio

Scopri YOUGENIO

TUTTINGIRO

Torna più avventuroso che mai anche per l’estate 2019 il progetto “Tuttingiro” ovvero i campi residenziali estivi che il Gruppo Rekeep mette a disposizione gratuitamente in tutta Italia per i figli dei dipendenti con età compresa tra gli 11 ed i 14 anni.

Termine per presentare la domanda di partecipazione: 3 maggio 2019.

Scarica il catalogo dell’edizione 2019

VIDEO

Essere Manutencoop #TRAILER

Persone
Massimo Cirri intervista Claudio Levorato - Essere Manutencoop #TRAILER

PLAY

UN OMAGGIO DOPPIO

leggi la loro storia

gente come noi i nostri veri testimonial
Sei in: webAmbiente / numero 3 - 2013 / Il mare nel cuore

Innovazione

di Andrea M. Campo

Il mare nel cuore


Le vele nel destino. Non poteva essere altrimenti tra le origini sarde e la residenza lagunare. E Fabrizio Cadeddu, addetto alla sala operativa della filiale di Venezia di Manutencoop, è oggi ufficiale di regata ma soprattutto un grande appassionato di imprese marinare, come la transadriatica che lo ha visto attraccare in notturna a Portorose, in Croazia. Ma il mare può essere anche bizzoso, come la volta che fuori Durazzo lo ha tenuto “prigioniero” per ore.

Con un cognome che tradisce le indubbie origini sarde e un’infanzia trascorsa tra le rive veneziane, Fabrizio Cadeddu, addetto alla sala operativa della filiale di Venezia di Manutencoop, non poteva che essere un appassionato velista e cultore dei piaceri del mare. Ultima impresa di Fabrizio è stata la Transadriatica, una traversata notturna andata e ritorno che parte da Venezia e giunge fino a Portorose, località sita nel comune sloveno di Pirano.

SE FOSSE
UN LIBRO...

“Il giro del mondo in ottanta giorni” (1873)

scritto da Jules Verne

Una scommessa che condurrà il ricco Phileas Fogg in una lunga avventura intorno al mondo.


Iniziamo proprio da quest’ultima avventura.
Raccontaci com’è andata

La Transadriatica è una regata per barche d’altura che dura circa tre giorni. Si parte giovedì e si va verso nord e dopo aver doppiato la boa posta al largo di Grado, si vira verso le coste della Slovenia per Portorose: dopo la pausa, il sabato sera si riparte e si ripercorre il tragitto in senso inverso. La competizione è organizzata secondo alcuni parametri che suddividono le barche in diverse classi e noi siamo arrivati al terzo posto nella nostra categoria. Siamo molto soddisfatti.

Quando ti sei avvicinato per la prima volta al mondo della vela e quali sono le tue prime esperienze in questo sport?

In verità ho cominciato molto tardi quando avevo circa sedici anni. “Bazzicavo” il mare con mio padre ma a un certo punto ho smesso. Ho ricominciato solo cinque anni fa dopo aver visto, casualmente, un volantino e adesso frequento un circolo nautico di cui sono socio. Ogni sabato esco con la barca tranne che nel periodo tra dicembre e gennaio. Nel mondo della vela ci sono le derive e le barche d’altura: io preferisco le competizioni con la deriva, anche se trovo particolarmente stimolante sia la Transadriatica sia le lunghe regate con le barche d’altura perché penso restituiscano il senso del “navigare”.

In cinque anni di regate sul mare ti saranno capitate diverse avventure, qual è stata l’esperienza che più ti ha colpito o l’episodio che più ti ha impressionato?

In uno degli ultimi viaggi con una barca d’altura, alcuni soci del circolo ed io abbiamo affrontato una prova particolarmente difficile. Siamo partiti per la Grecia per andare a prendere l’armatore con l’idea di riportarlo a Venezia nel più breve tempo possibile. Non è stata una gita ma un vero e proprio trasferimento a tappe forzate. Navigavamo circa dieci dodici ore al giorno ma ci siamo imbattuti in una burrasca fuori Durazzo: siamo rimasti in balia del mare per oltre un’ora a sette miglia della costa con un vento che soffiava a 50 nodi e onde che andavamo da quattro a sei metri d’altezza. Lo stesso armatore, che naviga da anni, quando ne abbiamo riparlato ha ammesso che pochissime volte aveva visto un mare così.

Qual è stato il tuo successo più importante o la gara di cui sei più orgoglioso?

Una settimana dopo la Barcolana, una regata storica che si svolge a Barcola, nel golfo di Trieste la seconda domenica di ottobre, alcune delle barche che hanno partecipato alla gara si riuniscono a Venezia. Io ho gareggiato al timone di un J24, una piccola imbarcazione a chiglia fissa di un amico. In quel caso ci siamo classificati 54° nella classifica assoluta su un totale di oltre centoquaranta barche.
È un ottimo risultato considerato che partecipano anche barche di trenta metri e poi lo faccio più per passione che per competere.

In attesa della prossima Transadriatica quali nuove sfide o quali nuove esperienze ti attendono?

Nel mio circolo abbiamo creato un gruppo di amici molto affiatato e ad alcuni di noi piacerebbe fare la 200 miglia, una sfida di barche d’altura che si svolge nell’alto adriatico tra le coste del veneto e la Croazia.

“Trovo stimolante anche le lunghe regate con le barche d’altura perché penso restituiscano un autentico senso del navigare.”

Siamo ancora alla ricerca di un armatore e della barca ma vivendo in un circolo velico capitano sempre diverse opportunità.
L’idea è quella di partecipare ad almeno due regate all’anno. Inoltre vorrei comprare un Laser (natante con un’unica vela e una deriva mobile controllata da cime ndr) per poter gareggiare senza eccessive velleità; in questo momento partecipo con una barca di un amico.
Ci stiamo, inoltre, cercando di organizzare per partecipare alle regate per Master over 35. Personalmente sono un ufficiale di regata zonale della Federazione Italiana Vela (i livelli sono 3: aspirante, zonale, nazionale, internazionale ndr).

Infine, quando sei entrato nel gruppo Manutencoop, qual è il tuo percorso all’interno dell’azienda?

Sono entrato in Manutencoop nel 2001, nella divisione Igiene come tecnico vendite, un tecnico commerciale. Alla guida del settore in quel momento c’era Massimo Guidoboni. Fino a due anni fa ero commerciale di portafoglio del Servizio Igiene ma attualmente sono un addetto della sala operativa della filiale di Venezia di Manutencoop.

Speciale Tour 80 anni

Orgogliosi al traguardo

Speciale Tour 80 anni

notizia 1

di Chiara Filippi

A Bologna la tappa finale del tour itinerante “Siedi, Leggi e Viaggia! La Biblioteca di Rekeep”, ha trovato spazio nel cuore della città e della zona universitaria: il Foyer del Teatro Comunale. Dal 13 al 18 novembre la Biblioteca è stata ogni giorno animata da letture dei volumi e presentazioni di libri con alcuni importanti giornalisti e scrittori italiani, attirando un pubblico numerosissimo. Non sono mancati anche due appuntamenti legati particolarmente alla città di Bologna.

LEGGI

Speciale Tour 80 anni

Ottant'anni, ma non li dimostra
Speciale Tour 80 anni

notizia 2

di Giancarlo Strocchia

Si sa, il bon ton prevede che chiedere l’età ad una signora, soprattutto se non più giovanissima, risulti sconveniente. Ma in questo caso il dato anagrafico è utile per comprendere quanta strada, quante vicissitudini ma anche quante vittorie prima la “Cooperativa per le manovalanze ferroviarie”, poi la Manutencoop società cooperativa e Manutencoop Facility Management, e oggi Rekeep, hanno raccolto e superato nel lungo corso della propria storia imprenditoriale.

LEGGI

Speciale Tour 80 anni

Una grande festa italiana
Speciale Tour 80 anni

notizia 2

di Chiara Filippi

Ieri Manutencoop, oggi Rekeep, ma senza abbandonare l’attenzione alle persone e alla loro crescita. Per festeggiare i suoi 80 anni l’azienda ha deciso di girare l’Italia presentando la propria nuova identità ma anche sottolineando l’importanza che riveste la cultura dell’integrazione attraverso l’iniziativa “Siedi, Leggi e Viaggia! La Biblioteca di Rekeep” che ha portato in alcune grandi città oltre 3.000 opere narrative donate alle biblioteche cittadine.

LEGGI