YouGenio

Scopri YOUGENIO

TUTTINGIRO

Torna più avventuroso che mai anche per l’estate 2019 il progetto “Tuttingiro” ovvero i campi residenziali estivi che il Gruppo Rekeep mette a disposizione gratuitamente in tutta Italia per i figli dei dipendenti con età compresa tra gli 11 ed i 14 anni.

Termine per presentare la domanda di partecipazione: 3 maggio 2019.

Scarica il catalogo dell’edizione 2019

VIDEO

Essere Manutencoop #TRAILER

Persone
Massimo Cirri intervista Claudio Levorato - Essere Manutencoop #TRAILER

PLAY

UN OMAGGIO DOPPIO

leggi la loro storia

gente come noi i nostri veri testimonial
Sei in: webAmbiente / numero 1 - 2012 / Golosità

Golosità

I Menù di Ambiente
Genova nel piatto

Nicolini

Una parentesi golosa questa che apriamo sul nostro giornale. Un menù proposto da un “uno di noi” che in cucina esprime il proprio estro. Golosità

LAURA CARTELLI

È in Manutencoop dal 2009 a seguito dell'acquisizione da parte di Manutencoop Facility Management della società Pirelli Re Facility Management Spa. Sposata dal 1993, Laura ha una figlia di 15 anni e nutre una vera passione per i viaggi, la lettura e la pratica degli sport all'aria aperta. Anche lei in cucina è figlia d'arte, avendo affiancato la madre fin da ragazzina e “apprendendone” segreti e competenza.

ANTONELLA GULLI

È una padrona di casa apprezzata. “I miei ospiti non si lamentano mai, anzi”. Ospiti che spesso attendono il suo ritorno dai viaggi in giro per il globo. “Con mio marito Mauro e mia figlia Sara non perdiamo occasione di prendere in mano la valigia”. In Manutencoop dal 2009 dopo l'acquisizione, è Segretaria d'Area per la gestione dei condomini del Centro Direzionale Torri San Benigno a Genova. “Mi è sempre piaciuto cucinare” – ci spiega Antonella. “Le mie cene sono sempre ricche di pesce, torte di verdure e pasta fatta in casa”. Allora, buon appetito.

PESTO ALLA GENOVESE

Ingredienti per 4 persone:

  • 4 mazzi di basilico
  • 40 – 60 g di parmigiano
  • 20 – 40 g di pecorino sardo
  • 30 gr di pinoli
  • 1 spicchio d'aglio (togliere l'anima all'interno)
  • Sale grosso
  • Olio extravergine d'oliva (q.b.)

Procedimento:
La ricetta in origine prevede la preparazione del pesto al mortaio. Lavare e asciugare le foglie di basilico ma senza schiacciarle. Pestare aglio e sale grosso nel mortaio, aggiungere poi i pinoli, il basilico e qualche granello di sale grosso e pestare con un dolce movimento rotatorio del pestello sulle parete, fino ad ottenere una crema e quando il basilico stilla un liquido verde brillante aggiungere i formaggi e poi versare a filo l'olio. Terminare la lavorazione nel minore tempo possibile per evitare l'ossidazione del basilico. Con il pesto si possono condire le troffie, le trofiette, le trenette, i mandilli de saea (traduzione dal genovese “fazzoletti di seta”, ovvero piccole lavagnette tirate a sfoglia molto sottile) il minestrone alla genovese. Per chi volesse utilizzare il veloce e pratico frullatore, deve avere l'accortezza di effettuare la preparazione nel minore tempo possibile e senza far surriscaldare il contenuto che rovinerebbe cosi la preparazione del pesto. In tal caso riempire il bicchiere del frullatore con il basilico, l'aglio, il sale grosso, i pinoli, parte dell'olio, frullarlo ad intermittenza e quando si è sminuzzato molto bene per ultimo aggiungere i formaggi ed il restante olio. Il pesto è un condimento crudo non va assolutamente riscaldato se non stemperato con l'acqua di cottura della pasta prima di condirla. La conservazione può essere effettuata in contenitori di vetro trasparente o plastica alimentare trasparente, ricoprendo il pesto con uno strato d'olio. *

* Ciò che rende unica e non facilmente riproducibile al di fuori del territorio ligure questo condimento è sicuramente il basilico. Tuttavia, non disponendo del basilico Dop genovese si può utilizzare del basilico comune avendo cura di scegliere le foglie più piccole e tenere.

CANESTRELLI ALLA GENOVESE

Ingredienti per 4 persone:

  • 300 gr farina
  • 200 gr burro
  • 1100 gr zucchero
  • 2 tuorli
  • Zucchero vanigliato

Procedimento:
Preparate una normale pasta frolla con le dosi indicate. Compattatela, avvolgetela in carta cellophan e mettetela in frigo per almeno 30- 45 minuti. Dopo aver steso la pasta di circa 1 cm di spessore, tagliate i canestrelli con l'apposito stampino. Se non avete lo stampino provate a tagliarli nella tipica forma di fiore con il buco in mezzo. Cuoceteli in forno per una ventina di minuti a 180°, regolatevi sempre col vostro forno, avendo cura che non diventino troppo scuri, altrimenti seccano. Prima di infornare, mentre il forno si scalda, mettere in frigo la teglia con i biscotti già formati per evitare che il burro si rammorbidisca. Dopo la cottura, lasciate raffreddare e spolverare con zucchero vanigliato.

FOCACCIA DI RECCO

Ingredienti per 4 persone:

  • 1 kg di farina “00”
    (rinforzata o manitoba)
  • 1 dl di olio d'oliva
  • Sale (q.b.)
  • 5 dl d'acqua
  • 2 kg di Crescenza freschissima
    (tipo stracchino)

Procedimento:
Formate un impasto con la farina, versando un po' di olio, il sale e infine l'acqua, lavorate il tutto a mano (potrete farlo anche con l'impastatrice) sino a quando l'impasto risulterà morbido e liscio. Fatelo riposare per circa 60 minuti a temperatura di 18/20° e coprire. Trascorsa l'ora dividete l'impasto e prendetene una parte di circa 1/2 kg, tiratelo leggermente con il mattarello rendendolo sottile. Mettete le mani chiuse a pugno sotto la sfoglia e, ruotandola, allargatela per renderla ancora più sottile. Appoggiate la sfoglia sulla teglia di rame precedentemente oliata. Quindi farcitela di crescenza in piccoli pezzi. Fare una seconda sfoglia molto sottile, quasi trasparente, con lo stesso procedimento della prima e ricoprire la sfoglia di base già cosparsa di formaggio. Chiudete le estremità in modo che i bordi sovrapposti risultino ben saldati ed eliminate la quantità di pasta che fuoriesce della teglia. Con le dita pizzicate più punti della pasta formandovi dei fori della grandezza di circa 1 cm. Cospargerla di sale e irrorarla d'olio. Cuocete in forno a 270°/320° per circa 7/4 minuti. Regolate il forno in modo tale che la parte bassa sia più calda di quella alta. La cottura sarà ultimata quando la focaccia avrà un colore dorato sopra e sotto.

SE FOSSE
UN FILM...

“Un tocco di zenzero” (2003)

di Tassos Boulmetise
e con George Corraface

La cucina e l’amore nei ricordi d’infanzia di un professore di astronomia greco.

Speciale Tour 80 anni

Orgogliosi al traguardo

Speciale Tour 80 anni

notizia 1

di Chiara Filippi

A Bologna la tappa finale del tour itinerante “Siedi, Leggi e Viaggia! La Biblioteca di Rekeep”, ha trovato spazio nel cuore della città e della zona universitaria: il Foyer del Teatro Comunale. Dal 13 al 18 novembre la Biblioteca è stata ogni giorno animata da letture dei volumi e presentazioni di libri con alcuni importanti giornalisti e scrittori italiani, attirando un pubblico numerosissimo. Non sono mancati anche due appuntamenti legati particolarmente alla città di Bologna.

LEGGI

Speciale Tour 80 anni

Ottant'anni, ma non li dimostra
Speciale Tour 80 anni

notizia 2

di Giancarlo Strocchia

Si sa, il bon ton prevede che chiedere l’età ad una signora, soprattutto se non più giovanissima, risulti sconveniente. Ma in questo caso il dato anagrafico è utile per comprendere quanta strada, quante vicissitudini ma anche quante vittorie prima la “Cooperativa per le manovalanze ferroviarie”, poi la Manutencoop società cooperativa e Manutencoop Facility Management, e oggi Rekeep, hanno raccolto e superato nel lungo corso della propria storia imprenditoriale.

LEGGI

Speciale Tour 80 anni

Una grande festa italiana
Speciale Tour 80 anni

notizia 2

di Chiara Filippi

Ieri Manutencoop, oggi Rekeep, ma senza abbandonare l’attenzione alle persone e alla loro crescita. Per festeggiare i suoi 80 anni l’azienda ha deciso di girare l’Italia presentando la propria nuova identità ma anche sottolineando l’importanza che riveste la cultura dell’integrazione attraverso l’iniziativa “Siedi, Leggi e Viaggia! La Biblioteca di Rekeep” che ha portato in alcune grandi città oltre 3.000 opere narrative donate alle biblioteche cittadine.

LEGGI