VIDEO

Essere Manutencoop #TRAILER

Persone
Massimo Cirri intervista Claudio Levorato - Essere Manutencoop #TRAILER

PLAY

PRONTI A RIPARTIRE

leggi la loro storia

Gente come noi i nostri veri testimonial
Sei in: webAmbiente / numero 4 - 2011 / Manutencoop City

La comunicazione

traduzione: eng | عربي

www.manutencoopfm.it/panorama

Manutencoop City

Manutencoop city

Panorama è la Virtual City attraverso cui viaggiare per scoprire dove e come Manutencoop Facility Management opera a vantaggio della funzionalità e della gestione di edifici pubblici e privati, aree verdi e siti industriali. Un volo radente, a tre dimensioni, che si può vivere online e che evidenzia il valore del contributo quotidiano di tutti coloro che operano nel gruppo.

É quella in cui forse ognuno di noi desidererebbe vivere. Una città libera da traffico, rumore, inquinamento, insidie, organizzata e razionale, in una espressione “a misura d’uomo”. Peccato che esista solo sulla rete. Il progetto Virtual City si affida al web per ricreare un ambiente urbano dove collocare e far vivere i servizi che normalmente Manutencoop eroga. Una “circumnavigazione” intorno al Facility Management che garantisce la funzionalità e la gestione manageriale di molti grandi complessi immobiliari come ospedali, università, centri direzionali, ma anche catene di esercizi commerciali e di servizio come le banche o produttivi come le industrie. Un modo per visualizzare con immediatezza la vasta gamma di supporti che il Gruppo può fornire per far funzionare al meglio ogni struttura, valorizzandone le caratteristiche e salvaguardandone l’integrità secondo una modalità complessiva. Una visione d’insieme che pone Manutencoop quale perfetto interlocutore per clienti privati, per organizzazioni a rete e amministrazioni locali. Un progetto unico nel suo genere, che si inserisce nel solco dell’innovazione tecnica e della sostenibilità che contraddistingue ogni attività del Gruppo. Ne parliamo con Giulia Sabbadini, tra i responsabili del progetto per la società Nowhere che, tecnicamente, ha realizzato la piattaforma.



Virtual city, una città “immaginaria” creata per il web che riproduce i luoghi e gli ambienti dove vengono erogati i servizi di Manutencoop. Come è nata l’idea di rendere “visivamente” l’attività dell’azienda?

Serviva un qualcosa che traducesse il concetto di Facility Management e la quantità e varietà di servizi che lo caratterizzano, una visione d’insieme che permettesse di riconoscere i servizi nell’ambito operativo, che poi è l’ambito di vita quotidiana di gran parte delle persone: la città nel suo complesso. Uno scenario urbano volutamente neutro, in stile metropolitano, dove è la “mano” di Manutencoop ad introdurre l’elemento umano, il dettaglio che gestisce e cura i vari ambiti corrispondenti ai mercati di riferimento dell’azienda.

Un progetto che ha richiesto tempi e tecnologie di rilievo?

La città virtuale (Panorama) è stata realizzata con tecnologie adeguate agli standard web, come del resto tutti i siti del gruppo. I tempi sono stati lunghi, in parte per le realizzazioni grafiche (tutte originali) e le animazioni, in parte per i tempi necessari a organizzare e definire nel dettaglio i singoli servizi, mercato per mercato. Il risultato offre, con immediatezza, l’immagine di quanti settori d’intervento possono essere impegnati da Manutencoop, praticamente l’intero arco di attività che copre le principali funzioni presenti in ogni centro urbano.

Come si potrà navigare all’interno di questo contesto urbano virtuale?

Dal sito web MFM (o da allestimenti in fiera) si entra nei mercati (ambiti urbani tipo) e quindi si esplorano i servizi (bottoni in basso) e le lavorazioni specifiche per ciascun mercato (pin sul disegno). L’online si indirizza sempre di più verso l’immediatezza delle immagini a scapito delle descrizioni testuali.

É questa la vera essenza della rete?

Certamente le componenti visive e grafiche sono connotazioni evidenti della comunicazione on line, una componente necessaria ma non sufficiente. Per leggere correttamente e riconoscere il significato di un’immagine occorre anche guardare il contesto in cui è utilizzata e in questo senso le descrizioni testuali, la parola scritta costruisce la cornice che inquadra e facilità la comprensione.

Crescono in Rete i “fan” di Rekeep
Social

notizia 1

a cura della Redazione

Sembrava una sfida complessa ma si è trasformata in una bella scommessa vinta. Parliamo dell’apertura e dello sviluppo dei canali social di Rekeep e della diffusione di storie e post che raccontano le attività aziendali e l’impegno di ogni singolo operatore, anche e soprattutto in questo periodo di emergenza sanitaria.

LEGGI

Sostenibilità

Un Bilancio “straordinario”
Sostenibilità

notizia 2

di Giancarlo Strocchia e Sara Ghedini

L’insorgenza della pandemia ha inciso inevitabilmente su tutti i processi aziendali, anche quelli che investono la sostenibilità. Il nuovo Bilancio di sostenibilità 2020 del Gruppo Rekeep ne rende conto ma, allo stesso tempo, descrive i grandi passi avanti compiuti in base agli obiettivi.

LEGGI

Gente come Noi

La nostra forza

Gente come Noi

notizia 2

di Chiara Filippi

In tre interviste gli ingredienti del successo di Rekeep: passione e responsabilità, voglia di riscatto ed orgoglio, competenza e senso di appartenenza.

LEGGI