VIDEO

Essere Manutencoop #TRAILER

Persone
Massimo Cirri intervista Claudio Levorato - Essere Manutencoop #TRAILER

PLAY

PRONTI A RIPARTIRE

leggi la loro storia

Gente come noi i nostri veri testimonial
Sei in: webAmbiente / numero 3 - 2011 / Il bancone del bar

IL BANCONE DEL BAR

Nicolini

di MASSIMO CIRRI
biografia

due sorsi di confidenze
Economia verde? Economia al verde?


- Dammi un consiglio
- Figurati, son qui. Su che cosa ti serve? Donne? Motori?
- Sarebbero le tue specialità?
- Esatto. Anche tariffe telefoniche. Ma le tariffe telefoniche sono un po’ più complicate. Cambiano un po’ troppo alla svelta.
- Sai che avrei detto il contrario?
- Cioè?
- Sulle migliori tariffe da fisso e mobile mi sei sempre sembrato uno che la sa lunga davvero. Sulle donne, meno. Molto meno.
- Stai scherzando?
- Vuoi che ti ricordi di quella volta con la collega del secondo piano? Come si chiamava? Sabrina?
- Lorena
- Giusto, Lorena. Quella che ti piaceva moltissimo e poi, quando le hai chiesto...
- Lascia perdere...
- Ma no, dai, poi si è scoperto che...
- Non si è scoperto nulla. Quella è la macchina del fango, la diffamazione, che avete messo in moto tu e i colleghi... Ma lascia perdere, è storia vecchia. Non volevi un consiglio?
- Esatto
- Su che cosa?
- Greeen economy
- Green economy?
- Esatto. Economia verde? Ne sai qualcosa?
- Stai scherzando? So tutto. Green economy, economia verde: nuova tendenza delle sviluppo che concilia investimenti e tutela dell’ambiente.
- Quindi?
- Quindi cosa?
- Ci credi?
- Non è che c’è da crederci o non crederci. Non è mica una religione. O una squadra di calcio. La Green economy è l’unica possibilità per dare un futuro all’economia – ma chi se ne frega dell’economia - e al pianeta. E di questo dovrebbe fregarcene un po’ di più.
- Non è che la metti giù un po’ troppo dura?
- No. È che i rapporti tra l’economia e il mondo, come li abbiamo sempre pensati, non possono più andare avanti così
- Cioè?
- Ti spiego con un esempio adatto al tuo livello
- Sfotti
- No, quando mai. Allora: hai presente il cow-boy?
- Certo
- Bravo: il cow-boy che fa? Vive nella prateria. Cavalca, spinge la mandria, uccide cento bisonti al giorno, ma non gli servono per mangiare. Perché se mangiasse cento bisonti al giorno gli verrebbero i trigliceridi a mille e morirebbe di congestione. Il cow-boy uccide il bisonte, prende la pelliccia e lascia lì tutto il resto. È avidità. Poi si stupisce che di bisonti ne trova sempre meno. Ma lui non ci pensa. Risale a cavallo e va ancora avanti nella prateria. Perché vive nell’illusione che il suo mondo, la prateria, sia infinita. Che ci sia sempre un pezzo di mondo da conquistare. E poi...
- E poi?
- E poi nulla.
- Come sarebbe “nulla”? Che esempio è?
- L’esempio arriva adesso. Qual è l’esatto opposto del cow-boy?
- L’indiano?
- No, non l’indiano...

Fare di Conto

- Come no? L’indiano è il nemico del cow-boy. L’indiano è diverso. Vive in pace con la natura. Uccide un bisonte al giorno – neanche – uno alla settimana. E solo quando è stagione. Perché gli basta. E l’indiano il bisonte lo usa tutto. Con la pelle ci fa la capanna, con le ossa gli utensili, con...
- Perché del bisonte non si butta via nulla?
- Esatto.
- Come il maiale?
- Giusto. Però il salame viene meglio dal maiale che dal bisonte.
- Anche i ciccioli?
- Uguale. Ma non è l’indiano l’opposto del cow-boy. È l’astronauta
- L’astronauta?
- Esatto. L’astronauta. Pensaci: l’astronauta sta nella stazione spaziale, lontano da casa, a migliaia di chilometri d’altezza. Vede la terra dall’alto, un pianetino piccolo e sperduto nell’universo. Così l’astronauta capisce che se la terra non è illimitata non sono illimitate neanche le sue risorse e poi...
- Poi torna giù con lo Shuttle, atterra, va a farsi un hamburger e se ne frega.
- Può essere. Ma quando sta nella stazione spaziale deve starci attento: lì l’acqua è limitata, l’energia viene dal sole, mica dalla benzina, il cibo è misurato...
- Dicono che non si mangi gran che bene nella stazione spaziale internazionale?

“ il governo che cambia continuamente gli incentivi sulle rinnovabili? una volta sì, una volta no, poi ancora si? poi no, poi si vedrà? è green economy? ”

- Non credo servano i ciccioli di maiale. Ma è un esempio, se riesci a comprendere una cosa complicata come un esempio: dobbiamo pensare la Terra come un’unica grande navicella spaziale provvista di
riserve limitate. Che quindi non vanno distrutte.
- Adesso tutto mi è più chiaro. Obama è Green economy?
- Obama ha detto che la Green economy è l’economia del futuro. L’unica che potrà far ripartire l’economia americana.
- Il pannello solare sul tetto? Quello che fa l’acqua calda? Lo metto?
- Certo. È Green economy
- Il pannello sul tetto, ma che fa l’energia elettrica?
- Anche quello è Green economy
- I campi pieni di pannelli solari invece che di peschi e campi di grano?
- Più furbizia per beccarsi gli incentivi che Green economy
- Il governo che cambia continuamente gli incentivi sulle rinnovabili? Una volta sì, una volta no, poi ancora si? Poi no, poi si vedrà? È Green economy?
- È confusione mentale.
- Ristrutturare casa per farle consumare meno di riscaldamento?
- È Green economy. In qualche anno ti riprendi l’investimento e poi cominci a guadagnare
- Convincere il condominio a fare lo stesso?
- Più difficile. C’è sempre quello del terzo piano che è contrario a priori.
- L’auto a metano?
- È Green economy. In attesa di quella elettrica che sarà meglio
- La bicicletta?
- La bicicletta è Green economy prima ancora che venisse pensata la Green economy.
- Il mercato dei contadini in piazza, quello a chilometri zero?
- È Green economy
- Risparmiare l’acqua?
- È Green economy
- Bagno nella vasca o doccia?
- Doccia. Si consuma meno.
- Quando fai il bidet stai seduto faccia al muro o in avanti?
- Che c’entra?
- Mi son fatto prendere la mano. Scusa.
- Figurati.

 

Sostenibilità

Un Bilancio “straordinario”
Sostenibilità

notizia 1

di Giancarlo Strocchia e Sara Ghedini

L’insorgenza della pandemia ha inciso inevitabilmente su tutti i processi aziendali, anche quelli che investono la sostenibilità. Il nuovo Bilancio di sostenibilità 2020 del Gruppo Rekeep ne rende conto ma, allo stesso tempo, descrive i grandi passi avanti compiuti in base agli obiettivi.

LEGGI

Crescono in Rete i “fan” di Rekeep
Social

notizia 2

a cura della Redazione

Sembrava una sfida complessa ma si è trasformata in una bella scommessa vinta. Parliamo dell’apertura e dello sviluppo dei canali social di Rekeep e della diffusione di storie e post che raccontano le attività aziendali e l’impegno di ogni singolo operatore, anche e soprattutto in questo periodo di emergenza sanitaria.

LEGGI

Gente come Noi

La nostra forza

Gente come Noi

notizia 2

di Chiara Filippi

In tre interviste gli ingredienti del successo di Rekeep: passione e responsabilità, voglia di riscatto ed orgoglio, competenza e senso di appartenenza.

LEGGI