YouGenio

Scopri YOUGENIO

VIDEO

Essere Manutencoop #TRAILER

Persone
Massimo Cirri intervista Claudio Levorato - Essere Manutencoop #TRAILER

PLAY

Festività 2016

Gruppo
Festività 2016
Gli auguri dei vertici del Gruppo Manutencoop PLAY

Bilancio Sociale 2014

Eventi
Presentazione Bilancio Sociale 2014

PLAY

SU IL SIPARIO SU REKEEP

leggi la loro storia

gente come noi i nostri veri testimonial
Sei in: webAmbiente / numero 2 - 2011 / Il bancone del bar

IL BANCONE DEL BAR

Nicolini

di MASSIMO CIRRI
biografia

due sorsi di confidenze
Verbale d’Assemblea

- Dammi l’immagine più importante dell’assemblea. Quella più significativa. La foto ricordo?
- E cosa sono? Un fotografo?
- No. Sei uno che c’è stato.
- E quindi?
- E quindi la racconti a chi non c’era.
- Con un’immagine?
- Esatto.
- Vediamo... Allora: l’immagine è quella dei soci nel salone di Palazzo Albergati.
É un bel posto, una grande villa con un parco, appena fuori Bologna. Sono tutti seduti nel salone, ci sono tante poltroncine e gli addobbi floreali. Molto belli. É un luogo elegante. E anche le persone sono eleganti. Un po’ ma non troppo. C’è gente in camicia, gente in giacca e cravatta. Le signore sono più disinvolte, come sempre. Ci si ritrova fra soci che casomai non si vedevano da un po’ di tempo. Si chiacchiera. “Come stai? Sei sempre lì a Imola? Hai notizie di Landi che è andato in pensione?” Si aspetta che cominci l’assemblea.
- Vista così, come immagine, sembra più gente in chiesa, in attesa dell’inizio di un matrimonio. Mancano solo i discorsi su come sarà vestita la sposa.
- Vero. Ma un po’ è così. Perché l’assemblea è una cosa importante. Anche se c’è ogni anno mentre di matrimoni, in una vita, ne capitano di meno. Neanche Liz Taylor si sposava una volta all’anno. Mentre si aspetta l’inizio della cerimonia, proprio come ad un matrimonio, qualcuno si chiede che cravatta indosserà il Presidente Levorato
- Poi?
- Poi l’assemblea comincia e l’immagine cambia.
- E diventa?
- Diventa quella di un gruppo di persone che fa il bilancio di un anno della propria vita lavorativa.
- Numeri?
- Numeri, dati, discorsi sugli utili e sugli investimenti.
- Allora qui l’immagine è quella di un consiglio di amministrazione. Robe di finanza, quanti soldi abbiamo fatto e quanti ne potremmo fare l’anno prossimo?
- Un po’, forse, ma neanche tanto.
- Perché?
- Perché un attimo dopo l’immagine cambia di nuovo.
- Come?
- Dai numeri si ritorna alle persone.
- Cioè?
- Si guardano in numeri – è pur sempre l’assemblea che deve approvare il bilancio dell’anno precedente – ma si guardano in trasparenza, per vedere quello che c’è dietro. E dietro ci sono le persone. Quelle che in cooperativa hanno lavoro, reddito, stabilità, rispetto dei diritti individuali e di quelli collettivi.
- Immagine?
- Immagine dei 1600 tra lavoratori e soci, lì a Palazzo Albergati, di tutte le razze umane, che vengono da tutti i paesi del mondo, compreso Lugo di Romagna, e sono uniti dal lavoro che fanno.
- Tipo Assemblea generale dell’ONU.
- Tipo, ma con più fiducia in se stessi. Perché l’ONU, ultimamente, quanto a fiducia in sé non è che sia messa benissimo.
- Giusto. E poi, scusa, parlare di razze non è un po’ da razzisti? Perché la razza è una sola...
- Lo so: quella umana. Ma sei tu che volevi la fotografia ad effetto e allora io ti accontento.
- Allora cosa mettiamo come didascalia della foto?
- Potrebbe essere “Cooperazione moderna?”
- Che significa?
- Un gruppo leader in Italia che va verso l’Europa. Sta sul mercato globale, non ne ha paura...
- Noi al mercato gli facciamo un mazzo così...
- ... esatto, perché abbiamo in più il vantaggio della cooperazione.
- Poi?
- Poi dibattito e votazioni
- L’immagine è “Congresso di partito”?
- Non saprei. Non è che la politica, a fiducia in sé, sia anche lei ben messa...
- E l’elezione del Consiglio di Amministrazione? Ci sono i seggi? I sondaggi? Gli exit pool? Emilio Fede che mette le bandierine sulla cartina dell’Italia?
- No, grazie. É tutto più tranquillo di come te lo immagini.
- Altra immagine.
- Pranzo sociale: grandi tavoli, camerieri, brindisi. Qualcuno di quelli in giacca e cravatta si toglie la giacca e si allenta la cravatta. Rilassatezza.
- Quelli in camicia se la tolgono e restano in canottiera?
- No.
- Tasso alcolico?
- Moderato
- Poi?
- Foto ricordo. A gruppi.
- Gente che fa le corna a quello davanti?
- Per favore!
- Altra immagine?
- Musica nel parco. Suonano i “Tengomiedo”
- Professionisti?
- Forse sono lavoratori del Gruppo, quindi professionisti.
- Un’altra foto.
- Gente che balla, festa multietnica. Un mix tra una parata di orgoglio aziendale, una balera in un posto di mare e adunata degli alpini.
- Con i balli come siamo messi? Si arriva al trenino?
- Ci si può arrivare. Ma senza deragliare dai binari della compostezza.
- Immagine finale?
- I “Tengomiedo” che ancora ci danno dentro con i ritmi latini. Ancora gruppi di soci irriducibili che ballano...
- Ascelle sudate?
- Diverse. Altri seduti ai tavoli che chiacchierano, qualcuno sdraiato sull’erba...
- ...cosciente?
- Molto rilassato ma sempre cosciente.
- E a proposito di flussi di coscienza: la cravatta di Levorato, com’era?
- In che senso?
- Più da matrimonio, da consiglio d’amministrazione, da congresso di partito, da segretario generale dell’ONU, da notte di fuoco in Romagna o da Déjeuner sur l’herbe?
- Inteso come il quadro di Manet?
- Quello.
- Sai come sono le cravatte di Levorato...
- ...tutte le cose insieme?
- Tutte.

Attualità

Un Gruppo che cambia

Attualità

notizia 1

di Chiara Filippi

Dopo lunghe e impegnative operazioni finanziarie, il 100% di Manutencoop Facility Management S.p.A. è tornato nelle mani di Manutencoop Società Cooperativa. La conclusione dell’iter è coincisa, inoltre, con la nomina di un nuovo consiglio di amministrazione e la riorganizzazione del management aziendale.

LEGGI

Formazione

Il nostro talent show

Formazione

notizia 2

di Chiara Filippi

Al via un ricco programma di nuovi progetti e iniziative che interesseranno trasversalmente dalla formazione al potenziamento dei canali di selezione passando per eventi e collaborazioni con le università.

LEGGI

Sostenibilità

Al S.Orsola-Malpighi una centrale del futuro
Sostenibilità

notizia 2

di Giancarlo Strocchia

Un intervento del valore di 37,4 milioni di euro, realizzato da Manutencoop Facility Management, ha consentito di dotare una delle principali strutture sanitare della regione, e del paese, di un impianto di trigenerazione energetica.

LEGGI