YouGenio

Scopri YOUGENIO

TUTTINGIRO

Torna più avventuroso che mai anche per l’estate 2019 il progetto “Tuttingiro” ovvero i campi residenziali estivi che il Gruppo Rekeep mette a disposizione gratuitamente in tutta Italia per i figli dei dipendenti con età compresa tra gli 11 ed i 14 anni.

Termine per presentare la domanda di partecipazione: 3 maggio 2019.

Scarica il catalogo dell’edizione 2019

VIDEO

Essere Manutencoop #TRAILER

Persone
Massimo Cirri intervista Claudio Levorato - Essere Manutencoop #TRAILER

PLAY

UN OMAGGIO DOPPIO

leggi la loro storia

gente come noi i nostri veri testimonial
Sei in: webAmbiente / numero 2 - 2009 / Voglia di ricominciare

Levorato

traduzione: eng | عربي

di Laila Bernardi

Voglia di ricominciare

Una tragedia che ha aperto ferite fisiche e psicologiche che solo il tempo potrà sanare. Ma il terremoto non ha scalfito la proverbiale fierezza degli abruzzesi, che oggi soffrono perdite immani ma che sono già al lavoro per rialzarsi più forti di prima. Come Rosaria e Giovanni, dipendenti di Manutencoop, che raccontano i momenti di terrore ma anche tutto il loro desiderio di rivincita.

Rosaria Angelini, 45 anni, faceva le pulizie e talvolta il servizio di portierato per Manutencoop alla facoltà di Scienze Motorie dell’Università dell’Aquila. Ora l’edificio universitario è semidistrutto e la sua casa è inagibile. Adesso Rosaria vive in un albergo a Roseto degli Abruzzi e nel raccontare il suo ultimo mese ha una lucidità tale che sembra parli di un film visto di recente. A partire dalla notte del 6 aprile, quando la scossa delle 3 e 32 l’ha trovata sveglia. “Abitavo in via XX settembre, di fianco ad un palazzo che è completamente crollato – dice – mi sono sentita alzare dal letto e ributtare giù, poi grandi giramenti di testa, e intanto tutto crollava. Sono andata a vedere mio figlio in camera sua e abbiamo cercato di uscire. Non è stato facile, perché il soppalco crollato ci impediva di aprire la porta”.

Rosaria: “Siamo tutti angosciati. Vengano a vederci quelli che dicono che qui sulla costa ci stiamo facendo una vacanza”

Rosaria abitava in quella zona che ora è stata definita extrarossa, la sua abitazione deve ancora essere controllata, ma le persone con cui ha parlato le hanno anticipato che sarà da demolire. Ha perso tutto, la casa, il lavoro, anche se in testa ai suoi pensieri rimane suo figlio, che ha mandato presso alcuni parenti in una regione d’Italia dove spera si trovi lavoro più facilmente. “È orafo mio figlio – dice – qui a L’Aquila non aveva ancora trovato il posto che voleva, ma nel frattempo faceva altri lavoretti per guadagnare qualcosa: ora nemmeno più quelli”. Rosaria al momento del terremoto era sconvolta, ma non incredula, e ora è arrabbiata. “C’era da aspettarselo, sì. Era da dicembre che sentivamo le scosse – spiega - alcune anche forti e continuate, ma il menefreghismo delle autorità è stato tale che il terremoto a L’Aquila è sembrata una sorpresa per tutti. Per tutti, ma non per noi”. E un donna forte e piena di grinta, Rosaria. Spera di poter lasciare Roseto al più presto e andare in una casetta prefabbricata. Pensa che in qualche modo dovrà risolvere il problema del lavoro. “Sì – aggiunge – perché senza lavoro non può andare avanti molto. Siamo tutti angosciati. Vengano a vederci quelli che dicono che qui sulla costa ci stiamo facendo una vacanza”.

Giovanni: “Lavoro molto, alla sera sono stanco ma contento perché mi sento utile, ma mi auguro che il lavoro torni per tutti”

Era sveglio anche Giovanni Salomone quella brutta notte. Abitava a Paganica, frazione de L’Aquila fra le più colpite, oggi zona rossa. “Cadevano i soprammobili e i quadri attorno a me e qualche calcinaccio – racconta – ma sentivo pezzi di cornicioni e di muri che crollavano nelle strade vicine. Quando ho realizzato non riuscivo ad alzarmi dal letto. Appena ho potuto sono uscito per andare a prendere i nonni che abitavano di fronte”. Ora sta in una roulotte, stanco di fare avanti e indietro dalla costa abruzzese, e lavora molto.

“Sono un manutentore di impianti – dice – ed è facilmente immaginabile come in questo momento ci sia bisogno di persone come noi, soprattutto negli stabili danneggiati ma non completamente inagibili”. Salomone lavora per la messa in sicurezza di alcuni edifichi che presto forse potranno riaprire, e affianca insieme ad altri colleghi di Manutencoop i Vigili del Fuoco e la Protezione Civile per le riparazioni e i sopralluoghi. Ha 38 anni e la casa dove abitava ha retto bene alle scosse, ma non può rientrare. “Sì – spiega – la casa è intatta, l’avevamo fatta io e mio padre ed era forte e stabile. Purtroppo il terreno sottostante è smottato di 15 centimetri”. Giovanni Salomone, nella sfortuna, è uno dei pochi per cui il lavoro è aumentato, vive nei cantieri anche 11-12 ore al giorno, soprattutto nell’area dell’Università dove c’è la facoltà di Scienze Biologiche, quartiere di Coppito. “Lavoro molto, alla sera sono stanchissimo ma contento perché mi sento utile – aggiunge – ma mi auguro che il lavoro torni per tutti”. “stato molto brutto – sospira – e prima di addormentarmi mi chiedo quando torneremo ad una vita normale”.

Alfredo: “Quando la gente è venuta da me, con lo stesso indumento indossato al momento del terremoto, ho sentito quanto è importante essere uniti”

“I più danneggiati dei 120 dipendenti – dice Alfredo DelliSanti, responsabile di commessa per la manutenzione a L’Aquila e coordinatore locale per Manutencoop - sono quelli dell’igiene, o quelli che svolgevano portierato e reception all’interno delle strutture universitarie e pubbliche. I manutentori non si fermeranno, ma noi pulivamo circa 100.000 metri quadrati di superficie che oggi non ci sono più, e sarà lunga e difficile recuperarli”.

Dellisanti è la persona più vicina ai lavoratori aquilani, colui a cui tutti si rivolgono per avere notizie, pareri, e anche rassicurazioni. “Non sono aquilano – dice – ho un incarico qui. Non posso dire di aver vissuto il terremoto come lo hanno vissuto loro, ma quando la gente è venuta da me in ciabatte, con addosso lo stesso indumento indossato al momento del crollo, allora ho sentito davvero quanto è importante essere uniti, sentirsi parte di qualcosa. E a questo proposito voglio ringraziare a nome di tutti la nostra azienda, che è stata presente e vicina fin dai primi momenti di questa tragedia”.

Speciale Tour 80 anni

Ottant'anni, ma non li dimostra
Speciale Tour 80 anni

notizia 1

di Giancarlo Strocchia

Si sa, il bon ton prevede che chiedere l’età ad una signora, soprattutto se non più giovanissima, risulti sconveniente. Ma in questo caso il dato anagrafico è utile per comprendere quanta strada, quante vicissitudini ma anche quante vittorie prima la “Cooperativa per le manovalanze ferroviarie”, poi la Manutencoop società cooperativa e Manutencoop Facility Management, e oggi Rekeep, hanno raccolto e superato nel lungo corso della propria storia imprenditoriale.

LEGGI

Speciale Tour 80 anni

Orgogliosi al traguardo

Speciale Tour 80 anni

notizia 2

di Chiara Filippi

A Bologna la tappa finale del tour itinerante “Siedi, Leggi e Viaggia! La Biblioteca di Rekeep”, ha trovato spazio nel cuore della città e della zona universitaria: il Foyer del Teatro Comunale. Dal 13 al 18 novembre la Biblioteca è stata ogni giorno animata da letture dei volumi e presentazioni di libri con alcuni importanti giornalisti e scrittori italiani, attirando un pubblico numerosissimo. Non sono mancati anche due appuntamenti legati particolarmente alla città di Bologna.

LEGGI

Speciale Tour 80 anni

Una grande festa italiana
Speciale Tour 80 anni

notizia 2

di Chiara Filippi

Ieri Manutencoop, oggi Rekeep, ma senza abbandonare l’attenzione alle persone e alla loro crescita. Per festeggiare i suoi 80 anni l’azienda ha deciso di girare l’Italia presentando la propria nuova identità ma anche sottolineando l’importanza che riveste la cultura dell’integrazione attraverso l’iniziativa “Siedi, Leggi e Viaggia! La Biblioteca di Rekeep” che ha portato in alcune grandi città oltre 3.000 opere narrative donate alle biblioteche cittadine.

LEGGI