YouGenio

Scopri YOUGENIO
Facilita - Il welfare di Manutencoop
Noi No

VIDEO

Essere Manutencoop #TRAILER

Persone
Massimo Cirri intervista Claudio Levorato - Essere Manutencoop #TRAILER

PLAY

Festività 2016

Gruppo
Festività 2016
Gli auguri dei vertici del Gruppo Manutencoop PLAY

Bilancio Sociale 2014

Eventi
Presentazione Bilancio Sociale 2014

PLAY

SU IL SIPARIO SU REKEEP

leggi la loro storia

gente come noi i nostri veri testimonial

comics

di LELE CORVI

vignetta

LEGGI

PICNIC

L'area riservata ai soci Manutencoop

PICNIC
Sei in: webAmbiente / numero 2 - 2018 / L’assemblea del cambiamento

Cooperativa

di Giancarlo Strocchia

traduzione: eng | عربي

L’assemblea del cambiamento

Di fronte a oltre 1.000 partecipanti l’Assemblea dei soci del 26 maggio 2018 non solo ha ufficialmente sancito il cambio di denominazione ma ha deliberato l’uscita di Rekeep dalla Lega delle Cooperative e ha dato il benvenuto ad un nuovo management giovane e competente.

Nonostante sia un appuntamento che si ripete regolarmente,, con il suo cerimoniale e i suoi regolamenti, ogni Assemblea dei soci presenta un’angolatura diversa.
La cornice, anche per l’appuntamento del 26 maggio 2018, è quella verdeggiante e accogliente di Palazzo Albergati. I visi, le chiacchiere, le battute e l’allegria sono quelli proverbiali.
L’affluenza, che supera le 1000 presenze, farebbe tremare i polsi a qualsiasi organizzazione, ma all’apparenza tutto si svolge in serenità e senza ansie da prestazione. Ma stavolta, come è stato per altre volte, si avverte un certo fermento.

Un po’ perché questa è l’edizione degli 80 anni (data di nascita ufficiale, il 18 novembre 1938) e un po’ perché gli avvenimenti degli ultimi mesi hanno delineato una situazione in trasformazione, una mutazione costruttiva ma che attende di essere disvelata in tutta la sua portata storica.
E mentre nei giardini del bel palazzo del XVII secolo si svolgono i riti, piacevoli, della colazione e delle foto, all’interno si susseguono i momenti scanditi dall’ordine del giorno.

Una video-presentazione tratteggia il profilo aggiornato dell’azienda. L’introduzione è significativa e racconta subito di un 2017 di svolta per Manutencoop Facility Management che è tornata al 100% nelle mani della Cooperativa grazie alla liquidazione, nel mese di ottobre 2017, delle quote detenute dai fondi di private equity attraverso i capitali raccolti dalla società CMF SpA (poi fusa in MFM con efficacia dal 1 luglio 2018).

Ma questo è solo lo sfondo di un cambiamento che attende di culminare, come raccontiamo in altre pagine di questo giornale, della nuova denominazione Rekeep. Si continua elencando i numeri del bilancio consolidato, ovvero i risultati complessivi di tutto il Gruppo controllato da Manutencoop Società Cooperativa. I ricavi risultano un po’ in calo, a causa delle persistenti difficoltà a livello macroeconomico e di mercato.

Le nuove iniziative commerciali poste in essere negli anni passati, ovvero lo sviluppo internazionale e le attività di Yougenio, sono ancora in fase di startup e, quindi, non producono ancora rendimenti evidenti.
I ricavi consolidati si attestano a 919 milioni di euro, in diminuzione rispetto ai 930 milioni di euro dell’esercizio precedente.

L’andamento dei volumi, tuttavia, dal 1984, evidenzia una crescita media annua del +13%. Un altro dato importante riguarda il numero degli occupati che, dallo stesso anno, è cresciuto ad un tasso medio annuo dell’11%. Anche nel 2017 Manutencoop Facility Management continua a creare posti di lavoro e, al netto di Roma Multiservizi, il numero dei dipendenti del Gruppo è cresciuto del circa 1%, pari a 118 unità.
L’EBITDA, l’indicatore dell’efficienza aziendale, si attesta nel 2017 a 84,7 milioni di euro, in lieve discesa rispetto ai 97,7 milioni di euro nel 2016, mentre, anche a causa delle operazioni relative al riacquisto delle quote in mano ai fondi, l’utile netto risulta negativo per circa 3 milioni.

Guardando al primo trimestre del 2018, nonostante la flessione che evidenziano alcuni tra i principali indici economici, MFM, ora Rekeep, registra una significativa crescita delle acquisizioni commerciali con nuove commesse e riaggiudicazioni pari a 241 milioni di euro, circa tre volte il valore conseguito nello stesso periodo del 2017 quando era pari a 82 milioni di euro.

Ma un dato risalta su tutti a questo punto, e si chiama ristorno. Infatti, dopo 8 anni, grazie all’importante utile registrato nel 2017, la Cooperativa torna ad erogare il ristorno, il principale strumento a disposizione per remunerare il capitale e l’attività imprenditoriale apportata da ogni singolo socio.
L’attribuzione del ristorno seguirà criteri differenti correlati ai giorni lavorati e all’inquadramento, e il suo costo complessivo, per la Cooperativa, sarà pari a 3,7 milioni di euro.

Uno risvolto importante, questo, dell’attività dell’azienda e che offre lo spunto e l’aggancio per introdurre l’intervento del presidente Claudio Levorato che passa in rassegna le ultime vicissitudini societarie.
Non sono stati mesi facili, sottolinea il presidente, ma che hanno fatto emergere il grado di resilienza dell’azienda. Una resilienza che poggia a la propria stabilità su fondamenta solide: sull’organizzazione, la competenza, le risorse umane. Un patrimonio essenziale, che ha permesso di respingere ogni genere di attacco e che oggi proseguirà a guidare le crescita dell’azienda anche senza l’affiliazione alla Lega della Cooperative.
Una uscita che era nell’aria di cui si è discusso abbondantemente nei mesi scorsi e nelle pre-assemblee, e che l’assemblea sancisce sostanzialmente all’unanimità.

Poi, a salire sul palco, tocca alle giovani generazioni del nuovo management.
Uomini e donne cresciuti all’interno dell’azienda, che ne hanno disegnato la fisionomia e determinato il successo e che ora sono chiamati ad assumersi nuove e sfidanti responsabilità.
Momenti di grande tensione emotiva, quindi, che prefigurano un desiderio di rilancio che guarda anche all’internazionalizzazione come sbocco naturale per un’azienda che intende crescere e assicurare stabilità e benessere a tutti i suoi collaboratori.

Con questa consapevolezza si va a pranzo, tra i tanti tavoli imbanditi che affollano ogni spazio di Palazzo Albergati, a cui segue la performance scatenata e “ballerina” di Augusto Amicucci nelle vesti e nelle note di Renato Zero. Un finale scoppiettante per celebrare le tante nuove sfide che attendono la nuova Rekeep.

Agosto 2018

Sostenibilità

Al S.Orsola-Malpighi una centrale del futuro
Sostenibilità

notizia 1

di Giancarlo Strocchia

Un intervento del valore di 37,4 milioni di euro, realizzato da Manutencoop Facility Management, ha consentito di dotare una delle principali strutture sanitare della regione, e del paese, di un impianto di trigenerazione energetica.

LEGGI

Attualità

Un Gruppo che cambia

Attualità

notizia 2

di Chiara Filippi

Dopo lunghe e impegnative operazioni finanziarie, il 100% di Manutencoop Facility Management S.p.A. è tornato nelle mani di Manutencoop Società Cooperativa. La conclusione dell’iter è coincisa, inoltre, con la nomina di un nuovo consiglio di amministrazione e la riorganizzazione del management aziendale.

LEGGI

Welfare aziendale

L’estate ha il segno del divertimento
Welfare aziendale

notizia 2

a cura della Redazione

I centri estivi promossi da Manutencoop hanno attratto anche lo scorso anno un piccolo contingente di quasi 300 bambini e ragazzi, figli dei dipendenti delle società del gruppo, che hanno così condiviso l’esperienza di trascorrere insieme momenti di svago.

LEGGI